Giovedì 20 Settembre 2018 | 12:26

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Taranto

«Il nostro Concertone
ricorda i disoccupati»

La Festa dei Lavoratori in musica è al Parco delle Mura Greche Riondino: «Lottiamo affinché Taranto superi la cultura dell’acciaio»

«Il nostro Concertone ricorda i disoccupati»

EMANUELA PERRONE

È tempo di #unomaggioliberoepensante. Dopo un anno di pausa per evitare strumentalizzazioni durante la campagna elettorale per le elezioni amministrative, torna l’appuntamento con il concerto-evento, organizzato dal Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti.

«Siamo tornati e siamo cresciuti a dismisura» fa sapere l’attore Michele Riondino, a cui è affidata la direzione artistica insieme a Roy Paci e Diodato. La formula della manifestazione, il cui tema quest’anno è «Programmiamo il nostro futuro», resta immutata, come evidenziato nella conferenza stampa: al mattino il dibattito sul «Piano Taranto» che consenta al territorio «di liberarsi dalla monocultura dell’acciaio», mentre a partire dalle 14 spazio alla musica, attraverso la quale «dare un megafono alle diverse realtà che hanno bisogno di denunciare o proporre un’alternativa» spiega Diodato.

Sarà, come al solito, «una giornata di lotta»: si ballerà e si canterà per riaffermare i propri diritti, quello alla salute e alla vita, innanzitutto. A tal proposito, a detta di Riondino, le 24 ore di sciopero di lunedì 30 aprile nell’acciaieria all’Ilva, indette da Fim, Fiom e Uilm per protestare contro le condizioni di lavoro ritenute insicure, «sono una barzelletta. È uno sciopero di facciata. Dal 2012 ci sono stati sette morti in fabbrica. Se si vuol affrontare il tema della sicurezza - prosegue - dobbiamo parlare anche di chi muore in un altoforno che è stato dichiarato fuori legge dalla magistratura ma che il Governo, con l’avallo dei sindacati, ha fatto riaprire riconsegnando la licenza di uccidere». Poi la stoccata al segretario generale della Fiom Maurizio Landini «che difende l’Ilva e l’Eni e che si sta adoperando per un altro scempio, quello di Tempa Rossa, che porta la firma del sindaco Rinaldo Melucci».

A condurre l’evento, alla quinta edizione, saranno Valentina Petrini, Valentina Correani, Andrea Rivera e la new entry Martina Dell’Ombra. «Sono pronta con il mio solito piglio da giornalista d’inchiesta e attivista ad affrontare i temi centrali che tengono banco a Taranto e in Italia. - commenta Valentina Petrini -. Questa città è un laboratorio nazionale che lancia dei messaggi a Roma, dove si cerca faticosamente di creare un Governo, sulla base di alleanze tra partiti, ma senza ascoltare i bisogni dei territori. Nel Mezzogiorno ci sono quasi due milioni di disoccupati e dallo scoppio della grande crisi del 2009 circa quattrocentomila uomini e donne del Sud hanno abbandonato la loro terra. Lo Stato versa al Sud 86 miliardi di euro in meno rispetto al Nord, a parità di popolazione e sei miliardi di euro di investimento in meno rispetto al resto d’Italia. Questi sono i problemi reali di cui parleremo sul palco - fa sapere -. Il lavoro è diritto e dignità e cercheremo di ricordarlo a chi se l’è dimenticato. Da questi temi bisogna ripartire per rilanciare il Sud».

Sul palco si alterneranno tantissimi artisti che hanno scelto di aderire all’iniziativa a titolo gratuito. «Chi decide di essere a Taranto lo fa perché condivide il nostro documento politico e la nostra lotta» riferisce Riondino. «Ogni anno diventa sempre più semplice coinvolgerli - aggiunge Diodato -. L’uno maggio Taranto ha il merito di cercare di ricostruire un tessuto sociale che in questa città è stato distrutto».

Lo confermano anche i Liberi e Pensanti: «le mani a sostegno della manifestazione si sono moltiplicate. La città sta imparando a sentire suo questo evento». Nel parco è prevista un’area per i disabili. Inoltre, sarà possibile seguire l’evento nella lingua dei segni. Il concerto sarà in diretta tv, in esclusiva nazionale, su Canale 85 e Antenna Sud (canale 13) del digitale terrestre, oltre che in streaming sui canali Facebook delle rispettive emittenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Gli studenti del Poliba creano la PC5 2018 EVO: ecco la monoposto da corsa

Gli studenti del Poliba creano una monoposto da corsa: IL VIDEO

 
I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: in arrivo la Red Bull Cliff Diving

I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: ecco la Red Bull Cliff Diving

 
Asl Bari audio

Asl Bari audio

 
La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

 
Spaccio droga, arrestati tre membri della famiglia Portante dopo intercettazioni

Foggia, dal carcere le indicazioni ai familiari per lo spaccio, 3 arresti VD

 
Pesca a strascico, il grande fratello inchioda 11 barche: in cella comandante di peschereccio

Pesca a strascico, multate 11 barche
in cella comandante di peschereccio

 
Fiera: gli spazi più amati dai 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento "military style" con l'esercito

Fiera: 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento «military style»

 
Fiera, chiusura scoppiettante con i fuochi d'artificio

Fiera, chiusura scoppiettante con i fuochi d'artificio VD

 
Toti e Tata, insieme dopo 11 anni per chiudere la Fiera del Levante (VD)

Toti e Tata, a Bari dopo 11 anni chiudono la Fiera del Levante VD

 

ANSA.TV

Mondo TV
L'abbraccio tra Papa Francesco e Bono Vox

L'abbraccio tra Papa Francesco e Bono Vox

 
Notiziari TV
Ansatg delle 12

Ansatg delle 12

 
Meteo TV
Previsioni meteo per venerdi', 21 settembre 2018

Previsioni meteo per venerdi', 21 settembre 2018

 
Calcio TV
Champions, Ronaldo espulso per una manata

Champions, Ronaldo espulso per una manata

 
Italia TV
Crollo Ponte, Autostrade presenta il suo progetto

Crollo Ponte, Autostrade presenta il suo progetto

 
Spettacolo TV
Il dolore che serve per scoprirsi padre

Il dolore che serve per scoprirsi padre

 
Economia TV
'Niente visti facili ai cittadini Ue dopo la Brexit'

'Niente visti facili ai cittadini Ue dopo la Brexit'

 
Sport TV
Olimpiadi 2026, in corsa per i cinque cerchi

Olimpiadi 2026, in corsa per i cinque cerchi