Mercoledì 24 Aprile 2019 | 11:48

NEWS DALLA SEZIONE

Tap e Poseidon
Gasdotti in Salento: un risiko tra energia e geopolitica

Gasdotti in Salento: un risiko tra energia e geopolitica

 
L'inchiesta
Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

 
Il martedì dei leccesi
A Lecce la Pasquetta continua con «Lu riu»: tra pic nic e musica

A Lecce la Pasquetta continua con «Lu riu»: tra pic nic e musica

 
La tragedia di Pasquetta
Melendugno, contro frontale muore una 25enne: grave una coppia

Melendugno, scontro frontale muore 25enne: grave una coppia

 
A Ugento
Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

 
Tutela ambientale
Lecce, scatta il divieto di accensione dei fuochi e barbecue nei boschi

Lecce, scatta il divieto di accensione dei fuochi e barbecue nei boschi

 
Il caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
Inchiesta Favori & giustizia
Pm Arnesano resta ai domiciliari: ma farà Pasqua con i suoi

Pm Arnesano resta ai domiciliari: ma farà Pasqua con i suoi

 
Nel Salento
Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

 
Il caso
Taviano, entra in chiesa per rubare le offerte, ma i fedeli chiamano i cc

Taviano, entra in chiesa per rubare le offerte, ma i fedeli chiamano i cc

 
Lite in famiglia
Aradeo, colpisce con un coltello da cucina la cognata: arrestato

Aradeo, colpisce con un coltello da cucina la cognata: arrestato

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeLa visita
Ex Ilva, Di Maio a Taranto: scatta il sit in oltre la zona rossa

Ex Ilva, Di Maio a Taranto: scatta il sit in oltre la zona rossa

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 
LecceTap e Poseidon
Gasdotti in Salento: un risiko tra energia e geopolitica

Gasdotti in Salento: un risiko tra energia e geopolitica

 
BariApprovato dal Ministero
Teatro Petruzzelli a Bari, ok al Piano di risanamento

Teatro Petruzzelli a Bari, ok al Piano di risanamento

 
BrindisiSventata truffa
Ceglie Messapica, anziana mette in fuga finto maresciallo e finto avvocato

Ceglie Messapica, anziana mette in fuga finto maresciallo e finto avvocato

 
BatBotta e risposta
Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

 

lecce

«Fast food» ambulanti
al Tar dopo lo sfratto

Le loro ragioni affidate agli avvocati Montinaro e Solero

«Fast food» ambulanti al Tar dopo lo sfratto

Festa di Sant’Oronzo, i gestori dei «fast food» ambulanti bussano al Tar dopo lo «sfratto» dal centro.

I titolari dei camion attrezzati per la vendita di panini, patatine e bibite, i quali da tempo trovavano collocazione in via Costa e dintorni, quest’anno invece saranno trasferiti nell’area del Luna park, davanti allo stadio, in via del mare. Una decisione - presa dall’amministrazione comunale nell’ambito di una più articolata riorganizzazione delle festività - che gli ambulanti hanno deciso di contestare nelle aule della giustizia amministrativa, affidandosi agli avvocati Daniele Montinaro e Vittorio Solero.

«Sono 15 gli storici “paninari” sfrattati dall’Amministrazione - dicono i legali - Indiscussa attrazione turistica della festa di Sant’Oronzo, ma non solo di questa, quest’anno l’Amministrazione vorrebbe spostarli da via Costa a piazza Adamo (allo stadio). Al loro posto, il bando prevede addirittura articoli scolastici e giocattoli. I titolari dei camion per i panini - continuano Montinaro e Solero - che da sempre hanno svolto il loro lavoro regolarmente, con regolare istanza e con regolare versamento della tassa di occupazione del suolo pubblico, non ci stanno e, dopo aver invano cercato un dialogo con l’Amministrazione per far capire bonariamente le loro ragioni, si sono rivolti allo studio legale per ricorrere innanzi al Tribunale amministrativo regionale per far valere le loro ragioni».

«Non si comprende quale sia la motivazione, pare non esista - commentano gli avvocati - Ragioni di ideologia politica non possono certo fungere da presupposto per l’ennesima scelta di carattere amministrativo che non tiene in alcuna considerazione né la storicità e la tradizione dei cosiddetti “paninari” della festa di Sant’Oronzo, né le esigenze di quindici famiglie che, da decine di anni, contano anche sulla festa del nostro Patrono per sbarcare il lunario. Peraltro - proseguono Montinaro e Solero - secondo le intenzioni dell’Amministrazione, i “paninari” dovrebbero andare in piazza Adamo che nulla ha a che vedere con la festa e dove sono già presenti altrettanti camioncini stabili che non si comprende dove dovrebbero trasferirsi».

Nella decisione presa dalla giunta municipale nei confronti dei cosiddetti «camion Spab» ha inciso soprattutto l’utilizzo di fuochi alimentati da impianti a gpl o altre fonti energetiche per la cottura di cibi, dalla carne arrosto alle fritture e ai dolciumi. «La circostanza vuole l’applicazione di due ordini di norme e regolamenti - viene spiegato nella delibera - Una relativa al rispetto dei requisiti igienico-sanitari per evitare la contaminazione degli alimenti con polveri o altro materiale, e dell’inquinamento ambientale con fumi. L’altra, il rispetto delle rigide misure di safety, che stabiliscono restrizioni in merito al divieto di somministrare bevande in contenitori di vetro o latta, alla concentrazione di un alto numero di persone in spazi ristretti, e l’obbligo del rispetto delle indicazioni del Ministero dell’Interno inerenti le norme tecniche di prevenzione incendi». [e.t.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400