Venerdì 06 Dicembre 2019 | 13:37

NEWS DALLA SEZIONE

La polemica
L'auto di Fantozzi spunta ad Acquaviva: addobbo natalizio o ironica trovata?

L'auto di Fantozzi spunta ad Acquaviva: addobbo natalizio o ironica trovata?

 
Lotta alla droga
Bitonto, in giro con 200 grammi di cocaina e marijuana: due arresti

Bitonto, in giro con 200 grammi di cocaina e marijuana: due arresti

 
Maltempo
Bari, aeroporto in tilt per la nebbia: decine di voli cancellati, rabbia dei passeggeri

Bari, aeroporto in tilt per la nebbia: decine di voli cancellati e dirottati

 
L'incontro con i fan
Ciro di Gomorra sbarca a Bari: oggi e domani al Galleria per «L'Immortale»

Ciro di Gomorra sbarca a Bari: oggi e domani al Galleria per «L'Immortale»

 
Il ritrovamento
Bari, Gdf sequestra pistola e droga nascoste nell'atrio di un palazzo

Bari, Gdf sequestra pistola e droga nascoste nell'atrio di un palazzo

 
La città che cambia
Bari, chiude anche Monachino: lo storico negozio di musica della città vecchia

Bari, chiude anche Monachino: lo storico negozio di musica della città vecchia

 
Festività
Bari, s'accende l'albero: stop al traffico, ecco i percorsi

Bari, s'accende l'albero: stop al traffico, ecco i percorsi

 
L'operazione
Trafficava eroina a Bari, estradato latitante dall'Austria

Trafficava eroina a Bari, estradato latitante dall'Austria

 
Davanti il comune
Tensione all'inaugurazione del Piccinni: la protesta della Cassa Prestanza

Tensione all'inaugurazione del Piccinni: la protesta della Cassa Prestanza

 
L'inaugurazione
Bari, dopo 9 anni di restauro: «Signore e signori riapre il Teatro Piccinni»

Bari, dopo 9 anni di restauro: «Signore e signori riapre il Teatro Piccinni»

 

Il Biancorosso

L'intervista
Bari calcio, Strambelli: «La quadratura è raggiunta»

Bari calcio, Strambelli: «La quadratura è raggiunta»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceSanità
Lecce, al via screening gratuiti per la prevenzione del tumore del colon retto

Lecce, al via screening gratuiti per la prevenzione del tumore del colon retto

 
BariLa polemica
L'auto di Fantozzi spunta ad Acquaviva: addobbo natalizio o ironica trovata?

L'auto di Fantozzi spunta ad Acquaviva: addobbo natalizio o ironica trovata?

 
TarantoIl folle gesto
Taranto, minaccia di gettarsi dal cornicione del lungomare: salvata dalla polizia

Taranto, minaccia di gettarsi dal cornicione del lungomare: salvata dalla polizia

 
MateraIl colpo
Matera, arrestato bandito 26enne. Aveva un biglietto d'aereo pronto per partire

Matera, arrestato bandito 26enne: aveva un biglietto d'aereo pronto per partire

 
BrindisiAtto vandalico
Brindisi, l'autobus non si ferma e lui gli lancia contro una pietra: denunciato

Brindisi, l'autobus non si ferma e lui gli lancia contro una pietra: denunciato

 
BatIn zona Zagaria
Andria, scattano i sigilli a discarica abusiva di 23 mila metri quadri

Andria, scattano i sigilli a discarica abusiva di 23 mila metri quadri

 
PotenzaA Rionero in Vulture
Compravendita illegale di loculi: indagati nel Potentino

Gettavano salme in fosse comuni per liberare loculi nel cimitero: 6 arresti nel Potentino VD

 

i più letti

L'odissea

«Per noi cervelli in fuga è impossibile tornare»: la denuncia di una coppia a Emiliano e Decaro

Marito e moglie professionisti trasferiti da 6 anni a Milano hanno cercato un lavoro in Puglia. Ecco com’è andata

giovani all'estero cervelli in fuga

BARI - Bisogna intendersi. I giovani soprattutto meridionali sono dei bamboccioni che bivaccano sul divano in attesa di un lavoro che non arriverà mai oppure questo è spesso un luogo comune e la realtà è che si danno da fare, sono in grado dopo la laurea di andare a lavorare a Milano per anni? E che perfino il sistema delle imprese, non solo le istituzioni, fa di tutto per dire loro: tornatene al nord perché qui non c’è posto per te?

È la storia di Marco, 32enne laurea in ingegneria delle telecomunicazioni magistrale, sposato con Anna, laurea in economia e marketing magistrale. Tentano la fortuna a Milano 6 anni fa. «Questa città nel 2013 ci accolse, ci propose un lavoro a tempo indeterminato e da ormai 6 anni ci sta facendo vivere esperienze professionali che per noi rappresentano una sfida ma al tempo stesso sono formative».

Marco è consulente informatico in un’impresa privata. Sua moglie lavora nel settore digital marketing sempre per imprese private. È laureata in economia con un master in comunicazione. Ma i due giovani non hanno dimenticato la loro città, Bari, dove hanno affetti familiari e amici. «È innegabile nascondere l’amore incondizionato per la nostra città, sempre nei nostri pensieri e nella quotidianità nonostante gli 800 chilometri di distanza».
Ebbene, a quel punto decidono che è ora di tornare, che ormai hanno competenze e professionalità sufficienti da far valere nella loro terra. Pensano, o meglio si illudono, che il Mezzogiorno abbia fame di professionisti da accogliere a braccia aperte di ritorno dal Nord e che la fuga dei cervelli si può interrompere. È ora, dunque, di trovare lavoro nella loro città o regione. Ed è qui che il sogno di poter riprendere la vita lasciata anni fa e poter riabbracciare i propri cari, si scontra con la triste realtà del mondo del lavoro in Puglia.

«Abbiamo cercato di barcamenarci tra le aziende pugliesi - raccontano -. Noi inviamo il curriculum e nonostante la posizione sia più o meno in linea con il curriculum, nel 90 per cento dei casi nemmeno riceviamo una risposta». Il candidato sente annullata la sua professionalità ma nemmeno l’immagine dell’azienda ne esce bene. In una gran parte dei casi, quando si giunge al colloquio con queste aziende o comunque si rappresenta la professionalità acquisita, ciò che hanno fatto finora, giunge la fatidica domanda: «Ma lei perché vuol tornare a Bari? Cosa la spinge a rientrare? Dopo avere esposto le nostre motivazioni, un responsabile delle risorse umane ci rispondeva che siamo persone ricattabili».
In genere i responsabili delle risorse umane sono quelli che valorizzano il capitale umano. «È un messaggio abbastanza forte. Il che veniva poi tradotto: se a Milano io guadagno una certa cifra dovrei più che dimezzare lo stipendio se torno a lavorare a Bari. Ci dissero che dovremmo accettare a qualunque prezzo il lavoro e lo stipendio che ci vengono offerti perché ci dobbiamo accontentare».

Il messaggio deve essere chiaro e forte: «Abbiamo una forte motivazione nel volere tornare a Bari, una motivazione affettiva e personale più che lavorativa. Secondo questa persona bisogna coniugare il fatto che c’è poco lavoro al fatto che nonostante questo abbiamo ricevuto un’offerta nella nostra terra per cui dobbiamo baciare a terra e dire grazie, detto come si dice dalle nostre parti». Non basta. «In fase di selezione, venivamo a sapere che il primo colloquio di lavoro era stato annullato mezz’ora prima dell’ora concordata nonostante avessimo chiesto permessi sul lavoro e ci fossimo organizzati per rientrare prima a casa».

Sciatteria o strafottenza? «Noi ci aspettavamo solo un po’ di rispetto per chi vuole solo tornare nel proprio territorio perché lo ama portando qui delle competenze che si è costruito in 6 anni di lavoro duro a Milano. Chiediamo solo di essere trattati in maniera professionale cosa che a Bari, a questo punto ne siamo certi, non esiste».
I due hanno scritto una lettera aperta al presidente della Regione Michele Emiliano e al sindaco Antonio Decaro «ma non abbiamo ricevuto risposta. Sentirsi trattati in questo modo dopo aver fatto determinate scelte perché pensavo di arricchire il mio profilo mi butta giù in modo incredibile». Pare non sia l’unico caso. «Ci sono tante altre esperienze come la nostra, di pugliesi che lavorano a Milano». Loro due resteranno a Milano perché lo stipendio comunque serve: «Torneremmo domattina e farei subito le valigie con mia moglie se ci offrissero un lavoro a Bari».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alessia

    23 Luglio 2019 - 09:08

    in pratica scrivete al sindaco sperando che con un compo di bacchetta magica faccia evolvere in un nanosecondo, una mentalità che non si é evoluta dal medioevo??? caspita! che progetto ambizioso!

    Rispondi

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie