Giovedì 21 Marzo 2019 | 17:36

NEWS DALLA SEZIONE

In 5mila al corteo
Emiliano a manifestazione Libera: «Lottiamo con i ragazzi»

Marcia Libera, Emiliano a Brindisi «Approvata legge pugliese sulla legalità» VD

 
La manifestazione
Matera, protesta lavoratori all'azienda sanitaria locale: «Giù le mani dai nostri soldi»

Matera, protesta lavoratori all'azienda sanitaria locale: «Giù le mani dai nostri soldi»

 
Nel Foggiano
Emiliano a Carpino per inaugurare nuovo ponte dopo dissesto idrogeologico

Emiliano a Carpino per inaugurare nuovo ponte dopo dissesto idrogeologico

 
Il comizio
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 
In Puglia e Basilicata
Sciopero clima, da Bari a Taranto un solo slogan: ci avete rotto i polmoni

Sciopero clima, da Bari Taranto Lecce e Potenza un solo slogan: «ci avete rotto i polmoni»

 
La rapina
Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

 
Storia a lieto fine
Terlizzi, rubarono ad anziano auto con cane: Chicco è stato ritrovato

Terlizzi, rubarono ad anziano auto con cane a bordo: Chicco è tornato a casa

 
Lo spettacolo
Il Petruzzelli sommerso dalla neve: opera del magico clown Slava

Il Petruzzelli sommerso dalla neve: opera del magico clown Slava

 
Dalla GdF
Porto di Brindisi, dopo le felpe sequestrate 21mila magliette false dell'Italia

Porto di Brindisi, dopo le felpe sequestrate 21mila magliette false dell'Italia

 
Tragedia sfiorata
Il vento fa crollare impalcatura a Barletta: nessun ferito

Il vento fa crollare impalcatura a Barletta: nessun ferito

 
Il video
Bari, Efe Murat prende il largo: liberato il lungomare dal mercantile turco

Bari, Efe Murat prende il largo: liberato il lungomare dal mercantile turco

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaLa foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
LecceDall'8 al 13 aprile
Festival Cinema Europeo, a Lecce Ulivo d'Oro a Nino Frassica

Festival Cinema Europeo, a Lecce Ulivo d'Oro a Nino Frassica

 
BariSubentra a Carmine Esposito
Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

 
Materail «diplomificio» dello jonio
Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 
FoggiaCieli aperti
Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

 
TarantoNel tarantino
Castellaneta Marina, sequestrato ristorante sulla spiaggia completamente abusivo

Castellaneta Marina, sequestrato ristorante in spiaggia abusivo

 

Carmiano (Lecce)

«La sclerosi? La curo ballando»
La malattia non ferma Ivan

Il primo ballerino al mondo malato di sclerosi multipla arriva questa sera a Carmiano, per una "sfida" di danza contro l'ex allievo di Amici Orion Pico

CARMIANO (Lecce) - «Mi svegliai una mattina, non vedevo più dall'occhio destro e avevo perso sensibilità in quasi metà del corpo», così comincia la storia di Ivan Cottini, 34 anni, che da quasi cinque convive con una forma molto aggressiva di sclerosi multipla. Questa sera lui e Orion Pico, allievo dell'ultima edizione di Amici, saranno in Piazza del Tempo a Carmiano (Le), per una 'sfida' di danza, organizzata dall'Ecole de Danse di Ninfa Fersini. Ma Ivan la sua partita la vince ogni giorno: «Non ballavo prima di ammalarmi, ma oggi la danza per me è una cura. Il futuro è un punto interrogativo. Dopo la diagnosi, per otto mesi mi sono cancellato dai social, ero diventato uno scheletro, non avevo voglia di vivere. Oggi mi alleno quattro ore al giorno per mantenere la tonicità muscolare, non vedo da un occhio, non sento da un orecchio, ho perso la sensibilità della gamba destra e di quattro dita della mano sinistra, ma sono ancora qui e cerco di mandare messaggi positivi alla gente che mi segue».

L'allenamento più grande, tuttavia, ce l'ha in casa, nelle Marche, ed è la figlia Viola, due anni e mezzo: «È la mia gioia più grande. Per averla ho rinunciato a cicli di cure e ho dovuto rivedere il mio piano terapeutico, ma rifarei tutto. È un terremoto, non sta mai ferma, corre e salta dappertutto, quando gioca con me si diverte a truccarmi e a mettermi lo smalto. Spero tanto di vederla crescere». Non è arrabbiato con la vita, Ivan, che prima di ammalarsi faceva il modello e aveva uno stile di vita frenetico: «Dormivo un giorno sì e due no, quando ho cominciato ad avvertire i primi sintomi pensavo di avere solo bisogno di riposo. So cosa significa perdere tutto, ma oggi sono qui, a raccontare la mia storia, con le parole, ma anche con la danza. E l'insegnamento più grande che mi ha dato la vita, è che non bisogna mollare, mai!»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400