Giovedì 17 Gennaio 2019 | 09:40

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
L'inchiesta sui giudici
Quell'incontro tra il pm ambizioso e Lotti organizzato dal papà di Renzi

Quell'incontro tra il pm ambizioso e Lotti organizzato da papà Renzi

 
Giudici & mazzette
«Mi parlò di Gladio e servizi, voleva500 euro al giorno per le sue amanti»

«Parlò di Gladio e servizi, voleva
500 euro al giorno per le amanti»

 
La protesta
Gazzetta, altri tre giorni di scioperoI giornalisti: silenzio dei commissariFnsi: non rispettati diritti giornalisti

Gazzetta, altri 3 giorni di sciopero:
«I commissari non rispondono» 
Fnsi: violati diritti dei giornalisti

 
Inchiesta da Lecce
Trani, arrestati due magistrati per corruzione e falso ideologico

Trani, arrestati due magistrati: processi venduti per soldi, Rolex e diamanti.Imprenditore confessa: così pagai milioni

 
Burrasca
Maltempo, vento forte su Puglia, Basilicata e Calbaria

Maltempo, vento forte su Puglia, Basilicata e Calabria

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
L'incontro
Trivelle, Emiliano: «Sospensiva non ci accontenta, serve agenzia per bloccare ricerche in mare»

Trivelle, Emiliano: «Sospensiva non ci accontenta, bloccare ricerche in mare»

 
Hanno agito in quattro
Brindisi: sparano e svaligiano gioielleria di centro commerciale, nessun ferito

Brindisi, sparano e svaligiano gioielleria, poi fanno incidente: fermati in 3

 
In una zona di campagna
Foggia, bomba contro villa allevatore di polli: «Mai alcuna minaccia»

Foggia, bomba contro villa allevatore di polli: «Mai alcuna minaccia»

 
La cerimonia
Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

 

Sud Salento

Lecce, le due figlie del boss
chiedono di cambiare nome

Esposta in comune l'istanza di chi vuole voltare pagina: salvo opposizione, tra un mese la nuova identità

Lecce, le due figlie del bosschiedono di cambiare nome

Un cognome pesante come un macigno. E le figlie di un boss chiedono di poterlo cambiare.  Accade in un paese del Capo di Leuca. Nei giorni scorsi il prefetto Claudio Palomba ha firmato un decreto con cui autorizza due ragazze ad affiggere per 30 giorni la richiesta del cambio di cognome, a favore di quello della madre.

Sono figlie di un affiliato alla Sacra corona unita, residente in un comune del Sud Salento. L’uomo, più volte agli arresti per traffico di droga ed estorsioni, è ritenuto uno dei capi di un’organizzazione criminale. Un personaggio di spessore nell’ambito della mala locale, la cui eredità è troppo pesante per le figlie, che hanno deciso di prenderne le distanze. Il primo passo, forse, per un allontanamento definitivo, anche da chi conosce la loro famiglia e non risparmia commenti e accostamenti con l’attività criminale del genitore.

Presa la decisione, le due donne si sono rivolte a un legale e attraverso il professionista hanno presentato un’istanza motivata alla sede decentrata dell’Ufficio del Governo. Hanno spiegato cosa le ha spinte a una decisione così drastica, e come sperano, anche attraverso una identità nuova, di iniziare un nuovo capitolo della loro vita.

La Prefettura ha preso atto degli esiti dell’attività istruttoria, durante la quale però non è stato acquisito il parere del padre, accertando comunque l’assenza di elementi ostativi alla prosecuzione dell’istanza. Un sunto della loro richiesta dovrà essere in ogni caso consegnata nelle mani del padre che, fino alla scadenza dei 30 giorni dalla pubblicazione sugli albi pretori dei comuni di nascita e residenza, potrà eventualmente proporre opposizione alla richiesta. Oltre a lui, anche chi ha un interesse diretto nella vicenda.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400