Venerdì 24 Maggio 2019 | 19:37

NEWS DALLA SEZIONE

A San Girolamo
Bari, l'arrivo della Vlora raccontato con una scultura in alfabeto morse

Bari, l'arrivo della Vlora raccontato con una scultura in alfabeto morse

 
Dopo il comizio
Bari, il pm: «Striscioni contro Salvini? No offese, ma critica politica»

Bari, «Striscioni contro Salvini? Non sono offese»: così il pm boccia il sequestro

 
Nel quartiere Libertà
Bari, a 15 e 16 anni assaltano un market con coltello: arrestati

Bari, a 15 e 16 anni assaltano un market con coltello: arrestati

 
Nel barese
Castellana, trasporta studenti in pulmino abusivamente: sanzionato

Castellana, trasporta studenti in pulmino abusivamente: sanzionato

 
Guerra fra clan
Mafia, donna ferita per errore: condannato a 6 anni il boss Conte

Mafia, donna ferita per errore: condannato a 6 anni il boss Conte

 
L’inchiesta
Elezioni a Bari, focus sul Municipio 5 un: porto di desideri

Elezioni a Bari, focus sul Municipio 5 un: porto di desideri

 
I fatti nel 2013
Bari, morì per emorragia dopo intervento al cuore: assolto cardiologo

Bari, morì per emorragia dopo intervento al cuore: assolto cardiologo

 
Nel barese
Santeramo in Colle: rapina 14 negozi, arrestato 50enne, incastrato da telecamere

Santeramo: rapina 14 negozi, incastrato da telecamere

 
Il candidato
Comunali, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

Comunali Bari, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

 
I fatti nel 2017
Bari, la rapina al portavalori fallì grazie al conflitto a fuoco: 7 arresti

Bari, la rapina al portavalori fallì grazie al conflitto a fuoco: 7 arresti

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaAuto e motori
Melgi, record in Fca: è stata prodotta la 500millesima Fiat 500 X

Melfi, record in Fca: è stata prodotta la 500millesima Fiat 500 X

 
BariA San Girolamo
Bari, l'arrivo della Vlora raccontato con una scultura in alfabeto morse

Bari, l'arrivo della Vlora raccontato con una scultura in alfabeto morse

 
TarantoA Grottaglie
Non si ferma all'alt e investe un poliziotto: arrestato 46enne

Non si ferma all'alt e investe un poliziotto: arrestato 46enne

 
LecceL'episodio domenica scorsa
Lecce, assalto a gazebo Lega: denunciati 5 uomini e 2 donne di area anarchica

Lecce, assalto a gazebo Lega: denunciati 5 uomini e 2 donne di area anarchica

 
BatNella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 
BrindisiLa segnalazione
Brindisi: cous-cous a mensa, i genitori protestano

Brindisi: cous-cous a mensa, i genitori protestano

 
MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 

i più letti

Verso il 26 maggio

Elezioni, il business del voto di scambio: fino a 100 euro a famiglia

Denaro, buoni pasto e promesse di lavoro contro pacchetti di preferenze

Elezioni, il business del voto di scambio: fino a 100 euro a famiglia

In principio fu il senatore Achille Lauro, poi sindaco di Napoli negli anni Cinquanta a varare la politica della «scarpa spaiata». La leggenda racconta che l’illustre politico distribuisse la scarpa sinistra in campagna elettorale e dopo il voto, a successo conquistato, concedesse anche quella destra. Ingegnoso ma altrettanto illegale quanto le pratiche susseguitesi nel tempo che hanno permesso di mantenere in vita ancora oggi la consuetudine rappresentata dalla compravendita di voti ovvero un reato di cui tutti parlano e sanno, tanto da ritenerla una pratica tutto sommato possibile. Quasi normale.

Mezzi e accorgimenti si sono evoluti, così i famosi mocassini partenopei si sono via via trasformati nelle cosiddette «buste della spesa» (pagate per giorni o settimane), buoni pasto, buoni benzina, tessere telefoniche e promesse di vario tipo, fino ai fruscianti contanti gestiti da personaggi border line, protagonisti di un sottobosco non necessariamente criminale, ma dotato di un eccezionale potere di indirizzare successi personali ed esiti elettorali. L’ulteriore step, nel mercato dei voti, prevede promesse di assunzioni a medio-lungo termine - magari in carrozzoni pubblici o imprese private di amici degli amici - che il più delle volte non arrivano mai. E anche questo è un mondo più che mai variopinto, in cui maneggioni e affabulatori la fanno da padrone, magari nell’ambito di cene elettorali sempre più rare, che facevano tanto tendenza negli anni ‘80-‘90, ma ormai quasi in disuso, superate da fattizi incontri mordi e fuggi per un caffè o un brunch.

Non quindi peregrino l’allarme lanciato qualche settimana fa da un membro della commissione parlamentare antimafia sul pericolo dell’inquinamento del voto, come è quantomai attuale, purtroppo, la denuncia dell'associazione antimafia Libera (guidata da don Ciotti) circa l’esistenza in Italia del «partito della corruzione», un’entità capace di muovere almeno il 4 % del consenso del Paese ovvero un pacchetto di voti non da poco. Una considerazione frutto alle rilevazioni dell’Istat, secondo la quale a oltre 1 milione e 700 mila cittadini (pari al 3,7% popolazione fra i 18 e gli 80 anni) sono stati offerti denaro, favori o regali per avere il loro voto alle elezioni amministrative, politiche o europee. Circa 4 milioni di italiani poi, hanno dichiarato di «conoscere personalmente parenti, amici, colleghi o vicini, ai quali è stato chiesto il voto in cambio di soldi o favori», con un picco registrato in Puglia, con una percentuale del 23,7% del campione. In regione, quindi, poco meno di un milione di pugliesi è perlomeno a conoscenza di tali consuetudini, capaci di smuovere milioni di euro.

Pressoché estinti i rappresentanti di lista - elementi interni ai partiti che non percepivano compensi ed espletavano il loro compito per spirito di servizio ovvero gratis assistendo alle operazioni di voto e di scrutinio per conto del partito o di un candidato -, ha ormai preso piede la figura del raccoglitore di preferenze. È una sorta di mutazione genetica del rappresentante di lista, che, rivelano i bene informati (anche se è un segreto di Pulcinella), gestiscono gruzzoletti variabili da 3mila a 10mila euro con cui si assicurano pacchetti di voti pagando ciascuna preferenza tra 20 e 50 euro in alternativa con buoni benzina, buoni pasto o tessere telefoniche. Cifre in linea con chi frequenta gli ambienti delle macchine politico elettorali e racconta «che al San Paolo c’è chi si sta muovendo assicurando cento euro a famiglia per almeno tre voti», anche perché, come detto, il mercato elettorale appare sempre più dinamico e pronto ad adeguarsi ai tempi.

Anche i conti non è difficile farli. Con 17-20mila euro è possibile garantirsi da 350 a 500 voti, che con un ulteriore sforzo possono arrivare a mille, spesso l’equivalente di una polizza a garanzia dell’agognata elezione. A Bari sono trentasei i seggi (più la poltrona del sindaco) dell’aula Dalfino, a contenderseli più di ottocento candidati consiglieri comunali suddivisi nelle ventiquattro liste a sostegno dei sei aspiranti primo cittadino, mentre si supera quota mille al capitolo aspiranti consiglieri dei cinque Municipi. Come detto, è impresa tutt’altro che improba sviluppare qualche calcolo del giro di danaro generato dall’appuntamento con le amministrative in programma l’ultima domenica di maggio. Senza esagerare, la campagna elettorale sotterranea e parallela a quella ufficiale - quella canonica fatta di santini, manifesti e comitati -, muove in modo quasi scientifico un giro milionario di denaro totalmente a nero, attorno al quale aleggia minacciosa la criminalità, che pure recita una parte da protagonista in tali tristi vicende.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400