Giovedì 17 Gennaio 2019 | 15:46

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
L'inchiesta sui giudici
Quell'incontro tra il pm ambizioso e Lotti organizzato dal papà di Renzi

Quell'incontro tra il pm ambizioso e Lotti organizzato da papà Renzi

 
Giudici & mazzette
«Mi parlò di Gladio e servizi, voleva500 euro al giorno per le sue amanti»

«Parlò di Gladio e servizi, voleva
500 euro al giorno per le amanti»

 
La protesta
Gazzetta, altri tre giorni di scioperoI giornalisti: silenzio dei commissariFnsi: non rispettati diritti giornalisti

Gazzetta, altri 3 giorni di sciopero:
«I commissari non rispondono» 
Fnsi: violati diritti dei giornalisti

 
Inchiesta da Lecce
Trani, arrestati due magistrati per corruzione e falso ideologico

Trani, arrestati due magistrati: processi venduti per soldi, Rolex e diamanti.Imprenditore confessa: così pagai milioni

 
Burrasca
Maltempo, vento forte su Puglia, Basilicata e Calbaria

Maltempo, vento forte su Puglia, Basilicata e Calabria

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
L'incontro
Trivelle, Emiliano: «Sospensiva non ci accontenta, serve agenzia per bloccare ricerche in mare»

Trivelle, Emiliano: «Sospensiva non ci accontenta, bloccare ricerche in mare»

 
Hanno agito in quattro
Brindisi: sparano e svaligiano gioielleria di centro commerciale, nessun ferito

Brindisi, sparano e svaligiano gioielleria, poi fanno incidente: fermati in 3

 
In una zona di campagna
Foggia, bomba contro villa allevatore di polli: «Mai alcuna minaccia»

Foggia, bomba contro villa allevatore di polli: «Mai alcuna minaccia»

 
La cerimonia
Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

 

corano 2.0

Imam di Lecce spiega
l'Islam su Youtube

«Un modo per scongiurare le strumentalizzazione e contro chi compie atti violenti»

imam di Lecce

Saifeddine Maaroufi

L’Islam spiegato su Youtube: un’idea dell’imam di Lecce Saifeddine Maaroufi, 41enne di origini tunisine, i cui video registrano ogni settimana decine di visualizzazioni. Il suo è un corso 2.0 di credo islamico, esegesi coranica e giurisprudenza islamica. «Ogni video - spiega - è il filmato di un incontro che si svolge nella moschea di Lecce, insieme a un gruppo di musulmani italiani della comunità brindisina e altre persone provenienti dai Balcani che parlano italiano».

Già da tempo, l’imam utilizza il web per diffondere l’Islam tradizionale e più tollerante. Un’apertura che lo ha portato a sottoscrivere la Carta islamica dei valori contro gli estremismi e in favore della pace, ma che in passato gli è costato numerose intimidazioni e anche minacce di morte. Due anni fa, a causa della continua violenza verbale nei suoi confronti, decise di chiudere la sua pagina Facebook. «Lo feci soprattutto per tutelare la mia famiglia - ricorda - non volevo che i miei figli leggessero quegli attacchi così pesanti contro di me».

Gli autori di quelle intimidazioni, che Maaroufi ha poi denunciato, «erano purtroppo soprattutto italiani: persone che probabilmente hanno scelto di convertirsi da adulti, e che non conoscono bene l’Islam perché si sono formati ascoltando individui di scuole radicali».

Saifeddine non si è però scoraggiato e ha riaperto poco tempo dopo la pagina Fb, oggi seguita da più di 24mila persone. E da pochi mesi, sulla spinta dei tanti italiani che vogliono avvicinarsi all’Islam ma non trovano libri e materiali in italiano, ha deciso di diffondere la parola del profeta Maometto mettendo on line i video dei suoi sermoni. «Molti figli di immigrati non conoscono l’arabo, dunque non sanno leggere il Corano ed è anche per loro che già da tempo tenevo sermoni alternando l’arabo all’italiano. Allora ho cominciato a registrare i momenti in cui ci riuniamo in moschea e a pubblicarli sul canale Youtube», ha detto interpellato dall’Ansa. Saifeddine ritiene che questo suo metodo possa aiutare chi ha dubbi o viene avvicinato da «malintenzionati che strumentalizzano il Corano per convincerli a compiere atti violenti», dicendo loro, ad esempio, «che bisogna colpire i non credenti o chi crede in una religione diversa dalla nostra». Guardando i video, insomma, «queste persone possono trovare finalmente una risposta che contrasta le falsità degli estremisti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400