Sabato 19 Giugno 2021 | 21:16

Il Biancorosso

Calcio
Michele Mignani

Il Bari si affida a Mignani: è lui il nuovo allenatore

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiL'approdo
Brindisi, la nave scuola Palinuro attracca a sorpresa nel porto

Brindisi, la nave scuola Palinuro attracca a sorpresa nel porto

 
FoggiaSerie C
Calcio, Zeman torna al Foggia: i tifosi rossoneri tornano a sognare

Calcio, Zeman torna al Foggia: i tifosi rossoneri cominciano a sognare

 
TarantoIl caso
Ex Ilva, dopo blackout fumi e fiamme nello stabilimento, i Verdi: «Bisogna avvisare i tarantini»

Ex Ilva, dopo blackout fumi e fiamme nello stabilimento, i Verdi: «Bisogna avvisare i tarantini»

 
BariIl premio
Magna Grecia Awards: da Aleida a Mirabella, lo spettacolo sul sagrato di S. Nicola

Magna Grecia Awards: da Aleida a Mirabella, lo spettacolo sul sagrato di S. Nicola

 
LecceIl fatto
Lecce, misterioso incendio distrugge tre auto

Lecce, misterioso incendio distrugge tre auto

 
Potenzabollettino regionale
Basilicata, solo 13 sono risultati positivi al covid-19

Basilicata, solo 13 sono risultati positivi al covid-19

 
BatIl fatto
Barletta, polemiche sull’interruzione dei lavori allo Stadio Puttilli

Barletta, polemiche sull’interruzione dei lavori allo Stadio Puttilli

 
PotenzaL'emergenza
Basilicata zona bianca: Speranza telefona a Bardi

Basilicata zona bianca: Speranza telefona a Bardi

 

i più letti

La fortuna

Dalla «dea bendata» ai giorni nostri

Chi trova un amico trova un tesoro... nei gesti, nelle parole

L'eco dell'ambiente

Federica Marangio

Federica Marangio

Uno spazio per stimolare la conversazione con i cittadini sull'eco dell’ambiente nella nostra salute. Commenti e opinioni a federicamarangio@gmail.com

Dalla dea bendata ai giorni nostri

Fortuna: dal suono della parola all’espressione del suo valore. Dal significante al significato, in linguistica. E ancora, dall’etimologia al peso di un lemma che si arricchisce di contenuto oggi più che mai.

Fortuna è tra le parole felici che attraversano i secoli arrivando ai giorni nostri facendo bella mostra di un passato vivace e dinamico. Dal latino fors, era nell’antichità una parola ancipite, utile sia ad indicare un destino fausto sia infausto, di incerta etimologia e dal significato neutro potendosi rivelare nel tempo una possibilità propizia o sciagurata. Nel greco la sfaccettatura è più variegata, presentando questa lingua una notevole varietà lessicale.

Il termine più frequentemente impiegato è Tychē, derivato dal verbo tynchanein che segnala l’accadere puramente casuale e imprevedibile. Tychē tratteggia una forza divina inarrestabile, ineludibile e, come la fortuna latina, può tradursi nella bontà o nella ostilità delle azioni.

Sempre in greco si accompagna a prefissi che la qualificano, positivamente – eutychia – o negativamente – atychia o dystychia. Questa digressione etimologica val bene una riflessione che dal campo semantico si estende al significato sociale. Così oggi a fortuna equivalgono parole altisonanti quali ricchezza, patrimonio, beni e si associano espressioni che inglobano modi di dire pregni di valore. In questa lettura insolita del termine “fortuna” si incasella il fascino di poter contare su amici sinceri.

Se spesso ci si concede la metafora dell’amore cieco, è più che altro la Fortuna ad incarnare i tratti della dea bendata che per caso o per fortuna, appunto, tocca qualcuno. E l’amicizia nell’autenticità dei valori che esprime è una grande fortuna. Il rinomato proverbio “chi trova un amico trova un tesoro” risale al detto biblico contenuto nel libro del Siracide viene attribuito al re Salomone o a un contemporaneo che così sentenziava: «…Un amico fedele è una protezione potente, chi lo trova, trova un tesoro. Per un amico fedele non c’è prezzo, non c’è peso per il suo valore…»

In un momento in cui qualcuno ha definito la gentilezza un atto rivoluzionario, l’amicizia è quel bene fortuito che ci rende migliori.

Nel vero amico riponiamo fiducia e a lui guardiamo non senza celare un profondo senso di ammirazione, perché in alcuni aspetti vorremmo essere ad egli simili. Come scrive Cicerone nel “Laelius de amicitia” «idem velle atque idem nolle», «desiderare e respingere le stesse cose», l’amicizia è un sentiero, un percorso in cui si fanno scelte comuni di approvazione o di dissenso.

E nella lista infinita di ciò che può essere amico, preso come aggettivo qualificativo, rientrano tutte le esternazioni di vicinanza, affetto, presenza e stima che anche il più minuscolo dei gesti porta con sé.  

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie