Mercoledì 22 Maggio 2019 | 03:09

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione
Bari, figlio di 2 donne: giudice dà l'ok alla trascrizione dell'atto di nascita

Bari, figlio di 2 donne, i giudici: «Ok a trascrizione atto di nascita»

 
La visita del vicepremier
Salvini contestato da Lecce a Bari: «Dacci indietro i 49 mln» «Noi lavoriamo voi fischiate»

Salvini in Puglia: contestazioni e applausi
Gioia, anziana gli dona un crocifisso
Lecce:«Fascista»VD Bari, Zorro in corteo

 
Il naufragio
Norman Atlantic: gup Tribunale Bari ammette 100 nuove parti civili

Norman Atlantic: gup Tribunale Bari ammette 61 nuove parti civili

 
I tubi scambiati
Morirono in 8 per scambio tubi in ospedale: reato va in prescrizione

Castellaneta, 8 morti in ospedale: il reato va in prescrizione

 
Nel tarantino
Martina Franca: torna nella casa vacanze e trova un occupante e lavori in corso

Martina Franca: torna nella casa vacanze e trova un occupante e lavori in corso

 
Sulla Aida Blu
Turista tedesco cade su nave da crociera: Guardia Costiera Bari lo soccorre

Turista tedesco cade su nave da crociera: Guardia Costiera Bari lo soccorre

 
La sentenza
di cosola

Bari, 27 condanne definitive per il clan Di Cosola: 21 anni al fratello del boss

 
Sanità
Politecnico Bari, scacco matto a ictus e infarti: ecco l'app per i consulti a distanza

Policlinico Bari, scacco matto a ictus e infarti: ecco l'app per i consulti a distanza

 
L'operazione
Tratteneva soldi destinati al Comune di Sava: Gdf sequestra 950mila euro di beni a società

Tratteneva soldi destinati al Comune di Sava: Gdf sequestra 950mila euro di beni a società

 
L'ecomostro
Bari, sì al salvataggio Sud Fondi: «Punta Perotti verrà venduta»

Bari, sì al salvataggio Sud Fondi: «Punta Perotti verrà venduta»

 

Il Biancorosso

IL PAGELLONE
Di Cesare e Floriano campionato topPiovanello l'under più in palla

Di Cesare e Floriano campionato top
Piovanello l'under più in palla

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIngenti danni
Lecce, a fuoco villa di candidato Lega gestore di una spiaggia

Lecce, a fuoco villa di candidato Lega gestore di una spiaggia

 
MateraL'incidente
Montescaglioso, contro tra auto e moto: un morto

Montescaglioso, scontro tra auto e moto: muore un 30enne

 
HomeLa decisione
Bari, figlio di 2 donne: giudice dà l'ok alla trascrizione dell'atto di nascita

Bari, figlio di 2 donne, i giudici: «Ok a trascrizione atto di nascita»

 
TarantoI tubi scambiati
Morirono in 8 per scambio tubi in ospedale: reato va in prescrizione

Castellaneta, 8 morti in ospedale: il reato va in prescrizione

 
BrindisiIl comizio
Ostuni, botta e risposta tra Salvini e i contestatori: «Torna a casa» «Voi fischiate noi lavoriamo»

Ostuni, botta e risposta tra Salvini e contestatori: «Torna a casa» «Voi fischiate noi lavoriamo»

 
PotenzaComando provinciale
Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

 
HomeLa visita
Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

 

i più letti

Proteste e critiche

Il nuovo logo di Bari non piace
«Troppi segni, manca identità»

Il nuovo logo di Bari non piace«Troppi segni, manca identità»

ARMANDO FIZZAROTTI

Parafrasando lo slogan del logo scelto per la città dall’Amministrazione Decaro («Bari non finisce mai»), sembra ora non dover finire più il diluvio di critiche e anche invettive contro il sindaco e l’assessore alla Cultura, Silvio Maselli per la scelta del marchio ora patrimonio del Comune. Molto più rari gli apprezzamenti.
Le quattro lettere che compongono il nome della città, ricordiamo, sono disegnate con simboli che rispettivamente intenderebbero «citare» la Basilica nella B, la rotonda del lungomare nella A, orecchiette e/o focaccia nella R, infine il nuovo ponte nella I. Sotto, la scritta in lingua inglese «Never ends» («non finisce mai»).
Sia a livello «ufficiale» sia nella «piazza virtuale» di Facebook Decaro e Maselli sono quindi fuoco incrociato per la scelta operata.

È al vertice della «piramide» nella quale si vorrebbe già mummificare il logo appena «partorito», la consigliera di centrodestra Irma Melini, schierata con l’opposizione.
«Chiederò al sindaco di non utilizzare il logo scelto dalla Commissione creata ad hoc e pagato ben 57mila euro per la sua ideazione» ha dichiarato Melini».«D'altronde ora il logo è di proprietà del Comune - prosegue - e farebbe bene a metterlo in un cassetto. Questo logo non rappresenta la città della Fiera del Levante, del Borgo antico, di San Nicola con la sua Basilica e la Cattedrale. Non è possibile continuare a declinare Bari come la terra del panzerotto o peggio del pilone del ponte i cui lavori sono durati lustri e il cui costo è stato esorbitante per le tasche dei baresi. "Non finisce mai", peggio scritto in inglese sempre nella terra del panzerotto e non a NY, andrebbe rivolto a questa Amministrazione che "non finisce mai" di sorprenderci per come è completamente scollata dalla realtà di questa città» conclude la consigliera.
La «piramide» di critici è poi composta da decine e decine di utenti dei «social network», dai semplici cittadini ai professionisti di arte e grafica.

Fra le varie stroncature spicca quella dell’avvocato Giancarlo Di Paola, già presidente dell’Accademia di Belle Arti e fratello del consigliere comunale di opposizione Domenico Di Paola (Impegno Civile), che cita la frase fantozziana «Una cagata pazzesca!» per invocare una fiaccolata anti-logo, il 28 aprile alle 20,30 «sotto al Comune» annuncia.
Per veemenza critica si distingue anche il commerciante Donato Foggetti, noto in città per essere stato l’unico detrattore su Facebook di Decaro (del quale è stato compagno di liceo) ad essersi presentato di persona al Comune quando il sindaco ha promosso il pomeriggio di confronto con chi è più «attivo» sul web nell’attaccare le sue scelte politiche. «Ritiratevi falliti!» spara Foggetti, ritenendo che un logo di gran lunga migliore e a costi ben più contenuti avrebbero potuto idearlo i «quattro ragazzi che hanno creato il logo Ultras Bari, che è bellissimo!» sottolinea, concludendo: «Praticamente non abbiamo eletto un Sindaco ma un Personal Stylist... La verità è che a voi vi devono togliere il potere decisionale e i soldi, state facendo solo danni a Bari e ai baresi».

Parole come «ridicolo», «schifo», «merda», «obbobrio» eccetera eccetera partono contro gli esponenti del governo cittadino come missili (quanti telecomandati è impossibile però stabilirlo). Altri con toni meno accesi sottolineano la «non leggibilità» del logo, che se va spiegato ai baresi, argomentano, «figuriamoci ai turisti e agli stranieri... ».
E fra i tanti commenti spicca infine, condivisa da tanti, la richiesta al sindaco e all’assessore Maselli di rendere pubblico tutto l’iter che ha portato alla scelta (proposte, commissione e classifica finale) del marchio.
Insomma, la questione sembra proprio destinata «a non finire mai».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rossini

    12 Aprile 2017 - 08:08

    Se penso che questo logo insulso ci è costato € 57.000; a noi Baresi che siamo alla canna del gas con le strade cittadine piene di buche, mi cadono le braccia. Ma non era più semplice indire una gara fra gli studenti degli istituti artistici della città? Magari ricompensando l'istituto di appartenenza con strumenti didattici, di cui le nostre scuole sono sempre carenti, come computer e monitor?

    Rispondi