Mercoledì 12 Maggio 2021 | 00:26

NEWS DALLA SEZIONE

Buone notizie
Trani, dopo il tam tam sui social ritrovato il furgone rubato a Nazionale calcio in carrozzina

Trani, dopo il tam tam sui social ritrovato il furgone rubato a Nazionale calcio in carrozzina

 
La decisione
Basilicata gialla ma 4 comuni in zona rossa: l'ordinanza di Bardi

Basilicata gialla ma 5 comuni in zona rossa: l'ordinanza di Bardi

 
L'operazione di recupero
Taranto, 64enne cade in un dirupo: salvato da un elicottero dell’Aeronautica

Taranto, 64enne cade in un dirupo: salvato da un elicottero dell’Aeronautica

 
Lotta al virus
Vaccini in Puglia, domani toccherà a 59enni e 58enni: saranno in 1.600

Vaccini in Puglia, domani toccherà a 59enni e 58enni: saranno in 1.600

 
Editoria
Aiuti alle  società editrici, l'odg dei senatori forzisti

Aiuti alle  società editrici, l'odg dei senatori forzisti

 
La novità
Svolta per gli specializzandi in Puglia: sì a legge per «trattenere» i giovani medici

Svolta per gli specializzandi in Puglia: sì a legge per «trattenere» i giovani medici

 
Il bollettino nazionale
Covid in Italia, 6.946 nuovi casi e 251 morti nelle ultime 24 ore

Covid in Italia, 6.946 nuovi casi e 251 morti nelle ultime 24 ore

 
l'abbinamento
La Guida al Modello 730 giovedì in edicola con la Gazzetta

La Guida al Modello 730 giovedì in edicola con la Gazzetta

 
L'impatto
Scontro tra furgone e auto sulla A16 Napoli-Canosa: un morto e 2 feriti

Scontro tra furgone e auto sulla A16 Napoli-Canosa: un morto e 2 feriti

 
L'iniziativa
Università di Bari, in arrivo la seconda edizione dell’European Crowdfunding Festival

Università di Bari, in arrivo la seconda edizione dell’European Crowdfunding Festival

 
editoria
«E finalmente la Gazzetta riprende il suo cammino»

«E finalmente la Gazzetta riprende il suo cammino»

 

Il Biancorosso

La novità
Bari, il difensore Alessandro Minelli fermo per tre mesi

Bari, il difensore Alessandro Minelli fermo per tre mesi

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatBuone notizie
Trani, dopo il tam tam sui social ritrovato il furgone rubato a Nazionale calcio in carrozzina

Trani, dopo il tam tam sui social ritrovato il furgone rubato a Nazionale calcio in carrozzina

 
BariSpettacoli
Bari, al Teatro Petruzzelli torna il pubblico: via a concerti e visite guidate

Bari, al Teatro Petruzzelli torna il pubblico: via a concerti e visite guidate

 
Covid news h 24La decisione
Basilicata gialla ma 4 comuni in zona rossa: l'ordinanza di Bardi

Basilicata gialla ma 5 comuni in zona rossa: l'ordinanza di Bardi

 
MateraIl caso
Motociclista morto nel 2019, prosciolto l'ex sindaco di Matera

Motociclista morto nel 2019, prosciolto l'ex sindaco di Matera

 
GdM.TVL'operazione di recupero
Taranto, 64enne cade in un dirupo: salvato da un elicottero dell’Aeronautica

Taranto, 64enne cade in un dirupo: salvato da un elicottero dell’Aeronautica

 
NewsweekL'idea
Salento, anche la Sirenetta si è innamorata della pizzica

Salento, anche la Sirenetta si è innamorata della pizzica

 
Italia TVIl video
Smantellato cartello della droga: 13 arresti tra Roma e Brindisi

Smantellato cartello della droga: 13 arresti tra Roma e Brindisi

 

i più letti

inquinamento e petrolio

«Serbatoi forati a Viggiano
problemi anche a Taranto»

I documenti dell'ex capo dell'impianto lucano suicidatosi in circostanze misteriose nel 2013. L'Eni: fatti sempre i controlli

centro oli Eni Viggiano

di GIANNI RIVELLI

POTENZA - Un problema sulla «linea 4» del Centro Olio di Viggiano avrebbe portato a un consumo eccessivo di trietilenglicole (utilizzato per disidratare il gas) facendone finire ogni giorno 3 o 4 metri cubi nelle acque associate al greggio e portando problemi di corrosione nei serbatoi di Viggiano, ma a quelli della raffineria di Taranto e dell’oleodotto che li unisce. È il quadro che emerge dal «dossier» messo insieme dall’ex responsabile dell’impianto lucano Gianluca Griffa prima di suicidarsi (a luglio 2013) e indirizzato ai carabinieri di Viggiano a cui però è arrivato solo qualche mese fa, quando i Pm hanno mandato i periti a chiedere le condizioni di salute anche di quel lavoratore nell’ambito di un’indagine epidemiologica avviata su tutti i dipendenti dell’area.

Un atto di accusa postumo che ora emerge dalla secretazione delle indagini perché il procuratore capo di Potenza, Francesco Basentini, lo ha ritenuto attendibile al punto da versarlo nelle carte del processo sull’inquinamento Eni in Val d’Agri che segue con la Pm Laura Triassi.

La ricostruzione di Griffa in quelle carte su cui scrive di sua mano «Prove che sapevano» è meticolosa. Parla di un problema di funzionamento sulla linea 4 avviata nel 2011, di un utilizzo della stessa oltre il limite di progetto che avrebbe portato un trascinamento del trietilenglicole nelle acque che finivano nei serbatoi col greggio. E porta carte a supporto. Ad esempio quelle dell’autorizzazione dell’acquisto di glicole in una quantità superiore al passato. Un problema. Perché il trietilenglicole è soggetto a soglie di esposizione ma anche perché può causare problemi di corrosione.

E siamo ai buchi nei serbatoi. Le carte di Griffa includono una relazione previsionale su lavori fatti a due serbatoi di Viggiano. Si parla di un primo buco nel 2011. Griffa nelle sue carte ne cita 10, uno dei quali largo «4/5 centimetri». Parla dell’impossibilità di ispezionare gli altri tenendoli in produzione, della scelta «fatta dall’alto» di non vedere cosa era successo al di sotto di quelle perdite, dell’ordine di tenere tutto segreto. E aggiunge. «Problema analogo parrebbe esserci a Taranto proprio sui serbatoi che ricevono l’olio di Viggiano via oleodotto». A supporto porta una serie di mail. Si parla dell’acqua associata al greggio che arriva nei serbatoi della raffineria e si lamentano problemi di qualità della stessa. «Devo evidenziare - scrive il responsabile del settore tecnico di Taranto il 13 nobembre 2012 - una serie di problematiche connesse alla qualità dell’acqua proveniente nella raffineria di Taranto insieme al greggio Val d’Agri e drenata al fondo dei serbatoi dedicati allo stoccaggio di tale greggio». Si mettono al lavoro gli specialisti della corrosione, si ipotizzano anche problemi batterici, ma la conclusione è diversa: «Potremmo dire: lo supponevamo - conclude un ingegnere della Tecnologia Roma il 4 marzo 2013 - Dunque la corrosione non è dovuta a batteri. Nel frattempo abbiamo ricevuto una nota da GE Betz che conferma da un lato gli effetti corrosivi del Glicole e dall’altro la possibilità che la corrosione non sia uniforme». Una situazione non tranquilla. «Se abbiamo il dubbio - ammonisce il tecnico - che la corrosione nei serbatoi del greggio e nella pipeline non sia diffusa ma concentrata potrebbe essere a rischio l’affidabilità del sistema e dovremmo pretendere che il problema sia risolto al più presto a monte e cioè al Cova».

Un atto di accusa, quello di Griffa fatto proprio dalla Procura, che poggia su documenti. Ma un atto a cui risponde l’azienda. «Nel Centro Olio - dice Eni - sono sempre stati effettuati i necessari controlli e le verifiche ispettive già prima del 2012. Tutti gli interventi, non solo quelli sui serbatoi, sono stati gestiti sulla base delle evidenze tecniche e operative emerse nel corso degli anni. La documentazione degli interventi è stata da tempo presentata a tutti gli organi interessati, con i quali Eni collabora come sempre in maniera piena».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie