Martedì 28 Settembre 2021 | 15:44

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Chiusa l'inchiesta

Prostituzione, clan operava
in 4 province: indagati 19

L’organizzazione era diretta da una 35enne di Napoli che gestiva appartamenti (affittati da ignari proprietari) in diverse città per ospitare donne e transessuali

prostituzione

Carabinieri della compagnia di Potenza hanno consegnato avvisi di conclusione delle indagini preliminari a 19 persone indagate, a vario titolo, per associazione per delinquere finalizzata allo sfruttamento della prostituzione e al furto aggravato di energia elettrica nelle province di Potenza, Brindisi, Cosenza e Napoli.

L’organizzazione era diretta da una donna di 35 anni, di Napoli, che gestiva appartamenti (affittati da ignari proprietari) situati in diverse città per ospitare donne e transessuali - provenienti nella maggior parte dei casi dal Sud America - che si prostituivano.
Le indagini, durate circa dieci mesi lo scorso anno, cominciarono dopo un controllo dei Carabinieri in un appartamento in via Messina, a Potenza. Le donne, che occupavano ognuna una stanza, utilizzavano energia elettrica grazie ad un allacciamento abusivo.

L’arredamento scarno delle stanze, dove vi era solo un letto, fece scattare ulteriori accertamenti, grazie ai quali i militari scoprirono «un vero e proprio via vai dalla palazzina». La donna che gestiva l’organizzazione si faceva dare da 50 euro al giorno a 250-250 euro alla settimane dalle prostitute, assicurando loro qualsiasi tipo di servizio e assistenza (dall’accoglienza alla stazione alla pulizia degli appartamenti alla fornitura di lenzuola e cuscini, agli inserti pubblicitari).

Il padre della donna, titolare di una busta paga, forniva all’occorrenza «garanzie economiche alla figlia": quest’ultima aveva anche progettato di riciclare del denaro attraverso la donazione di una villa che il padre avrebbe dovuto fare. Durante le indagini, i Carabinieri hanno sequestrato anche un’agenda su cui erano annotati tutti i «debiti» e i pagamenti fatti dalle prostitute, ch restavano negli appartamenti al massimo una o due settimane.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie