Martedì 19 Marzo 2019 | 02:50

NEWS DALLA SEZIONE

I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 
Il comizio
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 
Le parole
Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

 
A Melfi
Melfi, Berlusconi su morte giovane testimone processo Ruby: mi spiace

Berlusconi su morte teste processo Ruby: mi spiace
E sui cogl...: ho esagerato Vd

 
Il fenomeno
Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

 
La rapina
Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

 
La decisione
Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

 
La denuncia
Potenza, 5 mesi di attesa per prenotare visita fisiatrica

Potenza, 5 mesi di attesa per prenotare visita fisiatrica

 
l’altra faccia della disoccupazione
Il 66% dei disoccupati lucani non cerca più un lavoro

Il 66% dei disoccupati lucani non cerca più un lavoro

 

Il Biancorosso

LE PAGELLE
Iadaresta aumenta il peso offensivoPozzebon grigio: neanche un tiro

Iadaresta aumenta il peso offensivo
Pozzebon grigio: neanche un tiro

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraLa visita
Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

 
TarantoIncidente stradale
Scontro a Crispiano: muore una maestra di 46 anni, insegnava a Martina

Scontro a Crispiano: muore maestra di 46 anni. Altro incidente a Manduria: muore 78enne

 
HomeUdienza preliminare
Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

 
PotenzaI controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
BatL'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
BrindisiIn pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

Lagonegro

L’ospedale è rimasto su carta
dai cittadini Sos a CorteConti

Esposto ai giudici segnalando danni per 6 milioni. Il comitato: «Uno spreco di denaro pubblico»

L’ospedale è rimasto su carta dai cittadini Sos a CorteConti

Il plastico dell'ospedale di Lagonegro

LAGONEGRO - C'è un esposto  alla Corte dei Conti sulla mancata realizzazione del nuovo ospedale di Lagonegro. L'hanno depositato martedì scorso i cittadini riuniti nel comitato pro ospedale. Nonostante la struttura non sia mai stata costruita, secondo il comitato, sono stati gettati al vento molti soldi, forse addirittura moltissimi. Il comitato ha quantificato le dimensioni delle spreco in circa 6 milioni di euro, nella maggior parte per consulenze e indagini geologiche. «Uno sperpero milionario senza che neppure un carpentiere abbiamo preso un martello in mano», scandisce il presidente del comitato Pietro Mango. Da qui la richiesta alla Corte dei Conti che si faccia chiarezza, vale a dire, nella fattispecie, di accertare se ci sia stato un danno erariale per la mancata realizzazione del nuovo ospedale. E , nel caso, chi lo abbia causato.

Il giorno stesso in cui ha depositato l’esposto alla Corte dei Conti il comitato cittadino ne ha presentato uno anche alla Procura della Repubblica di Lagonegro. Mango, però, non si sbilancia sulle ipotesi di reato. «È un compito della magistratura - frena - decidere l'eventuale apertura di un fascicolo e la formulazione d'un capo di accusa». Dell’ospedale unico si comincia a parlare fin dal ‘99 quando la giunta regionale costituisce il gruppo di lavoro per individuare il sito e predisporre lo studio di fattibilità. Ma è nel 2003 che viene varato il primo progetto e solo cinque anni dopo, a maggio del 2008, viene concesso l’appalto. Sono passati 10 anni filati e il comitato si chiede quanti soldi sono stati sprecati per non fare niente. Sul possibile sperpero la Corte dei Conti aveva già acceso i riflettori nel 2015, in seguito ad un’ indagine della Guardia di Finanza che aveva lanciato una prima luce su quel che avveniva nella progettazione della nuova struttura sanitaria. Dalle indagini emergeva uno spreco per circa 2 milioni di euro. C’era un lungo elenco di segnalati alla magistratura contabile (18 in tutto), tra cui anche alcuni amministratori regionali.

Secondo gli investigatori, per l’ospedale di Lagonegro non era stato ancora approvato il progetto esecutivo; la prima delibera per la struttura sanitaria era del 2003 – spiegavano le Fiamme Gialle -negli anni la previsione di spesa iniziale di circa 42 milioni di euro era cresciuta fino ai circa 83 milioni nel 2012. Dito puntato in particolare su alcune indagini geologiche e geotecniche "resesi necessarie – spiegavano i finanzieri – poiché il sito individuato per ospitare la costruzione del nuovo ospedale presentava un «movimento franoso non rilevato in precedenza, con conseguenti ingiustificati aggravi di costi». I due milioni di euro erano «la prima tranche materialmente erogata nel dicembre 2014 alla società «Ospedale Lucania Spa» che ne aveva richiesto il pagamento in riferimento a particolari indagini geologiche e geotecniche eseguite». Tra le persone segnalate alla Corte dei conti, oltre agli amministratori regionali, vi erano anche i Rup (Responsabile unico del procedimento) che avevano approvato l’attività progettuale preliminare e definitiva. A distanza di tre anni di quell’inchiesta non si è saputo più niente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400