Venerdì 19 Aprile 2019 | 03:25

NEWS DALLA SEZIONE

Verso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 
Arte
Bari, inaugurata opera di Tremlett «Wall Surface», dedicata a gallerista Marilena Bonomo

Bari, inaugurata opera di Tremlett «Wall Surface», dedicata a gallerista Marilena Bonomo

 
La polemica
Palagiustizia Bari, i penalisti: «Il polo non è nel programma dei candidati sindaci»

Palagiustizia Bari, i penalisti: «Il polo non è nel programma dei candidati sindaci»

 
Letteratura
Il calcio femminile con ironia: a Bari la presentazione del libro di Christian Montanaro

Il calcio femminile con ironia: a Bari la presentazione del libro di Christian Montanaro

 
Sicurezza
Bari, controlli polizia vicino stazione e ateneo: 1 denuncia

Bari, controlli polizia vicino stazione e ateneo: 1 denuncia

 
In viale Einaudi
Bari, licenza falsa per far entrare il doppio delle persone: sospesa attività in un locale

Bari, licenza falsa per far entrare il doppio delle persone: sospesa attività in un locale

 
Nel Barese
Palo del Colle, incendio in masseria: distrutti 7 box con macchine agricole, un cavallo ustionato

Palo del Colle, incendio in masseria: distrutti 7 box con mezzi agricoli, cavallo ustionato

 
Corte di Appello
Bari, giudici si riservano altro maxi risarcimento da 30 milioni

Bari, su Punta Perotti giudici si riservano altro maxi risarcimento da 30 mln

 
Salute della donna
Tumore al seno, domani incontri alla Santa Maria su prevenzione e cura

Tumore al seno, incontri alla Santa Maria su prevenzione e cura

 
La sentenza
Mafia a Bari, condanna ridotta al boss Campanale per l'omicidio di «u'ciucc»

Mafia a Bari, condanna ridotta al boss Campanale per l'omicidio di «u'ciucc»

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 
PotenzaLa curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto

 
LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

La sentenza d'appello

Ucciso per errore a Bari, «graziato» mandante dell'agguato: dall'ergastolo a 20 anni

Per i giudici di secondo grado l'omicidio di Antonio Mizzi non fu premeditato

Omicidio Mizzi: «Fu mafia» Spari in piazza per intimidire

Il boss del clan mafioso Di Cosola di Bari, Antonio Battista, non premeditò l’agguato nel quale, per errore, fu ucciso Giuseppe Mizzi, il 38enne vittima innocente di mafia, ferito a morte il 16 marzo 2011 a pochi passi dalla sua abitazione nel centro del rione Carbonara di Bari. Lo ha stabilito la Corte di assise di appello di Bari che ha ridotto dall’ergastolo a 20 anni di reclusione la pena inflitta nei confronti di Battista, ritenuto il mandante dell’omicidio.

Stando all’ipotesi accusatoria, sostenuta dal pm della Dda Federico Perrone Capano che ha chiesto di essere applicato anche al processo di secondo grado, il boss ordinò ai suoi di rispondere ad un agguato subito uccidendo un uomo, «il primo che trovate», del clan rivale Strisciuglio e quella sera, per errore, Emanuele Fiorentino e Edoardo Bove, spararono a Mizzi scambiandolo per uno spacciatore.

I due esecutori materiali sono già stati condannati con sentenza ormai definitiva rispettivamente a 20 anni e a 13 anni e 4 mesi di reclusione. I giudici hanno confermato i risarcimenti danni ai familiari di Mizzi, con provvisionali di 20mila euro per i genitori, 10mila per i fratelli, 50mila per moglie e figli. 

La posizione di Battista come mandante era stata inizialmente archiviata, fino alle dichiarazioni di sua moglie, Lucia Masella, che dopo essere diventata collaboratrice di giustizia, aveva accusato il marito aiutando gli inquirenti della Dda a riaprire il caso.

A processo c'erano anche altri 54 imputati, tra i quali l’ex capo clan Antonio Di Cosola (deceduto lo scorso 31 agosto) e numerosi affiliati all’organizzazione criminale, accusati di reati di associazione mafiosa, droga, armi ed estorsioni. Per l’ex boss Di Cosola è stato dichiarato il non diversi procedere per morte del reo, gli altri 53 imputati è stata disposta una assoluzione e confermate tutte le condanne con lievi riduzioni di pena fino a 15 anni di reclusione.

Gli imputati sono stati riconosciuti colpevoli di numerose estorsioni a costruttori edili ai quali il clan avrebbe imposto l'acquisto di cemento scadente da un’azienda amica (di qui il nome dell’operazione «Pilastro"), oltre a pretendere 100 euro per ogni slot machine che obbligava bar e sale giochi ad installare. Nel processo erano costituite parti civili tre aziende alle quali gli imputati dovranno risarcire i danni causati, con quantificazione da definirsi in sede civile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400