Domenica 17 Novembre 2019 | 18:51

NEWS DALLA SEZIONE

la storia
Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

 
maltempo
Bari, allo Stadio San Nicola il vento fa volare via un altro «petalo»

Bari, allo Stadio San Nicola il vento fa volare via un altro «petalo»

 
trasporti
Treno Napoli-Bari, stop al tunnel sotto l'Irpinia

Treno Napoli-Bari, stop al tunnel sotto l'Irpinia, bocciato dal Ministero

 
fermato a bari        
Bari, a folle velocità sul lungomare ha un tasso alcolemico 3 volte più alto del consentito: denunciato

A folle velocità sul lungomare, ha un tasso alcolemico 3 volte più alto del consentito: denunciato

 
La curiosità
Ama talmente tanto Bari da tatuarsi la Gazzetta

Si tatua la Gazzetta sul polpaccio: l'inno alla baresità di un 22enne

 
Il caso
Bari, venditore abusivo aggredisce agenti: arrestato

Bari, venditore abusivo aggredisce agenti: arrestato

 
riqualificazione
Bari, ospedale pediatrico inaugura nuovo accesso riservato ai mezzi di soccorso

Bari, al Pediatrico nuovo accesso riservato ai mezzi di soccorso

 
viabilità
SS16, il Ministero chiude la partita: la variante partirà da Mungivacca

SS16, il Ministero chiude la partita: la variante partirà da Mungivacca

 

Il Biancorosso

serie c
Antenucci e una partita speciale: «Incrocio fra passato e presente»

Bari batte Paganese 1-0. Decide la rete di Antenucci. Rivedi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa protesta
Mittal, a Taranto sindacati sul piede di guerra: nessuno spegnerà la fabbrica

Mittal, a Taranto sindacati sul piede di guerra: nessuno spegnerà la fabbrica

 
Leccemusica
«Bases», a Lecce la presentazione dell'album del sassofonista Giovanni Chirico

«Bases», a Lecce la presentazione dell'album del sassofonista Giovanni Chirico

 
Barila storia
Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

 
Materail personaggio
Da «Imma Tataranni» al cinema con «Gli uomini d'oro»: il materano Giuseppe Ragone si racconta

Da «Imma Tataranni» al cinema con «Gli uomini d'oro»: il materano Giuseppe Ragone si racconta

 
Foggiadai carabinieri
Cerignola, non si ferma all'alt e fugge con 2 figli piccoli a bordo, arrestata mamma 30enne

Cerignola, non si ferma all'alt e fugge con 2 figli piccoli a bordo, arrestata mamma 30enne

 
Brindisiin via Longobardo
Brindisi, cemento e calcinacci si abbattono al suolo: tragedia sfiorata al Casale

Brindisi, cemento e calcinacci si abbattono al suolo: tragedia sfiorata al Casale

 
Batnel nordbarese
Canosa, nuova discarica in Contrada Tufarelle, appello all'Arpa Puglia: «Decidano solo i tecnici»

Canosa, nuova discarica in Contrada Tufarelle, appello all'Arpa Puglia: «Decidano solo i tecnici»

 
Potenzail personaggio
Potenza, il Capodanno Rai ha cambiato la vita a Peppone, mito dello street food

Potenza, il Capodanno Rai ha cambiato la vita a Peppone, mito dello street food

 

i più letti

Sanità

Bari, visite mediche senza attese? L’unico modo è pagare

I dati della Regione: oculistica in intra-moenia entro 24 ore, sennò 3 mesi

Policlinico, al Cup la roulette delle visite: «chissà quando»

BARI - Una visita specialistica dall’oculistica si può ottenere in ospedale in meno di 24 ore dalla richiesta. Basta ricorrere all’intra-moenia. Lo stesso dicasi per la ginecologia: negli ospedali pugliesi non ci sono attese per chi è disponibile a pagare. Altrimenti, l’attesa media è pari a 97 giorni per l’appuntamento dall’oculista e di 37 dal ginecologo. Lo dicono gli ultimi dati di monitoraggio della Regione: la conferma che sulle liste d’attesa c’è ancora molto da fare.

«Magari anche su questo punto potessimo dire di aver raggiunto l’80% del programma elettorale», dice Fabiano Amati riferendosi al bilancio di legislatura del governatore Michele Emiliano. Ma a un mese dall’approvazione del Piano contro le liste di attesa, nulla ancora è stato fatto. I dati del monitoraggio (riferito alla prima settimana di aprile) confermano il doppio binario: l’attesa media per la prenotazione di una visita o di un esame specialistico è pari a 139 giorni, ma si scende a 6 per le prestazioni a pagamento. Il punto di crisi sono ecografie della mammella (236 giorni) e mammografie (187), che si possono fare a pagamento in 19 e 15 giorni: una conferma del non perfetto funzionamento delle breast unit. Ma sono inaccettabili anche i 223 giorni medi di attesa per una visita cardiologica, così come i 231 per la colonscopia o i quasi 200 per l’appuntamento dall’otorino. La norma dice che una visita urgente va eseguita entro tre giorni, una «breve» entro 10, le prestazioni differibili tra i 30 (per le visite) e i 60 giorni, mentre per i controlli programmati non si dovrebbe andare oltre i 4 mesi. In Puglia l’attesa media per le prestazioni «brevi» è di 79 giorni (sono pochissime le prestazioni in cui si riescono a rispettare i 10 giorni previsti), mentre l’attesa totale per le «differibili» è addirittura di 119 giorni. Sono più di tre mesi.

«Mi chiedo - dice Amati - per quale motivo per alcune prestazioni a pagamento non si aspetta nemmeno un giorno, mentre si va ben oltre i tempi massimi per quelle istituzionali. Una vergogna che continuiamo a coprire, mentre le Asl nemmeno rispondono alle richieste di chiarimenti sull’applicazione delle regole esistenti». Anche il nuovo Piano regionale prevede che in presenza di disallineamenti nei tempi di attesa venga sospesa l’attività intra-moenia, misura che secondo i medici non serve.

Ma bisogna anche guardare i dati (pubblici) sui compensi dei medici per l’intra-moenia: ai primi due posti in Puglia (anno 2008) per il fatturato di visite private in ospedale ci sono due medici del Policlinico di Bari, direttori di reparto di indiscusso valore come Giovanni Alessio (481.370 euro) e Ettore Cicinelli (289.435 euro). Sono rispettivamente un oculista e un ginecologo: proprio le due specialità in cui, pagando, la visita viene fissata entro le 24 ore dalla telefonata al Cup. Nel caso di oculistica e ginecologia, fa peraltro notare Amati, «registriamo che un numero maggiore di richieste a pagamento viene erogato immediatamente e un numero minore di richieste istituzionali viene erogato ben oltre i tempi massimi. E questo non può che provocare sdegno».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie