Domenica 17 Febbraio 2019 | 17:48

NEWS DALLA SEZIONE

Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 
criminalità
Mafia lucana fa flop, per l'operazione «Iena» solo due condanne

Mafia lucana, flop per operazione «Iena»: solo 2 condanne

 
Sollevamento pesi
A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

 
Verso le regionali
Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Presidenza Regione»

Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Governatore»

 
La visita
Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

 
I 25 anni di Dookie
Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLite sulle elezioni
San Severo, scazzottata nella sede della Lega per il candidato sindaco. Due espulsi, arriva il commissario

San Severo, rissa nella sede della Lega per il candidato sindaco. Il partito li caccia: non sono graditi

 
LecceNel Leccese
Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

 
TarantoLe dichiarazioni
Emiliano a Taranto: «Il governo non può abbandonare ex Ilva»

Emiliano a Taranto: «Il governo non può abbandonare ex Ilva»

 
BatLa protesta
Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

 
BariDa piazza del ferrarese
Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

 
BrindisiNel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 

Sentenza del Tar

Potenza, appalto sbagliato
San Carlo risarcirà i danni

Il capitolato non aveva indicato le ore da fare, aggiudicazione (del 2011) errata ora si dovrà risarcire la seconda classificata

Potenza, appalto sbagliatoSan Carlo risarcirà i danni

GIOVANI RIVELLI

Nel bando manca un elemento essenziale che viene poi diffuso «per par condicio» a tutti i partecipanti alla gara ma purtroppo ignorato a fasi alterne all’atto dell’aggiudicazione. A leggere la sentenza con cui il Tar di Basilicata ha condannato il San Carlo di Potenza per la gara di pulizie all’ospedale di Pescopagano sembra proprio che ci troviamo di fronte a un brutto pasticcio. Brutto perché l’errore sembra evidente, brutto perché l’azienda ospedaliera oggi, dopo aver regolarmente pagato le pulizie all’azienda che se le era aggiudicate (e che nel frattempo è fallita) deve pagare i danni per il mancato introito alla seconda classificata che, hanno stabilito i giudici, meritava di vincere.

Il problema nasce tutto dalla mancata specificazione, nel capitolato di gara, con lettera d’invito del dicembre 2011, dell’orario di servizio da prestare, un dato essenziale per servizio quale quello di pulizia al punto che i giudici etichettano questa cosa come «una scelta singolare» spiegando che «la valutazione di congruità implica necessariamente, in un appalto di servizi di pulizia, la determinazione del monte ore lavorativo rapportato alle superfici da pulire, alla frequenza degli interventi richiesti ed alla loro tipologia».

L’amministrazione ha comunque provato a «metterci una pezza». Quando una ditta chiese lumi, la stazione appaltante, con una «nota inviata, per par condicio, a tutti gli operatori economici invitati alla gara» ha indicato le ore che erano state dichiarate dalla ditta che in precedenza effettuava il servizio. Ma l’azienda in quel momento in servizio aveva indicato il personale diviso per livello e per orario di lavoro settimanale e bisognava fare un calcolo che però la stazione appaltante ha sbagliato per 24 ore settimanali considerando part time un’unità full time. Risultato, nel quadrimestre invece di 4.593 ore ne sono state stimate 4.156. Non solo. Perché, spiegano i giudici, «ha fatto riferimento a un monte ore “teorico” e a un monte ore “effettivo”, determinando quest’ultimo in 3.160 ore, così introducendo una surrettizia distinzione di cui non vi è traccia nella legge di gara e negli atti integrativi della stazione appaltante».

In sede di aggiudicazione, quindi, la congruità dell’offerta che venne giudicata vincitrice è stata così valutata sulla base di 3.160 ore invece di 4.593 ma, con un nuovo comportamento censurato dai giudici, la stazione di appalto chiese al vincitore di impegnarsi a garantire «ai sedici dipendenti l’orario contrattuale previsto nei contratti stipulati con l’azienda, ditta uscente». Che erano appunto oltre mille ore in più.

Il Tar ha quindi sancito «l’illegittimità dell’operato della commissione esaminatrice, dovendosi ritenere anormalmente bassa e ingiustificata l’offerta dell’impresa aggiudicataria» e dato che il servizio è già stato espletato (e quindi non può essere aggiudicato alla seconda classificata che ne aveva diritto) ha sancito che a questa azienda andrà risarcito il danno.
Quanto vada pagato, tuttavia, è ancora da determinare perché i giudici hanno indicato i criteri in base ai quali il San Carlo dovrà formulare l’offerta risarcitoria dopo che l’azienda danneggiata gli avrà fornito tutte le componenti economiche dell’offerta, facendo emergere quello che sarebbe stato il margine, che il San Carlo dovrà risarcire al 50%. Soldi che rappresenteranno un costo aggiuntivo per l’azienda pubblica, spostando il danno dall’azienda ricorrente a quello delle casse alimentate dai soldi dei cittadini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400