Mercoledì 19 Settembre 2018 | 18:22

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Operazione di Polizia e Cc

Mafia, preso in un residence
boss bitontino Conte
Disse: sparate a chi capita

Il 48enne è accusato di essere il mandante della sparatoria che costò la vita alla 84enne Anna Rosa Tarantino

Mafia, preso in un residenceboss bitontino Domenico Conte

Gli arresti di marzo scorso

BARI - Carabinieri e Polizia hanno arrestato un presunto capoclan di Bitonto, Domenico Conte, accusato di essere il mandante dell’omicidio della 84enne Anna Rosa Tarantino, uccisa per errore a Bitonto (Bari) il 30 dicembre scorso durante un regolamento di conti tra bande rivali. Durante l'agguato, compiuto con colpi di armi da fuoco, rimase ferito Giuseppe Casadibari, esponente del clan rivale Cipriano, ritenuto l’obiettivo dei killer. Conte risponde anche del tentativo di omicidio di Casadibari, poi divenuto collaboratore di giustizia.

Il presunto capoclan è stato rintracciato a Giovinazzo dove è stato localizzato, in base ad attività tecniche, in una villetta di un residence rivierasco. Latitante dal 20 aprile, si era nascosto a Giovinazzo con la convivente incinta e la figlia di 6 anni.

L’84enne Anna Rosa Tarantino incrociò la fuga dello spacciatore di droga Giuseppe Casadibari, inseguito da due sicari armati, e fu uccisa con due dei 17 colpi di pistola sparati nei vicoli del centro storico di Bitonto. Vittima innocente della 'guerrà in atto tra i due clan rivali, Conte e Cipriano, l’anziana sarta finì per errore sulla traiettoria di quei proiettili, nell’ultimo dei quattro agguati compiuti quella mattina, il 30 dicembre scorso, in una sorta di 'botta e rispostà tra gruppi criminali.

IL BOSS AI SUOI: SPARATE  A CHI CAPITA - Conte è riconosciuto come capo indiscusso di un gruppo criminale rivale dei Cipriano. Il giorno in cui fu uccisa la donna - secondo l’accusa - Conte ordinò ai suoi uomini di «sparare a chiunque fosse capitato a tiro": il killer sparò a uno spacciatore, ma le pallottole colpirono la donna.

Negli ambienti malavitosi è conosciuto come «Mimm u negr» e ha una fedina penale pesante. Ha cominciato la sua attività illecita a 20 anni e poco dopo è diventato il giovane di fiducia di Michele D’Elia, noto come «Michele sei dita», ritenuto affiliato alla Sacra Corona Unita. Nel 2003, in due tentarono di ucciderlo e i presunti sicari furono, di lì a poco, vittime della lupara bianca.

LO SCONTRO PER LA DROGA - All’origine dello scontro c'era la gestione delle piazze di spaccio della droga e il tradimento di alcuni sodali passati al clan rivale. Cosimo Liso (ex Cipriano passato con i Conte) aveva iniziato a spacciare nella piazza dei rivali, nel centro storico, e per questo gli era stato intimato di abbandonare la propria casa. All’indomani mattina - il 30 dicembre - la sua reazione, con alcuni colpi di pistola su un portone a Porta Robustina, piazza di spaccio nella città vecchia del clan Cipriano, quindi la risposta con due spedizioni punitive: una a casa di Liso, sfondando il portone d’ingresso, l’altra in via Pertini, alla periferia di Bitonto, con 31 colpi sparati sul portone della palazzina dove ha sede la piazza di spaccio controllata da clan Conte. I Conte aspettarono solo dieci minuti: due uomini con i volti coperti, Michele Sabba e Rocco Papaleo, su ordine del boss, cercarono un bersaglio, uno qualunque del clan rivale, e inseguendo uno spacciatore, per eliminarlo, uccisero la signora Tarantino. Dal 17 marzo ad oggi per i quattro agguati di quella mattina sono state arrestate nove persone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Fiera del Levante, scoperti dalla Guardia di Finanza 120 bagarini

Fiera del Levante, scoperti dalla Guardia di Finanza 120 bagarini

 
Bari, minacciò parroco per soldi: «Attento, ho amici nell'Isis»

Bari, minacciò parroco per soldi: «Attento, ho amici nell'Isis»

 
Giancaspro fa ricorso al Tar«Bloccate l'esordio del Bari»

Giancaspro fa ricorso al Tar
«Bloccate l'esordio del Bari»

 
Oltre cento bustine di marijuana e armi illegali, tre arresti a Bari Vecchia

Oltre cento bustine di droga e armi illegali, tre arresti a Bari Vecchia

 
Bari, flash mob in difesa legge contro omofobia domani davanti al Consiglio Regionale

Bari, flash mob in difesa legge contro omofobia davanti al Consiglio Regionale

 
Medici, organici ridotti al minimo, chi va in pensione non sostituito

Medici, organici ridotti al minimo, chi va in pensione non sostituito

 
Bari, agguato al rione Madonnellaspari tra la gente: un giovane a terra

Bari, spari al rione Madonnella, operato il giovane ferito, sta bene

 
Test Medicina 2018, i risultati sono online: ecco gli esiti di Bari

Test Medicina a Bari: su 2737 candidati c'è chi ha totalizzato -0,2 Risultati  

 

GDM.TV

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

 
Pesca a strascico, il grande fratello inchioda 11 barche: in cella comandante di peschereccio

Pesca a strascico, multate 11 barche
in cella comandante di peschereccio

 
Fiera: gli spazi più amati dai 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento "military style" con l'esercito

Fiera: 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento «military style»

 
Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

 
Bari, anziano cade in un pozzoil salvataggio dei Vigili del fuoco

Bari, anziano cade in un pozzo
il salvataggio dei Vigili del fuoco Vd

 
Bari, il raduno dei bikers:moto, birra e tanta musica IL VIDEO

Bari, il raduno dei bikers: moto,
birra e tanta musica fino a sera

 
Grave incidente in via Barisano da Trani: motociclista in codice rosso

Grave incidente in via Barisano da Trani: motociclista in codice rosso

 
Pace fatta tra Emiliano e Nunziante, il governatore: «Grazie Tonino»

Pace fatta tra Emiliano e Nunziante, il governatore: «Grazie Tonino» VD

 

PHOTONEWS