Venerdì 20 Settembre 2019 | 11:31

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Salento
Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

 
In un allevamento
Copertino, sfrutta 2 braccianti senza permesso di soggiorno: denunciato

Copertino, sfrutta 2 braccianti senza permesso di soggiorno: denunciato

 
Giro da oltre 2mln di euro
Lecce, società riceveva abusivamente tonnellate di rifiuti metallici: 79 indagati

Lecce, società riceveva abusivamente tonnellate di rifiuti metallici: 79 indagati

 
Tragedia sfiorata
Melendugno, piccolo aereo atterra su muretto a secco: 2 feriti

Melendugno, piccolo aereo si schianta contro muretto a secco: 2 feriti

 
Televisione
Eurogames, anche Otranto tra le città partecipanti al nuovo «Giochi senza Frontiere»

Eurogames, Otranto tra le città partecipanti al nuovo «Giochi senza Frontiere»

 
Presi dai Cc
Lecce, in giro con eroina e materiale da taglio: in manette due 30enni

Lecce, in giro con eroina e materiale da taglio: in manette due 30enni

 
Il duello
Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

 
Operazione Armonica
Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti

Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti Video

 
La tragedia
Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

 
incidente sul lavoro
Aradeo, cede il cric: meccanico schiacciato da tir, è grave

Aradeo, cede il cric: meccanico schiacciato da tir, è grave

 
Sulla circonvallazione
Lecce, incendia il negozio attiguo al suo bar ormai chiuso: arrestato 57enne

Lecce, incendia il negozio attiguo al suo bar ormai chiuso: arrestato 57enne

 

Il Biancorosso

Serie C
Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariNegli ospedali
Monopoli e Molfetta, i furbetti del cartellino: in arrivo 20 licenziamenti

Monopoli e Molfetta, i furbetti del cartellino: in arrivo 20 licenziamenti

 
FoggiaIn via Bagnante
Foggia maxi rissa in centro con mazze e spranghe: sette arresti e due feriti

Foggia maxi rissa in centro con mazze e spranghe: sette arresti e due feriti

 
PotenzaIspettorato
Lavoro nero, controlli nel Metapontino: trovati 11 «irregolari»

Lavoro nero, controlli nel Metapontino: trovati 11 «irregolari»

 
TarantoDalla Gdf
Taranto, vendite on line frodando il fisco: sequestrati beni per 20 milioni

Taranto, vendite on line evadendo il fisco: sequestrati beni per 20 milioni

 
BrindisiBlitz dei Cc
Oria, catturato rapinatore: era latitante da due mesi

Oria, catturato rapinatore: era latitante da due mesi

 
LecceNel Salento
Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

 
MateraTentato omicidio
Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

 
BatLa proposta
Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

 

i più letti

La denuncia del primo cittadino

Trepuzzi, veleni «tombati»
all'Omfesa: sindaco in procura

Dopo la segnalazione di alcuni operai. Il pm manda i carabinieri del Noe

Trepuzzi, veleni «tombati»all'Omfesa: sindaco in procura

FRANCESCO OLIVA

TREPUZZI - «Nel recinto della Omfesa sono stati interrati rifiuti pericolosi». La segnalazione, fatta da alcuni operai dell’azienda al sindaco Giuseppe Taurino, è giunta in Procura. E il procuratore aggiunto Elsa Valeria Mignone ha aperto un fascicolo d’indagine e ha delegato i carabinieri del Noe (Nucleo operativo ecologico di Lecce) di avviare i carotaggi per verificare la presenza di rifiuti tombati.

Gli accertamenti potrebbero scattare già in settimana. Il presunto caso di interramento di sostanze pericolose è stato segnalato agli inquirenti nei giorni scorsi quando il primo cittadino di Trepuzzi si è presentato in Procura. Ha raggiunto gli uffici del procuratore aggiunto e ha depositato nelle mani del magistrato uno scritto stringato ma dal contenuto allarmante. Poche righe in cui si fa riferimento all’interramento di rifiuti pericolosi e di scarti della lavorazione industriale. Le indicazioni - come si diceva - sono la conseguenza di alcune voci che circolavano da tempo in paese, in particolare tra alcuni ex operai della ditta. La segnalazione è stata così messa nero su bianco e consegnata agli organi inquirenti. Da quel che se ne sa, una volta tombati, i rifiuti sarebbero stati coperti da una colata di cemento.

«Ho chiesto l’intervento della Procura - dichiara il sindaco - per consentire una puntuale ricognizione e per salvaguardare la salute di un’intera cittadinanza. E’ una verifica che va fatta e confidiamo in un accertamento puntuale dei carabinieri del Noe sullo stato dei luoghi». Il procuratore aggiunto, a capo del pool di magistrati da anni in prima linea nella lotta per la tutela dell’ambiente, ha affidato una delega d’indagine ai carabinieri del Noe guidati dal tenente colonnello Nicola Candido. Ovviamente la Procura potrebbe coinvolgere anche l’Arpa per monitorare eventuali contaminazioni della falda acquifera. Nelle immediate vicinanze sorgono alcune abitazioni e il timore è che un’eventuale presenza di rifiuti pericolosi possa provocare danni alla salute dei residenti. Allo stato, in attesa degli accertamenti dei carabinieri del Noe, non si può escludere che le voci su un possibile interramento di rifiuti all’interno dell’Omfesa rappresentino una «vendetta» dopo la chiusura della ditta. La società metalmeccanica, un tempo fiore all’occhiello dell’industria nord salentina, è finita nella spirale della crisi, trascinando gli operai nel dramma della disoccupazione. Attualmente la ditta è impegnata nello smantellamento della struttura dopo il fallimento.

Il caso di Trepuzzi fa eco a quanto accaduto di recente a Ugento dove vi è il sospetto che fusti contenenti Pcb e scarti industriali siano stati interrati nella discarica di Burgesi. Ad autoaccusarsi dello smaltimento dei veleni è stato l’imprenditore Gianluigi Rosafio. L’inchiesta della Procura si è conclusa con un’archiviazione. Nel frattempo sono scattate le verifiche per accertare la presenza dei fusti con i veleni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie