Domenica 26 Giugno 2022 | 09:23

In Puglia e Basilicata

L'annuncio

Gruppo Pirelli apre sede di ricerca a Bari: assunzioni e opportunità di lavoro

Il nuovo «Digital Solutions Center» di Pirelli è stato presentato oggi a Bari dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, dal vice presidente esecutivo e amministratore delegato di Pirelli, Marco Tronchetti Provera e dall’assessore allo Sviluppo economico, Alessandro Delli Noci

20 Maggio 2022

Redazione online

BARI - Pirelli investe sulla Puglia e sulle competenze digitali dei suoi giovani aprendo a Bari un nuovo centro per lo sviluppo di software e soluzioni digitali. Il progetto prevede 50 nuove assunzioni entro il 2025 fra neolaureati e manager specializzati nello sviluppo di software, in particolare in computer science, software engineering, data science, intelligenza artificiale, machine learning. Le nuove figure professionali andranno ad aggiungersi alle circa 160 persone che oggi lavorano nel team Digital Pirelli in Italia. Il nuovo «Digital Solutions Center» di Pirelli è stato presentato oggi a Bari dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, dal vice presidente esecutivo e amministratore delegato di Pirelli, Marco Tronchetti Provera e dall’assessore allo Sviluppo economico, Alessandro Delli Noci.
Il piano prevede un investimento da 9 milioni di euro tra il 2022 e giugno 2024, di cui una parte potrò essere finanziata dalla Regione Puglia in base ai progetti che Pirelli realizzerà. La sede sorgerà in via Mazzitelli, nel rione Poggiofranco di Bari. Per valorizzare i giovani talenti del capoluogo pugliese, Pirelli ha avviato anche un programma di collaborazione con l'Università di Bari e con il Politecnico che prevede la realizzazione di progetti di ricerca e sviluppo congiunti e iniziative quali career day, seminari e hackaton, oltre a programmi di stage e tirocini e borse di studio.

«E' stata una scelta guidata dall’accoglienza che la Puglia ci ha dato, dalla qualità della formazione delle Università pugliesi, abbiamo instaurato un rapporto che ci darà l’opportunità di crescere insieme dei giovani talenti soprattutto nelle nuove materie». Lo ha detto il vicepresidente esecutivo e amministratore delegato di Pirelli, Marco Tronchetti Provera, spiegando i motivi dell’apertura di un centro di ricerca a Bari. «Siamo felicissimi di essere a Bari - aggiunge - abbiamo avuto un grande supporto da parte della Regione, siamo particolarmente felici di avere questa opportunità. Prevediamo di assumere una cinquantina di giovani altamente specializzati nelle materie legate all’intelligenza artificiale, al mondo digitale. Giovani che diventeranno una parte fondamentale dell’intelligenza di Pirelli che ha circa 500 persone dedicate al mondo dell’evoluzione del digitale. E’ un piacere contribuire allo sviluppo di una città come Bari».

«Uno dei nostri sogni è avere un distretto dell’automotive completo qui a Bari. Fateci capire le idee e le imprese che hanno voglia di farci costruire qui delle automobili complete, noi siamo nelle condizioni di farlo e abbiamo tutta la dedizione per farlo. Vogliamo costruire qui auto moderne, che non inquinano che saranno alimentate dalle nostre energie sostenibili». Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, rivolgendosi ai manager Pirelli, durante la conferenza stampa di presentazione del nuovo centro di ricerca Pirelli a Bari.

«Continua il lavoro della Regione Puglia per trattenere qui nella nostra regione ragazzi e ragazze di talento che ovviamente sono richiesti in tutto il mondo, sono richiesti nel resto del Paese. Per farlo stiamo insistendo con tutti i grandi gruppi che ci danno affidabilità. Pirelli è affidabile non solo perché fa pneumatici dalla grande tenuta e dalla grande resistenza, ma anche per la sua storia di serietà, di responsabilità e anche di vicinanza all’Italia. Quindi abbiamo un partner importantissimo, una multinazionale che è in contatto con tutte le altre aziende del settore automotive del mondo e che ovviamente sta dando valore al capitale umano pugliese». Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, a margine della conferenza stampa di presentazione del nuovo centro di ricerca Pirelli a Bari.
«Come avete visto di recente anche con l’accordo con Deloitte - ha aggiunto - si stanno costruendo i presupposti di quella che vent'anni fa credo l’amministratore delegato di Enel, Tatò, definiva in un libro la California d’Italia. Ora, senza fare paragoni, sono passati vent'anni d’impegno politico incessante che hanno determinato un cambiamento. Questo cambiamento viene intercettato dai gruppi sempre più importanti del mondo, perché si è compreso che fare qualcosa in Puglia significa avere più facilmente a disposizione quelle persone che vivendo nella nostra regione o perché vogliono venire a vivere da noi possono contribuire alla crescita di queste imprese. Quindi c'è una partnership anche basata sulla nostra affidabilità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -

BAT

 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725