Domenica 19 Settembre 2021 | 06:07

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Con il 92,7% di sì

Bari, Landini nuovo segretario della Cgil: «Grande prova di unità»

Le parole all’assemblea generale. Il passaggio di testimone con la Camusso e gli auguri di Emiliano e Furlan

Da nuovo segretario generale della Cgil «ho pensato di fare due cose subito, chiare: ieri sera sono andato ad un’assemblea dell’Anpi a Bari per dire che la resistenza contro il fascismo non è finita e la dobbiamo continuare tutti insieme. Oggi vado al Cara di Bari-Palese, quelli che il governo vuole chiudere. Noi andiamo lì», dice Maurizio Landini dal palco del congresso. Perché «questa Cgil ha un’altra idea di società, noi vogliamo cambiare il Paese, noi siamo il sindacato del cambiamento, non Salvini, la Lega che ci sta portando indietro».

«Il risultato parla da solo. E’ una grande prova di unità, di democrazia»: sono le prime parole pronunciate da Maurizio Landini subito dopo essere stato eletto segretario generale della Cgil, con il 92,7% di sì. Subito dopo scende in platea per abbracciare Susanna Camusso, da cui raccoglie il testimone. La fa salire con lui sul palco e la ringrazia «perché ha dato tante lezioni», afferma richiamando anche «le discussioni» avute. «Ha dimostrato grande capacità di ascolto e di autonomia», ripete abbracciandola di nuovo, tra gli applausi della platea.

LE PAROLE DI EMILIANO - L’elezione di Maurizio Landini a segretario generale della Cgil, in quello che sarà ricordato come 'il congresso di Barì, nella nostra Fiera del Levante, è una grande notizia per i lavoratori italiani». Lo sottolinea in una nota il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. «Sono sicuro - prosegue - che Maurizio sarà uno strenuo difensore delle ragioni dell’Italia fondata sul lavoro, e delle ragioni del Mezzogiorno d’Italia che mai come in questo periodo di tensioni internazionali, di cui non se ne sentiva affatto il bisogno, è sempre più arca di pace e di accoglienza». «E contribuisce con orgoglio - sottolinea - allo sviluppo italiano anche con i maggiori impianti siderurgici ed energetici d’Europa, che ospitiamo con i sacrifici per il nostro ambiente che ben conoscono pure i lavoratori che vi sono impegnati».

GLI AUGURI DI FURLAN (CISL) - «Auguri ed in bocca al lupo a Maurizio Landini nuovo Segretario generale Cgil, a Gianna Fracassi e Vincenzo Colla vice Segretari ed ai nuovi Segretari confederali. La Cisl è pronta a lavorare con Cgil e Uil per rafforzare l’unità del sindacato, la dignità del lavoro e della persona». Lo ha scritto su twitter la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, esprimendo le sue congratulazioni alla nuova segreteria nazionale della Cgil.

L'ASSEMBLEA PRIMA DELL'ELEZIONE - La candidatura a segretario generale della Cgil «mi emoziona molto e mi fa sentire il peso di questa grande responsabilità». Così Maurizio Landini prende la parola all’assemblea generale per il suo intervento programmatico prima del voto per la sua elezione. E ricorda «quando Susanna Camusso ha avanzato la proposta per la carica a segretario generale ho sperato con tutto il cuore che fosse condivisa da tutta l'organizzazione».

«Se attraverso il voto segreto mi darete la vostra fiducia, questo significa un vincolo e un mandato preciso: guidare una Cgil unitaria e dare continuità a quello che abbiamo fatto in questi anni»: lo afferma Maurizio Landini nel suo intervento programmatico all’assemblea generale, prima del voto per la sua elezione a segretario generale della Cgil. «La Cgil o è una o non è, o è plurale o non è», sottolinea. Proporrò una delibera per nominare due vice segretari»: lo anticipa Maurizio Landini parlando all’assemblea generale, prima del voto per la sua elezione a segretario generale della Cgil, facendo i nomi di Vincenzo Colla e Gianna Fracassi.

«Dobbiamo cambiare le scelte sbagliate che sta facendo questo governo», ha poi aggiunto Landini ricordando il prossimo appuntamento, già fissato da Cgil, Cisl e Uil con la manifestazione nazionale del 9 febbraio a Roma: «Dobbiamo riempire la piazza, dobbiamo dare voce e parola al lavoro». La manovra, sottolinea, «è miope e recessiva, e non assume la stabilità e la qualità del lavoro quale bussola del cambiamento economico e sociale».

«Se qui qualcuno si sente landiniano, colliano, camussiano sappia che sono sintomi di una malattia che va curata subito» commenta con una battuta poi il segretario generale in pectore per rimarcare l’unità della Cgil. Il congresso, sottolinea, «si è chiuso in modo unitario, non solo qui, ma in tutte le camere del lavoro, le categorie e le regioni».

LE PAROLE DI COLLA - «Abbiamo fatto la cosa giusta per mantenere unita la Cgil. Siamo la Cgil tutti insieme. Tutti insieme sosteniamo Maurizio Landini». Lo sottolinea Vincenzo Colla, proposto da Landini come vice segretario generale della Cgil, intervenendo all’assemblea generale che eleggerà il nuovo leader. Intervento poco dopo anche di Gianna Fracassi, la donna che è stata proposta anche per il ruolo di vice segretario generale: «Questo è il tempo del noi», rimarca.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie