Domenica 24 Marzo 2019 | 16:20

NEWS DALLA SEZIONE

L’esodo dei camici bianchi
Bari, in pensione 100 medici all’anno e con la quota 100 aumentano

Bari, in pensione 100 medici all’anno e con la quota 100 aumentano

 
Per i 4mila aventi diritto
Bari, il Comune aiuta le famiglie in difficoltà con il «bonus bollette»

Bari, il Comune aiuta le famiglie in difficoltà con il «bonus bollette»

 
I fatti nel 2015
Soldi in cambio di voti: confermate condanne 5 baresi affiliati al clan Di Cosola

Soldi in cambio di voti: confermate condanne 5 baresi affiliati al clan Di Cosola

 
Ladro sfortunato
Sammichele di Bari: tenta furto in casa, arriva proprietario

Sammichele di Bari: tenta furto in casa, arriva proprietario

 
Ambiente
Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi ritiro anche con tessera sanitaria

Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi si ritireranno con tessera sanitaria

 
Tragedia sfiorata
Scuolabus in fiamme a Milano, tra i carabinieri eroi anche un barese

Scuolabus in fiamme a Milano, tra i carabinieri eroi anche il barese Francesco Citarella

 
Elezioni in vista
Bari, sabato 23 marzo Di Rella inaugura il comitato

Bari, sabato 23 marzo Di Rella inaugura il comitato

 
L'operazione della Gdf
Molfetta, vendeva in casa abbigliamento «tarocco»: fermato falsario

Molfetta, vendeva in casa abbigliamento «tarocco»: fermato falsario

 
L'operazione oro nero
Bari, blitz della Gdf contro gasolio di contrabbando: sequestrate 260 tonnellate

Bari, blitz della Gdf contro gasolio di contrabbando: sequestrate 260 tonnellate

 

Il Biancorosso

SERIE D
Palmese - Bari: segui la diretta

Palmese - Bari: segui la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl gasdotto
Tap, Conte annuncia: 30 mln per investire sul rilancio del Salento

Tap, Conte annuncia: 30 mln per investire sul rilancio del Salento

 
TarantoAmbiente
Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

 
FoggiaAnche lei premiata da Mattarella
È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

 
MateraDroga
Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

 
BrindisiIl caso
Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

 
BatIl caso
Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

 
Altre notizie HomeTra sacro e profano
Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

 

L'appello

Comune di Bari, Melini: «Su Cassa Prestanza intervenga la Procura». Decaro: «Sono bugie»

La richiesta è stata avanzata da alcuni ex dipendenti di Palazzo di Città

Comune di Bari, Melini: «Su Cassa Prestanza intervenga la Procura». Decaro: «Sono bugie»

BARI - «Dopo tre anni di mie battaglie su Cassa Prestanza, dopo innumerevoli atti, rimasti sempre senza risposta, attraverso cui ho chiesto di avere gli estratti conti bancari, sempre negati, di avere risposte sul destino degli iscritti alla Cassa del Comune di Bari, ancora una volta sono vicina a loro ritenendo che il tempo sia scaduto, e che la giustizia ora debba essere fatta nelle aule dei tribunali». Lo afferma in una nota la consigliera comunale e candidato sindaco al Comune di Bari Irma Melini.

«Non ho presentato io direttamente l’esposto alla Procura per rispetto verso la giustizia penale - afferma riferendosi ad un esposto contro ignoti presentato da alcuni dipendenti ed ex dipendenti comunali - perché non voglio che la richiesta di intervento della Magistratura sia politicizzata, visto il mio ruolo di candidato sindaco. Ma il mio sostegno nei confronti dei dipendenti, in servizio e in pensione indistintamente, è totale. Ecco perché mi faccio promotrice di una raccolta firme per agevolarli ma soprattutto per dare visibilità a questa ingiustizia che si protrae da troppo tempo».

Ad oggi, si ricorda, ai pensionati iscritti a Cassa Prestanza del Comune di Bari viene negato il diritto alla liquidazione del premio di buonuscita come previsto da statuto stesso della Cassa, mentre nei confronti dei dipendenti in servizio - rappresentati in conferenza stampa da Giuditta Di Lascio, in servizio alla Polizia Locale del Comune di Bari - è stato disposto il blocco delle trattenute sugli stipendi (art. 3 dello statuto), sospeso dallo scorso novembre su iniziativa del Sindaco e Presidente della Cassa, senza che sia stata adottata alcuna decisione dal Consiglio comunale, organo preposto per Statuto, facendo diventare anch’essi, di fatto, dei «cessati», e mettendoli nella condizione di esigere quindi il maturato.

LA REPLICA DEL SINDACO DECARO - «Ancora una volta assisto, sulla vicenda della Cassa Prestanza, alla fiera delle bugie e delle furbizie. Candidati alle prossime elezioni comunali alla ricerca disperata di visibilità, non si stancano di speculare su un problema drammatico per i dipendenti comunali, convocando ben due conferenze stampa nello stesso giorno». Lo afferma il sindaco di Bari, Antonio Decaro, replicando alle conferenze stampa di alcuni rappresentanti dell’opposizione, tra cui il candidato sindaco Irma Melini, sul tema della Cassa Prestanza.

«Nel 2016 - rileva Decaro - ci è cascato addosso un problema, quello della Cassa prestanza, istituita nel 1924. Problema, per altro posto in modo dirompente dal gruppo del Movimento 5 stelle con un esposto alla procura della Corte dei conti».
Decaro sottolinea che «tutelare i dipendenti continua ad essere il mio unico obiettivo in questa vicenda», mentre «oggi in conferenza stampa hanno parlato persone che hanno ben altri obiettivi». «Da una parte - spiega - i politici che cercano qualche voto; dall’altra alcuni pensionati comunali, ex dipendenti che hanno già ottenuto quanto da loro versato alla Cassa, cioè circa 15.000 euro, e ne pretendono altri 30.000».

«Infatti - precisa il sindaco - lo Statuto attuale consente agli ex dipendenti di ottenere anche il 300% di quanto versato. Ma se la Cassa dovesse oggi pagare queste somme (a loro come agli altri pensionati) fallirebbe all’istante, con buona pace dei 1.229 dipendenti ancora in servizio che, ovviamente perderebbero tutto». «L'obiettivo - sottolinea Decaro - è quello di restituire le somme versate a tutti, nessuno escluso. A tutti nella stessa proporzione, a condizione di rispettare della legge».
Infine, Decaro annuncia che chiederà «sia convocata l'assemblea della Cassa di prestanza per parlare con tutti gli iscritti e presentare loro i risultati del lavoro che ho chiesto di predisporre a esperti e professionisti esterni all’amministrazione comunale». «Sulle risultanze di questo lavoro - conclude - chiederò all’assemblea di decidere, ricordando a tutti che le decisioni le prendono gli iscritti alla cassa e non l’amministrazione comunale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400