Venerdì 19 Aprile 2019 | 05:10

NEWS DALLA SEZIONE

La curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto

 
Arte
Bari, inaugurata opera di Tremlett «Wall Surface», dedicata a gallerista Marilena Bonomo

Bari, inaugurata opera di Tremlett «Wall Surface», dedicata a gallerista Marilena Bonomo

 
Le dichiarazioni
Ex Ilva, sindaco Taranto: «Esterrefatto da clima di semplificazione, come se problemi fossero risolti»

Ex Ilva, sindaco Taranto: «Esterrefatto da clima di semplificazione, come se problemi fossero risolti»

 
Il progetto
Aqp, sì al risanamento di 94 reti idriche comunali

Aqp, sì al risanamento di 94 reti idriche comunali

 
Nel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
Lega pro
Troina - Bari: la diretta della partita

Il Bari batte il Troina e vola in Serie C, i tifosi acclamano i galletti in aeroporto FOTO/VIDEO Rivedi la diretta

 
Nel Potentino
Melfi, costrinse compagna incinta a prostituirsi: arrestato

Melfi, costrinse compagna incinta a prostituirsi: arrestato

 
Nel Leccese
Scambio di sesso e voti: condannati ex amministratori Porto Cesareo

Scambio di sesso e voti: condannati ex amministratori Porto Cesareo

 
La protesta
Sindacati: «Ipermercati chiusi durante le feste o scioperiamo»

Sindacati: «Ipermercati chiusi durante le feste o scioperiamo»

 
Pugni e schiaffi
Detenuto georgiano manda in ospedale 4 agenti in carceri Foggia e Bari

Detenuto georgiano manda in ospedale 4 agenti in carceri Foggia e Bari

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 
PotenzaLa curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto

 
LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

arrestati 5 giovani

Fermata banda
di rapinatori canosini

banda rapine

CANOSA DI PUGLIA (BARLETTA - ANDRIA - TRANI) - Servendosi di mezzi rubati, raggiungevano l’esercizio commerciale da rapinare, poi fuggivano ed eliminavano le tracce di quanto accaduto bruciando il mezzo usato o abbandonandolo nelle campagne. Cinque presunti componenti della banda, la scorsa notte, sono stati arrestati a Canosa di Puglia, nel nord barese, da agenti del locale commissariato e dovranno rispondere, a vario titolo, di rapina aggravata, ricettazione, furto aggravato e porto abusivo di arma clandestina. Coinvolto anche un minorenne che è stato arrestato e condotto in comunità.

I colpi messi a segno loro contestati risalgono alla fine del 2016 e ai primi mesi del 2017. Si tratta di quattro rapine a mano armata in concorso, fra esercizi commerciali e distributori di benzina, altrettanti furti d’auto, utilizzate per compiere le rapine, la ricettazione di un’auto e di merce rubata.

I cinque, tutti di Canosa e con precedenti penali, sono il 20enne Andrea Sorrenti, già agli arresti domiciliari, Gaetano Denichilo, di 24 anni, già in carcere per i medesimi reati, Gianfranco Sorrenti, di 36 anni, cugino di Andrea Sorrenti. Per loro il gip del tribunale di Trani ha disposto la detenzione carceraria. Gli altri due presunti componenti della banda, Salvatore Salminci, 25 anni, e Samanta Sorrenti, incensurata, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari. I due - secondo quanto emerso dalle indagini - si occupavano della ricettazione dei proventi dei furti e delle rapine.
A capo del gruppo, secondo gli inquirenti, vi erano Andrea Sorrenti, Gaetano Denichilo e il minorenne. Stando a quanto emerso dalle indagini Andrea Sorrenti e il ragazzino, si servivano di un’auto o di uno scooter che precedentemente rubavano, per mettere a segno i loro colpi, poche ore dopo. Quando stavano per cominciare, chiamavano Denichilo, il quale essendo ai domiciliari aveva poca autonomia di movimento. Lo aspettavano sul retro di casa sua, raggiungevano l’obiettivo e, travisati e a mano armata, compivano le rapine. Con loro avevano anche apparecchi radio sintonizzati sulle frequenze delle forze dell’ordine.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400