Mercoledì 05 Agosto 2020 | 13:19

NEWS DALLA SEZIONE

TURISMO
Bari, al turismo non basta il solo Bonus vacanze

Bonus vacanze: nel Barese l'iniziativa è un flop

 
la decisione
Patrick Zaky, il Comune di Bari concederà cittadinanza onoraria al ricercatore rapito

Patrick Zaky, il Comune di Bari concederà cittadinanza onoraria al ricercatore rapito

 
estate
Addio pesce fresco: il fermo fino al 20 agosto

Bari, addio pesce fresco: il fermo biologico fino al 20 agosto

 
in libano
Beirut, militare di Bitonto ferito in esplosioni: il messaggio del sindaco

Beirut, militare di Bitonto ferito in esplosioni: il messaggio del sindaco

 
coronavirus
Bari, sindacati denunciano: «Sui bus senza mascherina»

Bari, sindacati denunciano: «Sui bus senza mascherina»

 
il video
Bari, l'appello di Decaro: «Non lasciamo soli gli amici cani»

Bari, l'appello di Decaro: «Non lasciamo soli gli amici cani»

 
La decisione
Roghi nelle campagne di Mola, Colonna: «Droni per scovare i piromani»

Roghi nelle campagne di Mola, Colonna: «Droni per scovare gli incendiari»

 
La decisione
Bari, mons. D'Urso lascia presidenza Consulta nazionale antiusura

Bari, mons. D'Urso lascia presidenza Consulta nazionale antiusura

 
Il caso
Allarme bomba alla stazione della Ferrotramviaria a Bari: treni fermi anche per le Fal

Bari, allarme bomba alla Ferrotramviaria: trovato borsone con abiti. Riparte circolazione ferroviaria

 
IL VERTICE
Bari, scuole in crisi ma dalla ministra solo promesse

Bari, scuole in crisi ma dalla ministra solo promesse

 
Adelfia, laboratorio della droga in uno stabile abbandonato: arrestato 32enne

Adelfia, laboratorio della droga in uno stabile abbandonato: arrestato 32enne

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariTURISMO
Bari, al turismo non basta il solo Bonus vacanze

Bonus vacanze: nel Barese l'iniziativa è un flop

 
Tarantoil caso
Taranto, imprenditore truffa la Regione. L'Avvocatura gli fa sequestrare la casa

Taranto, imprenditore truffa la Regione: Avvocatura gli fa sequestrare casa

 
Batl'episodio a giugno
Minore pestato dal branco a Bisceglie: arrestati altri 6 minori

Minore pestato dal branco a Bisceglie: arrestati altri 6 minori

 
PotenzaSANITÀ
La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

 
MateraL'EROSIONE
Metaponto, il maltempo taglia la spiaggia

Metaponto, il maltempo taglia la spiaggia: lidi in ginocchio

 
BrindisiAMBIENTE
Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

 
Foggiacaporalato
Foggia, sanatoria solo per le badanti: tutto inutile nelle campagne

Foggia, sanatoria solo per le badanti: tutto inutile nelle campagne

 

i più letti

viabilità

SS16, il Ministero chiude la partita: la variante partirà da Mungivacca

Scartati definitivamente i tragitti ipotizzati dai comuni di Noicattaro e Triggiano

SS16, il Ministero chiude la partita: la variante partirà da Mungivacca

Bretella Bari-Mola: avanti tutta. Anche l'ultimo incontro romano conferma le indicazioni scaturite da un anno di confronti tra Enti locali, Anas e Regione Puglia: la strada giusta è la variante alla Statale 16 nel tratto a sud del capoluogo. Nella sede del dicastero di Infrastutture e trasporti, bocciato una volta per tutte l’irrealizzabile allargamento dell'attuale carreggiata (per motivi tecnici e legali), ma cassato anche il progetto alternativo presentato in extremis dall'amministrazione comunale di Noicattaro che avrebbe raddoppiato il percorso (da Bari si arriva a Polignano), i costi (i soldi chi avrebbe dovuto metterli?) e i territori comunali attraversati: di fatto è stato ritenuto improponibile anche in relazione ai tempi della procedura. Che sarebbe dovuta ripartire da zero, con l’unico concreto effetto di far perdere il finanziamento di 250 milioni già stanziato dal Cipe.

Si va quindi avanti con la cosiddetta opzione C, il percorso alternativo alla Statale 16, che parte dallo svincolo di Mungivacca e si dipana tra le campagne del capoluogo, lungo Triggiano e Noicattaro per giungere a Mola dopo 17,5 chilometri, con l'Anas ormai vicina a chiudere la conferenza di servizi sul progetto.

D'altronde, la scelta della bretella, era stata già effettuata a settembre scorso, sempre a Roma. Non è un caso, che alla convocazione voluta dal sottosegretario penstastellato Giovanni Cancelleri (dello stesso partito del sindaco di Noicattaro, Raimondo Innamorato), siano intervenuti i tecnici ma non l'assessore regionale Gianni Giannini né i sindaci di Bari e della Città metropolitana, Antonio Decaro e di Mola, Giuseppe Colonna, ovvero gli esponenti delle amministrazioni favorevoli alla suddetta variante. L'altro Comune «dissidente», Triggiano, avrebbe dato la disponibilità a studiare le opere alternative da proporre quale risarcimento per il consumo del territorio.

Definito una volta per tutte il progetto prescelto, adesso si dovrà procedere le con le richieste di pareri e autorizzazioni a livello ambientale e paesaggistico, in modo da giungere alla firma dell’appalto, necessariamente entro fine 2021, per realizzare un’opera in cui «è preminente l’interesse pubblico rispetto agli interessi territoriali dei singoli Comuni», hanno scritto i tecnici del Ministero nella relazione dell'incontro di settembre scorso.

Erano due le proposte stilate dall'Anas di un percorso alternativo tra Bari e Mola. La più idonea, la «C», prevede una bretella a sei corsie che si dirama dalla Statale 100, all’altezza dello svincolo Mungivacca-San Pasquale, attraverso i territori di Triggiano e Noicattaro, per poi ricongiungersi al tracciato della SS 16 all’altezza di Mola. Il tracciato in variante si sviluppa parallelamente alla ferrovia, «andando a costituire un corridoio infrastrutturale gomma-ferro che limita la frammentazione dei suoli», dicono sempre i tecnici ministeriali. Lunghezza 17,5 km con 5 svincoli e 8 ulteriori opere tra ponti e sottopassi.

Emblematiche le parole degli esperti sulla decisione di puntare la variante che parte da Mungivacca per arrivare a Mola, nell'ottica di decongestionare la statale 16, in corrispondenza della tangenziale barese, dall’assedio quotidiano dell'abnorme volume di traffico proveniente dalla dorsale Adriatica verso il Salento, la costa ionica e il resto del Sud della penisola. «La bretella appare l’unica soluzione che risponda alle esigenze per la quale è stata inserita e finanziata nel programma nazionale Anas 2016-2020, idonea a risolvere problematiche relative a flussi di traffico di una grande via di comunicazione», tra l’altro «ricadente in un corridoio europeo Ten-T (reti trans europee di trasporto)», sottolineano i professionisti.

Infatti, com'è noto, il tratto barese della Statale 16 rappresenta uno dei punti nodali dei flussi su gomma a livello nazionale, tanto da aver da tempo raggiunto i limiti di guardia (anche in termini di inquinamento), come confermano i dati statistici, che classificano l'arteria come la strada con la più alta intensità di traffico (ed incidenti) d’Italia.

Anche sul cosiddetto adeguamento in sede col passaggio da quattro a sei corsie sono emblematiche le valutazioni dei tecnici sia per «i maggiori ostacoli dal punto di vista espropriativo, anche in area urbana, con 70 fabbricati da demolire», sia in relazione «al rispetto delle norme relative alla sicurezza delle infrastrutture», sia in termini di impatto ambientale «sulle lame San Giorgio e Giotta».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie