Domenica 26 Settembre 2021 | 21:45

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Rinviata seduta del Consiglio

Crisi a Comune di Matera
Ok a «tregua» di De Ruggieri

Crisi a Comune di MateraOk a «tregua» di De Ruggieri

DONATO MASTRANGELO

Bocce ferme, almeno per il momento, per la risoluzione della crisi amministrativa dopo il rinvio del Consiglio Comunale di ieri, proposto dal sindaco Raffaello De Ruggieri e che era stato convocato per l’approvazione di importanti provvedimenti, tra cui l’approvazione delle aliquote Imu e Tasi per l’anno in corso, l’approvazione delle tariffe Tari, il piano delle alienazioni immobiliari, il riconoscimento dei debiti fuori bilancio per gli interventi inerenti l’emergenza neve di gennaio, l’approvazione del programma triennale dei lavori pubblici e del bilancio di previsione. La discussione, dunque, è stata rinviata, con una decisione quasi unanime del Consiglio Comunale, al prossimo 22 aprile alle 9.30 e, per l’eventuale seconda convocazione al 26 aprile alla stessa ora. La richiesta è stata aprovata dalla maggioranza dei consiglieri (30 voti favorevoli, 1 contrario del consigliere Antonio Materdomini del Movimento 5 Stelle e 2 assenti).
Due settimane, dunque, necessarie per una riflessione approfondita della attuale situazione politica, con l’obiettivo, da parte di De Ruggieri, di cercare una via di uscita alle fibrillazioni in seno alla maggioranza ed allargare e ricomporre l’esecutivo più che mai traballante.

«Il confronto, l’intesa, il dissenso - ha dichiarato il sindaco - emergano da questo consiglio comunale, ma tutti i consiglieri devono avere senso di responsabilità e percorrere un itinerario corale, pur con obiettive difficoltà. Abbiamo necessità – ha aggiunto - di ritrovare il confronto, pur difficile al momento. Chiedo, per questo, di prenderci qualche giorno per giungere a una decisione positiva o negativa, che sia. Tutto deve però avvenire in piena trasparenza perché poi toccherà ai cittadini giudicare. Vi invito – ha concluso - a ritrovare il senso di comunione perché le questioni in campo sono molte e perché se si dovesse decidere di andare a casa, avremmo avvilito la autorevolezza raggiunta dalla città».
Nel corso della seduta consiliare si sono alternati gli interventi dei consiglieri Salvatore Adduce, Angelo Cotugno, Pasquale Lionetti, Paolo Manicone, Gianfranco De Mola, Giovanni Scarola, Nicola Trombetta, Carmine Alba, Antonio Materdomini, Angelo Bianco e Gaspare L’Episcopia.

In proiezione della seduta di Consiglio Comunale al 22 aprile, è presumibile che il lavoro di tessitura del sindaco De Ruggieri da un lato e quello dei gruppi politici dall’altro, diverrà sempre più intenso nei prossimi giorni. Un lavoro, come è nella logica delle cose, anche sottotraccia, per poter convergere su una posizione condivisa che dia alla città una nuova maggioranza.
Resta ferma, da parte del capogruppo del Pd Salvatore Adduce, una apertura alla maggioranza subordinata a salvaguardare il bene della città e, comunque, vincolata strettamente a Matera 2019 e a altri punti programmatici. «Ci troviamo al cospetto di una situazione eccezionale ma chiediamo, in ogni caso, chiarezza nelle posizioni. Vanno utilizzati tutti gli sforzi affinché il percorso straordinario della città verso il 2019 non si interrompa. Abbiamo risposto in maniera responsabile agli appelli del sindaco e proviamo a stare su questo terreno. Non svolgeremmo, tuttavia una funzione di supplenza. Non siamo le riserve. Non vogliamo, dobbiamo e possiamo svolgere questo ruolo, sostituendo pezzi della maggioranza. Poniamo la necessità di alcuni punti programmatici a partire da Matera 2019 e dalle questioni architettoniche ed urbanistiche. Il sindaco adesso scenda nel dettaglio delle questioni ed organizzi una proposta ricevibile».

Apertura condizionata giunge anche dai consiglieri del Pd, Annunziata Antezza e Vito Michele Tralli.
«Abbiamo accettato il rinvio chiesto dal sindaco questa mattina in consiglio comunale - scrivono in una nota - perché condividiamo l’idea che bisogna utilizzare ogni ora, ogni giorno per trovare soluzioni rispettose delle diversità rappresentate in consiglio, che mettano insieme visione, progetti, capacità amministrativa e sostanza politica, al fine di dare slancio e governabilità ad una Amministrazione che sta mostrando, nella sua compagine di maggioranza, tutti i limiti, mettendo a rischio il futuro della città. Anche in questa circostanza, come sanno bene il segretario del Pd, il capogruppo Adduce, il gruppo consiliare, nell’ultima direzione cittadina, abbiamo voluto ufficializzare, in un distinto documento, una posizione chiara e libera da qualsivoglia pregiudiziale, su cui insieme ci si possa ritrovare. Auspichiamo, quindi, che nei prossimi giorni si possa ritornare nella direzione cittadina a discutere, per tracciare una linea di condotta univoca sul confronto in corso, che sia rispettosa di tutti in modo da trovare la sintesi più ampia e stabile possibile».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie