Lunedì 17 Dicembre 2018 | 16:34

NEWS DALLA SEZIONE

Ex bar-pizzeria
Pineta S.Francesco, locali abbandonati affidati agli scout

Pineta S.Francesco, locali abbandonati affidati agli scout

 
Il provvedimento a Bari
Terrorismo, gip convalida fermo 20enne somalo a Bari

Terrorismo, convalidato fermo 20enne somalo: è in gruppo armato Daesh

 
A Polignano e Milano
Ambiente: Pescaria dice addio alla plastica

Ambiente: Pescaria dice addio alla plastica

 
5 sparatorie nell'estate 2015
Guerra tra criminali a Bitonto, 7 condanne con aggravante mafiosa

Guerra tra criminali a Bitonto, 7 condanne con aggravante mafiosa

 
L'evento
Edilizia giudiziaria e dl anticorruzione, a Bari summit nazionale dei penalisti

Edilizia giudiziaria e dl anticorruzione, a Bari summit nazionale dei penalisti

 
Fermato dalla Digos
Terrorismo: somalo fermato a Bari aveva foto del Vaticano nel telefono

Terrorismo: somalo fermato a Bari aveva foto del Vaticano nel telefono

 
Il caso
Polemica sul documentario antiaborto al liceo: la scuola avvia le verifiche

Monopoli, scoppia la polemica sul documentario antiaborto: verifiche nel liceo

 
La decisione del Riesame
Clan e scommesse online, Tommy Parisi scagionato dall'aggravante mafiosa

Clan e scommesse online, Tommy Parisi resta in cella ma non per mafia

 
Lotta allo spaccio
Castellana Grotte, spacciava hashish e metadone: arrestato giornalaio

Castellana Grotte, spacciava hashish e metadone: arrestato giornalaio

 
La rivolta
Bari, migranti danno fuoco ai moduli per il rimpatrio al centro di permanenza

Bari, migranti incendiano locali Centro di permanenza: 5 feriti

 

La sentenza d'appello

Ucciso per errore a Bari, «graziato» mandante dell'agguato: dall'ergastolo a 20 anni

Per i giudici di secondo grado l'omicidio di Antonio Mizzi non fu premeditato

Omicidio Mizzi: «Fu mafia» Spari in piazza per intimidire

Il boss del clan mafioso Di Cosola di Bari, Antonio Battista, non premeditò l’agguato nel quale, per errore, fu ucciso Giuseppe Mizzi, il 38enne vittima innocente di mafia, ferito a morte il 16 marzo 2011 a pochi passi dalla sua abitazione nel centro del rione Carbonara di Bari. Lo ha stabilito la Corte di assise di appello di Bari che ha ridotto dall’ergastolo a 20 anni di reclusione la pena inflitta nei confronti di Battista, ritenuto il mandante dell’omicidio.

Stando all’ipotesi accusatoria, sostenuta dal pm della Dda Federico Perrone Capano che ha chiesto di essere applicato anche al processo di secondo grado, il boss ordinò ai suoi di rispondere ad un agguato subito uccidendo un uomo, «il primo che trovate», del clan rivale Strisciuglio e quella sera, per errore, Emanuele Fiorentino e Edoardo Bove, spararono a Mizzi scambiandolo per uno spacciatore.

I due esecutori materiali sono già stati condannati con sentenza ormai definitiva rispettivamente a 20 anni e a 13 anni e 4 mesi di reclusione. I giudici hanno confermato i risarcimenti danni ai familiari di Mizzi, con provvisionali di 20mila euro per i genitori, 10mila per i fratelli, 50mila per moglie e figli. 

La posizione di Battista come mandante era stata inizialmente archiviata, fino alle dichiarazioni di sua moglie, Lucia Masella, che dopo essere diventata collaboratrice di giustizia, aveva accusato il marito aiutando gli inquirenti della Dda a riaprire il caso.

A processo c'erano anche altri 54 imputati, tra i quali l’ex capo clan Antonio Di Cosola (deceduto lo scorso 31 agosto) e numerosi affiliati all’organizzazione criminale, accusati di reati di associazione mafiosa, droga, armi ed estorsioni. Per l’ex boss Di Cosola è stato dichiarato il non diversi procedere per morte del reo, gli altri 53 imputati è stata disposta una assoluzione e confermate tutte le condanne con lievi riduzioni di pena fino a 15 anni di reclusione.

Gli imputati sono stati riconosciuti colpevoli di numerose estorsioni a costruttori edili ai quali il clan avrebbe imposto l'acquisto di cemento scadente da un’azienda amica (di qui il nome dell’operazione «Pilastro"), oltre a pretendere 100 euro per ogni slot machine che obbligava bar e sale giochi ad installare. Nel processo erano costituite parti civili tre aziende alle quali gli imputati dovranno risarcire i danni causati, con quantificazione da definirsi in sede civile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400