Lunedì 22 Aprile 2019 | 22:48

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa raccolta differenziata
Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

 
TarantoIl caso
Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

 
BrindisiMolestie in famiglia
Turturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

Tuturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

 
LecceA Ugento
Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

 
BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 

Astrofisica

Ricercatori salentini
individuano il pianeta
extrasolare più vicino

Ecco la «Superterra di Halloween»

super pianeta

di MAURO CIARDO

Gli astrofisici salentini scoprono il pianeta extrasolare più vicino alla Terra e incorniciano un altro record mondiale. È stato un team di scienziati composto da ricercatori dell’Università del Salento associati all’Inaf (Istituto nazionale di astrofisica) e all’Infn (Istituto nazionale di fisica nucleare), che da anni studia il fenomeno delle lenti gravitazionali, a scoprire l’esistenza di un pianeta lontano «solo» 1240 anni luce dal nostro e al quale è stato dato il nome «Feynman-01», in onore del famoso fisico e premio Nobel statunitense Richard Phillips Feynman. Il gruppo di studio è composto da Achille Nucita, Domenico Licchelli, Francesco De Paolis, Gabriele Ingrosso e Francesco Strafella.

L’osservazione del corpo celeste è avvenuta nella notte del 31 ottobre scorso attraverso un telescopio collocato a Gagliano del Capo, dove si trova un osservatorio diretto da Licchelli. Solo ieri, dopo mesi di prove e riscontri incrociati, tra cui quelli dei loro colleghi russi Natalia Katysheva e Sergei Shugarov dell’Istituto astronomico Sternberg di Mosca, la notizia è stata resa nota portando l’équipe leccese a bissare il successo dopo un’importante scoperta del 2009.

La «Superterra di Halloween» (come è stato simpaticamente etichettato il nuovo pianeta scoperto dai tetti di Gagliano), fa parte di un sistema pesante due volte e mezzo il nostro sole e costituito da una stella (probabilmente una nana bruna) intorno alla quale ruota questo pianeta extra-solare che ha una massa compresa nell’intervallo tra 3 e 16 masse terrestri.

Il telescopio, localizzato nell’area urbana di Gagliano (in via dei Mille), la notte di Halloween era puntato verso la costellazione del Toro per l’osservazione mirata (in gergo tecnico si chiama follow-up) di una sorgente gravitazionale (classificata TCP J05074264+2447555). L’andamento della curva di luce della sorgente (ovvero la variazione nel tempo della luminosità osservata a Terra) aveva portato gli astronomi a considerarla come un possibile evento di micro lente gravitazionale (o microlensing), vale a dire un effetto di distorsione della luce quando un corpo passa nelle vicinanze di un altro con massa più grande.

Ad rendere ancora più complicato il lavoro degli astronomi salentini in questo caso è stata anche la posizione del pianeta, in un punto dell’Universo scarsamente «abitato». L’evento infatti, non è stato identificato verso un agglomerato di stelle, ma in direzione della costellazione del Toro dove la densità di stelle che possono fungere da sorgente o da lente è talmente bassa da rendere trascurabile la probabilità che si verifichi un evento di microlente. In questo caso la stella sorgente è un oggetto posto a 2300-2600 anni luce di distanza dalla Terra. La prova che i calcoli erano esatti è arrivata quando i risultati dei salentini si sono sovrapposti a quelli del centro astronomico russo. Ma i pugliesi sono arrivati primi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Pasquetta a Bari, gita fuori porta anche per i cinghiali: il pic nic tra i rifiuti

Pasquetta a Bari, gita fuori porta anche per i cinghiali: il pic nic tra i rifiuti

 
Cinquanta giovani atlete pugliesidi fronte ai tecnici del settore nazionali

Cinquanta giovani atlete pugliesi
di fronte ai tecnici del settore nazionali

 
Nazionale seniores maschiletutto gira attorno a Bari

Nazionale seniores maschile
tutto gira attorno a Bari

 
Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

 
Sommergibili, 24 nuovi "delfini"consegnati a Taranto i brevetti

Sommergibili, 24 nuovi "delfini"
consegnati a Taranto i brevetti

 
Abusivismo commerciale: GdF sequestra in Puglia 3,4 milioni di prodotti contraffatti

Abusivismo commerciale: GdF sequestra in Puglia 3,4 milioni di prodotti contraffatti

 
Bari in Serie C, i tifosi accolgono i galletti in aeroporto

Bari in Serie C, i tifosi accolgono i galletti in aeroporto

 
Settimana Santa, la processione del Sabato Santo a Molfetta

Settimana Santa, la processione del Sabato Santo a Molfetta

 
Porto Brindisi, GdF sequestra 57mila paia di infradito Havaianas false

Porto Brindisi, GdF sequestra 57mila paia di infradito Havaianas false