Lunedì 26 Agosto 2019 | 02:08

NEWS DALLA SEZIONE

L'appuntamento
Distorsioni sonore: creatività e fantasia si incontrano ad Acquaviva

Distorsioni sonore: creatività e fantasia si incontrano ad Acquaviva

 
Polignano, c'è l'indagine
Costa Ripagnola, il resort fra i "trulletti" finisce sotto i fari della Procura

Costa Ripagnola, il resort fra i "trulletti" finisce sotto i fari della Procura

 
L'emergenza
Caso Seu a Bari, la bimba di Bitonto lascia la Rianimazione

Caso Seu a Bari, la bimba di Bitonto lascia la Rianimazione

 
La campionaria
Bari, ambiente e clima: la Fiera del Levante apre ai problemi

Bari, ambiente e clima: la Fiera del Levante apre ai problemi

 
Vicino Teramo
Incidenti, auto si schianta in galleria su A14: muore 76enne di Btritto

Incidenti, auto si schianta in galleria su A14: muore 76enne di Btritto

 
Dalla Polizia
Bari, in casa centrale dello spaccio: arrestato 33enne

Bari, in casa centrale dello spaccio: arrestato 33enne

 
Un 24enne
Corato, dopo lite marocchino aggredisce poliziotti: in cella

Corato, dopo lite marocchino aggredisce poliziotti: in cella

 
Preso dai Cc
Bitonto, «paga o ti brucio la farmacia»: arrestato 32enne

Bitonto, «paga o ti brucio la farmacia»: arrestato 32enne

 
La disavventura
Sharm, fermati e isolati dalla polizia egiziana due trans bitontini: "Qui non entrate".

Sharm, fermate e respinte dalla Polizia egiziana due trans bitontine: «Qui non entrate»

 
L'operazione della Gdf
Bari, 6mila paia di scarpe contraffatte dalla Grecia: sequestro al Porto

Bari, 6mila paia di scarpe contraffatte dalla Grecia: sequestro al Porto

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceTragedia nel Salento
Si sente male mentre fa pesca subacquea: muore 56enne a Casalabate

Malore mentre fa pesca subacquea: muore 56enne a Casalabate

 
FoggiaTragedia nel Foggiano
Cade in mare da barca condotta dal marito: donna muore al largo di Foce Varano

Cade da barca condotta dal marito: donna muore al largo di Foce Varano

 
BariL'appuntamento
Distorsioni sonore: creatività e fantasia si incontrano ad Acquaviva

Distorsioni sonore: creatività e fantasia si incontrano ad Acquaviva

 
BatL'idea
Barletta, un mosaico a Canne per non dimenticare la storia

Barletta, un mosaico a Canne per non dimenticare la storia

 
MateraIncidente stradale
Tricarico, auto finisce contro il guard rail: 4 feriti, 3 sono gravi

Tricarico, auto finisce contro il guard rail: 4 feriti, 3 sono in gravi

 
BrindisiLa furia di un 53enne
Brindisi, la moglie lo lascia e lui distrugge i mobili: allontanato da casa

Brindisi, la moglie lo lascia e lui distrugge i mobili: allontanato da casa

 
PotenzaSanità
Potenza, al S. Carlo carenza di medici: colpa delle «porte girevoli»

Potenza, al S. Carlo carenza di medici: colpa delle «porte girevoli»

 
TarantoSanità
Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

 

i più letti

Alla scuola primaria Corridoni

Bari, addio plastica in mensa: Decaro e l'assessore Romano a pranzo con i bambini

Da lunedì scorso in tutte le scuole comunali in cui è attivo il servizio di refezione sono stati introdotti bicchieri, posate e piatti biodegradabili

Bari, addio plastica in mensa: Decaro e l'assessore Romano a pranzo con i bambini

Oggi il sindaco Antonio Decaro, l’assessora alle Politiche educative giovanili Paola Romano e il titolare della Ladisa Ristorazione Vito Ladisa, hanno pranzato in mensa insieme agli alunni e alle alunne della scuola primaria Corridoni dove da lunedì scorso, come in tutte le scuole comunali in cui è attivo il servizio di refezione, sono stati introdotti bicchieri, posate e piatti biodegradabili. Da oggi, inoltre, il trasporto dei pasti avviene su 8 kangoo elettrici (modello Maxi Ze Flex) a emissioni zero.

“Quando abbiamo presentato il nuovo servizio, circa tre mesi fa - dichiara Antonio Decaro -  avevamo lanciato una sfida all'azienda e alle scuole cittadine: eliminare la plastica dalle scuole e dal servizio mensa. Oggi iniziamo questo percorso, per garantire un maggior risparmio ambientale e per avviare con i bambini un percorso educativo sulla raccolta differenziata, sul rispetto dell'ambiente e sul valore degli oggetti che utilizziamo nella nostra quotidianità. Il prossimo passo sarà coinvolgere i bambini nel percorsi di coltivazione dei prodotti che poi vengono serviti nei loro piatti, rigorosamente biocompostabili”.

“Circa 5.300 bambini pranzano ogni giorno nelle nostre mense, dove abbiamo scelto di eliminare la plastica dalla tavola utilizzando stoviglie compostabili, risparmiando così l’impiego di almeno 700mila kit all’anno - commenta Paola Romano -. Il nostro obiettivo è non solo far mangiare bene i bambini, con menu equilibrati, ma educarli a un corretto stile di vita, che passa anche per il rispetto dell’ambiente, insegnando loro a fare la raccolta differenziata e a produrre meno plastica, coerentemente con gli obiettivi fissati dall’Unione Europea per il 2021. Intanto a Bari ci portiamo avanti con il lavoro, perché pensiamo che un mondo senza plastica sia un mondo migliore. Per questo in sede di gara avevamo richiesto un servizio a basso impatto ambientale, che trova conferma anche nell’organizzazione logistica del servizio stesso, svolto su mezzi elettrici a emissioni zero”.

“In tutte le scuole comunali - prosegue Vito Ladisa - stiamo portando avanti un processo di razionalizzazione in termini di impatto ambientale perseguendo l’obiettivo fissato dall’amministrazione comunale, introducendo al contempo nuove abitudini alimentari e integrazioni su doversi tipi di alimenti. Stiamo andando verso il plastic free e per questo, se già oggi le stoviglie monouso vengono smaltite con l’umido, a breve elimineremo anche l’involucro di plastica del pane, optando per un incarto biodegradabile, e installeremo distributori di acqua in tutti i plessi scolastici per servirla nelle mense utilizzando delle brocche. Effettueremo anche la valorizzazione calorimetrica di tutto il cibo consumato, mentre l’eccedenza continuerà ad essere consegnata ad associazioni non profit cittadine”.

Ladisa è in prima linea da anni nella cosiddetta ristorazione green collaborando attivamente con amministrazioni pubbliche e aziende private. L’azienda barese ha ottenuto la certificazione ambientale Emas grazie al basso impatto ambientale della propria attività nelle diverse regioni italiane: dalla materie prime, passando dal ciclo produttivo e fino alla pulizia e al riciclo dei rifiuti, l’impresa ha impostato la sua attività ispirandola a tale mission che le ha consentito di essere una delle aziende di ristorazione più green del territorio nazionale. Ladisa ha avviato anche la campagna “Yes you green”, finalizzata alla sensibilizzazione sul rispetto dell’ambiente e su contrasto agli sprechi sia nei luoghi di lavoro sia nelle centinaia di impianti in cui opera in tutta Italia. Solo ultima in ordine di tempo la riduzione della plastica che, oltre al Comune di Bari, ha visto l’azienda adottare simili iniziative con il Comune di Matera e il Ministero degli Affari esteri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie