Cerca

L'impianto a ridosso di Salina Monaci

Manifestazione ad Avetrana
contro il depuratore di Manduria
La lettera-appello di Romina

La costruzione di un depuratore fognario nel Tarantino, a ridosso della meravigliosa riserva naturale Salina Monaci, a meno di un chilometro dal mare, sta scatenando le proteste dei residenti della zona. Oggi ad Avetrana si è svolta una manifestazione per cercare di bloccare la realizzazione di un impianto che servirà Sava e Manduria, marine comprese.

Prima un corteo per le strade cittadine, poi tutti in piazza. Presenti i sindaci dei Comuni limitrofi e anche quelli Brindisi e di Oria. Nutrita la rappresentanza di manifestanti NO-TAP di Melendugno. Contro il depuratore si è schierata pure Romina Power attraverso una lettera aperta (di seguito il testo) agli amministratori di Manduria.

«Oggi il popolo di Avetrana e molti cittadini dei paesi limitrofi (Erchie, Oria, Latiano, San Pancrazio, Manduria, Maruggio, Sava etc) si uniranno nella ennesima giornata di protesta, con chiusura generale degli esercizi e corteo alle 15, per ribadire la loro assoluta contrarietà all’ipotesi di collettore di fogna Sava Manduria che si vuole imporre da 13 anni ad una comunità che ha in tutti i modi possibili ribadito il proprio no.
Il nuovo studio di fattibilità che la giunta comunale di Manduria vorrebbe approvare nel prossimo consiglio comunale previsto per il 7 aprile  non solo è peggiore del primo come impatto ambientale, MA NON ESCLUDE AFFATTO LO SVERSAMENTO IN MARE, che ora diverrebbe ‘discontinuo’, ed ‘emergenziale’, ma di certo almeno 15 volte all’anno secondo questo ‘studio’.
Il presidente Emiliano, intervistato ieri sera  da Bruno Vespa, si è fatto paladino della dura protesta dei fieri salentini contro l’attuale tracciato del gasdotto (TAP), condannando l’uso della forza da parte  dello Stato contro ‘sindaci e cittadini inermi’ che “chiedono solo di spostare il tracciato del gasdotto, una cosa semplice” . Anche i cittadini di Manduria ed Avetrana chiedono “una cosa semplice”, lo spostamento del sito  ed un referendum sulle varie ipotesi alternative, ma il Presidente della Regione Puglia qui manda gli agenti in assetto antisommossa, e questo  doppio registro non ha fatto altro che ingigantire, giustamente, la protesta e lo sdegno, confluiti in un gemellaggio ‘ideale’ tra i sindaci di Avetrana e Melendugno, che domani invierà  una delegazione di NO TAP alla manifestazione di Avetrana.

Spero di essere presente di persona in piazza, se non domani ad Avetrana, almeno in occasione della prossima manifestazione in Manduria, prevista per il 7 aprile. Con preghiera di ampia diffusione.

Romina Power

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400