Lunedì 26 Luglio 2021 | 22:32

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Bari, maltrattamenti e abusi sui figli: confermate le condanne

Bari, maltrattamenti e abusi sui figli: confermate le condanne

 
La sentenza
Uso dei fondi Miur all'Ateneo di Foggia: assolti i 19 imputati

Uso dei fondi Miur all'Ateneo di Foggia: assolti i 19 imputati

 
Sanità
Covid in Puglia, 369 milioni di spesa per combatterlo

Covid, calano i ricoveri in Puglia: solo 8 in terapia intensiva

 
La denuncia
Assembramenti all'imbarco, la rabbia dei croceristi al porto di Bari

Assembramenti all'imbarco, la rabbia dei croceristi al porto di Bari

 
Sicurezza
Perrini: «Situazione esplosiva all'hotspot di Taranto»

Perrini: «Situazione esplosiva all'hotspot di Taranto»

 
l'iniziativa
Lecce, «Il mare per tutti» per superare la disabilità

Lecce, «Il mare per tutti» per superare la disabilità

 
Il caso
Taranto, Ex Ilva: reintegrato lavoratore licenziato per post Fb

Taranto, Ex Ilva: reintegrato lavoratore licenziato per post Fb

 
Domani i funerali
San Giovanni Rotondo, muore frate Marcellino, l'ultimo testimone di San Pio

San Giovanni Rotondo, muore frate Marcellino, l'ultimo testimone di San Pio

 
Intervento dei carabinieri
Matera, terrorizzava i passanti armato di ascia e machete

Bernalda, terrorizzava i passanti armato di ascia e machete

 
Esternazioni
Bari, Renzi: «Con Draghi abbiamo salvato l'Italia da crisi»

Bari, Renzi: «Con Draghi abbiamo salvato l'Italia da crisi»

 
Dati aggiornati
Puglia, contagi Covid: 56 casi e tre decessi

Puglia, contagi Covid: 56 casi e tre decessi

 

Il Biancorosso

Sport
Focolaio tra i giocatori del Bari: predisposto il trasferimento dei 9 positivi

Focolaio tra i giocatori del Bari: predisposto il trasferimento dei 9 positivi

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa sentenza
Bari, maltrattamenti e abusi sui figli: confermate le condanne

Bari, maltrattamenti e abusi sui figli: confermate le condanne

 
Lecceil caso
Nardò, rissa al mercato: denunciati in quattro

Nardò, rissa al mercato: denunciati in quattro

 
FoggiaLa sentenza
Uso dei fondi Miur all'Ateneo di Foggia: assolti i 19 imputati

Uso dei fondi Miur all'Ateneo di Foggia: assolti i 19 imputati

 
GdM.TVLa rapina
La cassiera reagisce e aggredisce il bandito - IL VIDEO -

La cassiera reagisce e aggredisce il bandito - IL VIDEO -

 
TarantoSicurezza
Perrini: «Situazione esplosiva all'hotspot di Taranto»

Perrini: «Situazione esplosiva all'hotspot di Taranto»

 
PotenzaGli ultimi dati
Basilicata, Covid: nel fine settimana dieci nuovi positivi

Basilicata, Covid: nel fine settimana dieci nuovi positivi

 
PotenzaAllarme
Basilicata, povertà in aumento: coinvolta una famiglia su quattro

Basilicata, povertà in aumento: coinvolta una famiglia su quattro

 

i più letti

L'intervista

Puglia, allarme movida. Lopalco: «La mascherina? Non basta. Niente affollamenti o sarà troppo tardi»

L'epidemiologo: evitare assembramenti proprio perchè il numero, la durata e la frequenza dei contatti fisici creano le condizioni di questo virus per diffondersi. I giovani: il virus tra loro circola in maniera asintomatica

La mascherina? Serve, ma da sola non basta perchè con gli assembramenti il rischio resta sempre. Le immagini di questi ultimi giorni, che fotografano una collettività praticamente tornata alla normalità, preoccupa molto le autorità, soprattutto chi è in prima linea nella lotta al contagio ma soprattutto nella prevenzione.

La gente pensa che indossando la mascherina, tutti i problemi siano finiti e che quindi non c'è nessun rischio e per un gelato o un cestino di patatina fritte è pront a sfidare la mala sorte. Infilarsi in luoghi affollati dove circola tantissima gente, aumenta i rischi di contagi soprattutto nelle zone in cui ci sono i giovani.

Ne è convinto il prof Luigi Lopalco, l'epidemiologo che coordina la task force anti Covid della Regione Puglia, che è stato intervistato da noi.

«Le regole per prevenire i contagi sono poche e sono semplici». Bisogna evitare assembramenti «proprio perchè, il numero, la durata e la frequenza dei contatti fisici creano le condizioni di questo virus per diffondersi».

A proposito dell'uso della mascherina, l'epidemiologo ritiene che sia un utilissimo mezzo di prevenzione «ma da sola non basta»

Un esempio? «Arriva un amico, se ne va un altro, ci incontriamo, ci salutiamo, beviamo qualche cosa insieme anche all'aperto. Immagino che questi incontri - aggiunge Lopalco - non avvengano a distanza di sicurezza, avverrà a una distanza in cui è semplice parlare. Non penso che tutti indosseranno la mascherina per benino sarà frequentemente abbassata, ci saranno altre occasioni per scambiarsi un bicchiere o una bottiglia di birra, le occasioni di contagio ci sono per questo la regola principale è evitare gli assembramenti».

Infine sui giovani e sui tempi di eventuali picchi epidemici. Per Lopalco i ragazzi, protagonisti della movida, possono rappresentare il principale veicolo di contagio perchè sono asintomatici.

«Se in questo momento commettiamo imprudenze ce ne accorgeremo tra diverse settimane. Se il virus comincia a circolare tra giovani, sappiamo bene che molto spesso questa malattia decorre in maniera asintomatica. Quindi, prima di avere un numero sufficiente di persone che hanno sintomi trascorrerà un tempo piuttosto lungo e magari a quel punto sarà tardi per correre ai ripari».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie