Lunedì 03 Ottobre 2022 | 13:02

In Puglia e Basilicata

Mobilità

Rete ciclabile urbana: a Lecce via al bando pubblico

Rete ciclabile urbana: a Lecce via al bando pubblico

Approvato il progetto esecutivo per un percorso di 8 chilometri

13 Agosto 2022

Emanuela Tommasi

Approvato il progetto esecutivo della rete ciclabile della città di Lecce, otto chilometri dalla stazione, al palasport di via Merine, al parcheggio di interscambio di Settelacquare, le mura urbiche, il parcheggio di interscambio al City terminal, Borgo San Nicola.

La determina firmata dal dirigente alla Mobilità e Viabilità, Donato Zacheo, ha concluso un percorso cominciato, in Municipio, nel 2019.

Ora una successiva prossima determina disporrà l’indizione della gara pubblica, con modalità telematica, per individuare il soggetto esecutore della rete ciclabile, mediante stipula di apposito contratto.

La Regione ha ammesso a finanziamento il progetto del Comune il 28 maggio dell’anno scorso, finanziandolo interamente per 690mila euro, nell’ambito del Por Puglia Fesr - Fse 2014-2020.

Il Fondo europeo di sviluppo regionale - Fondo sociale europeo in questione aveva individuato come una priorità dell’azione regionale la promozione di strategie per basse emissioni di carbonio per tutti i tipi di territorio, in particolare per le aree urbane, inclusa la promozione di forme di mobilità urbana sostenibili, oltre a pertinenti misure di adattamento e mitigazione.

In particolare, L’Azione 4.4 del Por Puglia Fesr - Fse 2014-2020 (Programma operativo regionale) contempla, tra gli altri, interventi riguardanti la realizzazione di una rete di percorsi ciclabili e ciclo pedonali sia su scala micro locale sia di medio o lungo raggio, anche attraverso interventi di messa in sicurezza e segnalamento.

Il Settore Mobilità e Trasporti ha redatto il progetto per la rete ciclabile della città di Lecce, Stazione ferroviaria - Palasport di via Merine - parcheggio di interscambio di Settelacquare - mura urbiche - parcheggio d’Interscambio ex Foro Boario - Borgo San Nicola, e la Giunta lo ha approvato, il 12 luglio 2019.

A proposito di mobilità sostenibile e di interventi di promozione e sostegno di mezzi diversi dalle auto, è il caso di ricordare che, sempre in tema di piste ciclabili, il 26 maggio scorso la giunta comunale aveva approvato il progetto definitivo dell’intervento «Ciclovia urbana di ricongiunzione con la rete esistente» della città. Quest’intervento, finanziato con 338mila euro dal Ministero per le Infrastrutture, è relativo ai progetti finanziati dal Governo per incrementare la sicurezza della circolazione ciclistica nelle città a seguito delle misure adottate per limitare gli effetti dell’emergenza epidemiologica da Covid 19. Il progetto consentirà il collegamento tra le corsie ciclabili presenti in via San Francesco D’Assisi e le piste presenti o in via di realizzazione in viale San Giovanni Paolo II, e l’allungamento fino allo stadio dei percorsi ciclabili protetti esistenti. Così, due dei più importanti percorsi ciclabili urbani saranno congiunti tra loro, nell’ottica della costruzione di una vera e propria ciclovia, che garantisca ai cittadini di muoversi in sicurezza dal centro al quartiere Stadio e viceversa.

L’itinerario della pista riservata alle biciclette passa per via Piave, piazzetta Verdi, via XXIV Maggio, via Duca D’Aosta, via Maggiore Galliano, piazza Ludovico Ariosto, via Ludovico Ariosto e il tratto di viale Leopardi che consentirà alla pista di congiungersi al percorso ciclabile di viale Giovanni Paolo II.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725