Lunedì 14 Ottobre 2019 | 12:45

NEWS DALLA SEZIONE

La novità
Bari, ecco il primo forno sociale: costruito dai cittadini con terra e paglia

Bari, ecco il primo forno sociale: costruito dai cittadini con terra e paglia

 
via al tour
Francesco Renga e la videodedica alla città di Bari: due concerti a novembre

Francesco Renga e la videodedica alla città di Bari: due concerti a novembre

 
Arte
«In viaggio con De Nittis»: l'artista pugliese in mostra all'aeroporto di Bari

«In viaggio con De Nittis»: l'artista pugliese in mostra all'aeroporto di Bari

 
Il video
Metaponto, avvistati due magnifici capodogli a largo delle acque lucane

Metaponto, avvistati due magnifici capodogli a largo delle acque lucane

 
L'assoluzione
Bari, furto nei bagagli: giudice sbaglia persona nel video e condanna innocente

Bari, furto sugli aerei: scambio di persona nel video, condannato un innocente

 
In corteo
Bari, tensione durante la protesta dei pescatori: agente ferito da bomba carta

Bari, tensione durante la protesta dei pescatori: agenti feriti da bomba carta. Bloccato varco Porto per alcune ore

 
taglio del nastro
Bari, inaugurato Centro Mare di Arpa Puglia, è il primo in Italia

Bari, inaugurato Centro Mare di Arpa Puglia, è il primo in Italia

 
Il caso
Matera, parkour in zona non consentita: aggredita giornalista, solidarietà OdG e Assostampa

Matera, parkour in zona non consentita: aggredita giornalista

 
Disobbedienza civile
Politecnico di Bari, la provocazione di Cappato: mangia riso "proibito"

Politecnico di Bari, la provocazione di Cappato: mangia riso "proibito"

 
Sanità
Emiliano in visita all'Asl Bat: «Riorganizziamo i servizi»

Emiliano in visita all'Asl Bat: «Riorganizziamo i servizi»

 
L'operazione della guardia costiera
Polignano, sequestrati 25 kg di datteri di mare: schiacciati e buttati a mare

Polignano, sequestrati 25 kg di datteri di mare: schiacciati e buttati in acqua

 

Il Biancorosso

contro la ternana
Il Bari non sbaglia più: vittoria che sa di svolta

Il Bari non sbaglia più: vittoria che sa di svolta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatNel Nordbarese
Canosa, nudo e ubriaco aggredisce per strada ex compagna: arrestato

Canosa, nudo e ubriaco aggredisce per strada ex compagna: arrestato

 
Leccenel salento
Nardò, 16enne cade facendo parkour: in coma

Nardò, 16enne cade facendo parkour: in coma

 
Brindisinel Brindisino
Erchie, tormenta l'ex moglie per convincerla a lasciare la casa coniugale: divieto di avvicinamento

Erchie, tormenta l'ex moglie per convincerla a lasciare la casa coniugale: divieto di avvicinamento

 
PotenzaI dati
Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

 
Tarantol'indagine
Martina Franca, spaccio di droga, chiamata «Babà», era diventato un lavoro: 3 in carcere

Martina Franca, spaccio di droga, chiamata «Babà», era diventato un lavoro: 3 in carcere

 
Foggianel foggiano
Orta Nova, in 4 tentano colpo in banca: ferita una guardia giurata

Orta Nova, in 4 tentano colpo in banca: ferita una guardia giurata

 
Barinel Barese
Molfetta, moria di gatti a Madonna della Rosa

Molfetta, moria di gatti a Madonna della Rosa

 
MateraIl caso
Sparatoria nella notte a Policoro, due feriti: scatta un fermo

Mafia: duplice tentato omicidio a Policoro, fermato 49enne

 

i più letti

Il rogo

Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva: distrutti 3 ettari IL VIDEO

Fiamme in Macchia San Giovanni: per qualche attimo si è temuto il peggio, come il violento rogo del 2007

Un incendio è divampato mercoledì pomeriggio all’interno della Riserva Naturale dello Stato di Torre Guaceto, denominata “Macchia San Giovanni”, a monte della strada statale 379. Immediata la richiesta di intervento ai Vigili del fuoco, accorsi già nella serata precedente e in mattinata a causa di un ulteriore rogo divampato in un altro punto dell’area protetta.

Nei primi due casi, l’incendio è stato spento prima che potesse lambire gli habitat protetti, nell’episodio delle 14, le forti raffiche di vento hanno impedito ai vigili del fuoco di mettere in sicurezza la zona prima che venissero intaccate le aree più sensibili. Nonostante, il pronto intervento dei pompieri, le lingue di fuoco si sono estese verso sud, hanno divorato prima il canneto e poi hanno attaccato la macchia mediterranea. In tutto sono stati distrutti 3 ettari di area naturale, la metà dell’intera Macchia San Giovanni. 

Incendio poteva distruggere intera Riserva

L’origine del rogo si deve con tutta probabilità alla cattiva conduzione di alcuni terreni localizzati vicino all’area dall’alto valore naturalistico distrutta. Partito come un incendio di sterpaglie, l’incendio avrebbe potuto distruggere l’intera Riserva, come già accaduto nel 2007. Allora il devastante rogo che annientò buona parte dell’area protetta, infatti, partì dai terreni agricoli a monte della statale 379 e poi, con il vento, si propagò sino a stringere il cuore della Riserva. 

Questa volta, i vigili del fuoco sono riusciti a limitare i danni e, fortunatamente, la parta più alta della macchia mediterranea non è stata attaccata. 

Il Consorzio: grazie ai Vigili del fuoco

“Ringrazio vivamente i vigili del fuoco per l’importante attività svolta – ha dichiarato il presidente del Consorzio, Corrado Tarantino -, se non fossero prontamente intervenuti quando il personale dell’ente ha chiesto il loro aiuto, avremmo rischiato di patire conseguenze ben più gravi rispetto a quelle subite. Il mio appello lo faccio ai proprietari dei terreni agricoli interni alla Riserva: seguite le regole e non accendete fuochi per ripulire le vostre aree. Un gesto incauto può costare la vita della nostra Torre Guaceto. Chi la vive ogni giorno, come facciamo noi, ci deve aiutare a proteggerla. Vi chiedo di essere, insieme a noi, i custodi di Torre Guaceto! Rispettate le regole, non accendete fuochi per pulire i vostri campi. Questi gesti possono distruggere la vostra Riserva”.

L'assessore Stea: aree da mettere in sicurezza

«L'incendio che si è sviluppato nei pressi dell'oasi marina protetta di Torre Guaceto e ha distrutto circa tre ettari di canneto e Macchia mediterranea sul lato monte, è uno schiaffo a quella Puglia che vede nelle tutela della natura e dell’ecosistema, la fonte di nuove opportunità di sviluppo turistico, culturale e sociale. Adesso lasciamo lavorare i Vigili del fuoco – che ringrazio per la loro instancabile opera – ma da subito mi impegnerò affinché le nostre aree protette possano essere messe in sicurezza, sia con le dovute operazioni di sorveglianza per il rispetto delle regole, sia con la bonifica del territorio. Stiamo parlando di un patrimonio naturalistico dall’inestimabile valore che deve essere preservato ad ogni costo, affiancando alle necessarie operazioni di prevenzione, una rigorosa azione di repressione». E’ quanto sottolinea in una nota l’assessore regionale all’Ambiente, Gianni Stea.
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie