Venerdì 07 Ottobre 2022 | 00:58

In Puglia e Basilicata

Colpite quasi 17.000 persone

Vaiolo delle scimmie, Organizzazione Mondiale Sanità: emergenza sanitaria globale

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha emesso il suo massimo livello di allerta per cercare di contenere l’epidemia di vaiolo delle scimmie.

23 Luglio 2022

Redazione online

GINEVRA - L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha emesso il suo massimo livello di allerta per cercare di contenere l’epidemia di vaiolo delle scimmie, che ha colpito quasi 17.000 persone in 74 Paesi. Lo ha annunciato il suo direttore generale.

«Ho deciso di dichiarare un’emergenza sanitaria pubblica di rilevanza internazionale», ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus durante una conferenza stampa, precisando che il rischio nel mondo è relativamente moderato a parte l’Europa dove è alto.

Tedros ha spiegato che il comitato di esperti non è riuscito a raggiungere un consenso, rimanendo diviso sulla necessità di attivare il massimo livello di allerta. Alla fine, è spettato al direttore generale decidere.

«È un invito all’azione, ma non è il primo», ha affermato Mike Ryan, responsabile delle emergenze dell’Oms, che ha affermato di sperare che possa portare a un’azione collettiva contro le malattie.

Da inizio maggio, quando è stata rilevata al di fuori dei paesi africani dove è endemica, la malattia ha colpito più di 16.836 persone in 74 Paesi, secondo il Centro americano per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) il 22 luglio.

Vaiolo delle scimmie: esperto, numeri alti ma virus non pericoloso

«Non è una malattia eccessivamente pericolosa, però i numeri sono importanti nel senso che non è un fenomeno, cioè non c'era questa malattia. Ci sono 14mila casi, l'Oms ragiona con una logica di attivare i sistemi di sorveglianza in modo da non farsi cogliere impreparata da qualche variante, c'è la malattia nuova, di solito poi si ridimensiona il fenomeno. Una malattia nuova o comunque che si diffonde dove non c'era, deve sempre indurre le autorità sanitarie a una grande attenzione, l’Oms parla al mondo, a tutti Paesi e questo è un fenomeno da seguire». Lo afferma Carlo Signorelli, docente di Igiene e salute Pubblica dell’Istituto San Raffaele di Milano, commentando la decisione dell’Oms di dichiarare il vaiolo delle scimmie «emergenza sanitaria globale».

La decisione dell’Oms «significa che deve continuare con attenzione la sorveglianza e cioè la conta dei casi - spiega l'esperto - sulla modalità di trasmissione della malattia che ancora non è chiarissima ed eventualmente, come si sta facendo in Italia, usare alcune dosi di vaccino che sono state distribuite per fare delle vaccinazioni a gruppi selezionati esposti, che sono fondamentalmente personale sanitario e personale laboratoristico che ha a che fare col virus, che per fortuna clinicamente al momento non sembra che dia situazioni così gravi però merita un monitoraggio continuo perché evidentemente non erano dei casi sporadici, ma insomma dei numeri, anche in Italia, che implicano grande sorveglianza e attenzione».

Vaiolo delle scimmie: Rezza, massima attenzione ma non allarmismo

«L'Oms ha dichiarato nella giornata di oggi il vaiolo delle scimmie (Monkeypox) «emergenza sanitaria globale». Il Ministero della salute con apposita ordinanza ha già predisposto, insieme alle Regioni e Province Autonome, le modalità di segnalazione dei singoli casi. In italia finora sono ststi registrati 407 casi con tendenza alla stabilizzazione. La situazione è sotto costante monitoraggio ma non si ritiene debba destare particolari allarmismi». Lo dichiara il direttore generale della prevenzione del Ministero della Salute, Gianni Rezza.

Vaiolo delle scimmie: primi 2 casi registrati in provincia di Cremona

Nel giorno in cui il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha definito il vaiolo delle scimmie «un’emergenza sanitaria globale», in provincia di Cremona sono stati riscontrati i primi due casi, attestati dall’Ats Val Padana: uno dei due contagiati è già guarito, l’altro è ancora sottoposto a terapia specifica ma sta bene.

«Nessuno ha rivelato problematiche particolari - spiega Luigi Vezzosi, dirigente medico dell’Unità operativa Prevenzione malattie infettive di Ats - e si è trattato per lo più di monitoraggi cautelari seguiti da isolamento». I due casi cremonesi sono apparentemente scollegati fra loro, con residenze in due diversi paesi della provincia. E nessuno dei due aveva viaggiato prima di contrarre il virus.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725