Lunedì 27 Settembre 2021 | 00:43

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Si alzano le barricate

Differenziata trattata
nella zona industriale?

Differenziata trattata nella zona industriale?

GUAGNANO - La Giunta candida la zona Pip per la realizzazione di uno dei tre impianti per il trattamento ed il recupero di vetro, plastica, carta e cartone previsti in Puglia. Si tratta dell’adesione all’avviso della Regione per l’acquisire manifestazioni di interesse finalizzate alla localizzazione di tre distinti centri, uno per ognuna delle tre tipologie di rifiuti rivenienti dalla raccolta differenziata urbana (Rsu), destinati alla produzione di materie prime secondarie (Mps). L’iniziativa, decisa lo scorso 22 gennaio, viene accolta con «preoccupazione» dal gruppo consiliare di minoranza “Vite in Comune” (François Imperiale, Mimma Leone, Giusi Ricciato e Antonio Degli Atti).

«Pur riconoscendo l’esigenza di chiudere il ciclo dei rifiuti - affermano i consiglieri - il nostro gruppo esprime non poche perplessità, che coinvolgono innanzitutto il tipo di impatto ambientale».

Secondo l’opposizione, la decisione avrebbe anche poca attinenza con la vocazione agricola del territorio e con un modello di sviluppo locale sostenibile, legato al Negroamaro.

«Pur volendo evitare allarmismi - continuano - la lettura della documentazione agli atti, priva di informazioni tecniche, ci ha lasciato non pochi dubbi».

L’impianto sarebbe di grosse dimensioni (circa 30mila metri quadri) e dovrebbe accogliere rifiuti dall’intera regione, con conseguente movimentazione di mezzi pesanti. Secondo l’opposizione, sarebbe sbagliata anche la scelta della zona industriale, poco distante da Guagnano e Villa Baldassarri.

«Parrebbe che l’impianto - concludono - sia destinato soprattutto alla frantumazione meccanica o di vetro, o di carta o di plastica. Al di là del fatto che un’attività del genere, con la lavorazione quotidiana di enormi quantità di rifiuti, determinerebbe polveri sottili, ciò che desta particolare preoccupazione è l’incertezza sull’eventuale utilizzo di sostanze chimiche, necessarie per portare ad uno stato neutro la materia prima secondaria, sia essa vetro, carta o plastica. Vigileremo sulla vicenda». [r.fag.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie