Sabato 16 Febbraio 2019 | 23:01

NEWS DALLA SEZIONE

Le dichiarazioni
Autonomia, parlano i deputati della Lega Puglia: «È una grande opportunità»

Autonomia, parlano i deputati della Lega Puglia: «È una grande opportunità»

 
Il premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
La denuncia sui social
Teppisti a Triggiano, lanciano sasso con fionda e colpiscono una donna

Teppisti a Triggiano, lanciano sasso con fionda e colpiscono una donna

 
Serie B
Foggia, finisce 1-1 con il Padova: sfuma al 90esimo il match salvezza

Foggia-Padova, 1-1 al 90esimo: tifoso ferito

 
La manifestazione
Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

 
Controlli
Corato, chiuso il Jubilee di Corato: problemi con i Vigili del fuoco

Chiuso il Jubilee di Corato: problemi con i Vigili del fuoco

 
Incontri d'autore
Ex-Otago ospiti della «Gazzetta del Mezzogiorno»: segui la diretta

Ex-Otago ospiti della «Gazzetta»: rivedi la diretta

 
Il processo
Acque reflue a Torre Guaceto, assolti dirigenti Regione e Aqp

Acque reflue a Torre Guaceto, assolti dirigenti Regione e Aqp

 
L'annuncio
Tolo Tolo, il nuovo film di Checco Zalone nelle sale a Natale 2019

«Tolo Tolo», il nuovo film di Checco Zalone nelle sale a Natale 2019

 
Il caso
Autonomia, M5S Puglia: «Guai a creare cittadini di serie A e B»

Autonomia, M5S Puglia: «Guai a creare cittadini di serie A e B»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

economia

Fiat Punto in esaurimento
preoccupazione a Melfi

Fiat Punto a Melfi

di FRANCESCO RUSSO 

MELFI - Tra cassa integrazione per gli addetti della linea Punto ed un pizzico di preoccupazione fra i tanti neoassunti che vorrebbero tenersi stretto il contratto firmato lo scorso anno, alla Fiat Chrysler Automobiles di Melfi ci si appresta a chiudere il 2016. Se da una parte la situazione è relativamente tranquilla, dall’altra non mancano i timori, anche perché la linea Punto è in via di esaurimento e non è stato ancora annunciato un terzo modello da affiancare alla Jeep Renegade e alla 500X. Sono finora tre, i cicli di cassa integrazione che hanno interessato gli addetti della Punto. Il primo ha coinvolto 1.071 dipendenti dal 26 settembre al 7 ottobre. Dal 24 ottobre al 4 novembre si sono fermati invece 1.120 operai. Lo stesso numero di lavoratori, sempre della linea Punto, sarebbe dovuto andare in cassa integrazione da lunedì prossimo fino al 9 dicembre. Proprio ieri, però, l’azienda ha annunciato la riduzione del periodo di sospensione, che inizierà sempre il 21 novembre, ma durerà tre giorni in meno (si lavorerà, quindi, il 5, 6 e 7 dicembre). Una buona notizia, senz’altro, motivata da «sopravvenute esigenze produttive».

Ma la riduzione del periodo di cassa integrazione non basta a tranquillizzare tutti, e soprattutto i circa 1.800 lavoratori assunti nel 2015. «Le prospettive di tanti operai - commento a Roberto D’Andrea, segretario della Basilicata della Fiom-Cgil - oltre a essere non chiare sono incerte, a causa del governo nazionale, che con il Jobs Act si è inventato una tipologia di lavoro falsamente a tempo indeterminato. Il problema delle prospettive è legato a cosa la Fca vorrà fare quando la Punto non verrà più prodotta. Quel modello durerà almeno un altro anno, ma auspichiamo che a Melfi ne arrivi un altro. Stiamo vivendo una situazione precaria, e ne risentono tanto i vecchi quanto i nuovi assunti: siamo in attesa di capire quale sarà il piano industriale dell’azienda, anche perché, c’è una vasta platea di lavoratori fintamente a tempo indeterminato, liberamente licenziabile dopo tre anni».

«L’azienda - evidenzia Gerardo Evangelista, segretario della Fim-Cisl lucana - in questo momento è satura, tanto che circa 150 lavoratori stati mandati come trasfertisti a Termoli o in altre aziende del gruppo per dare una mano. Dei 1800 assunti nel 2015 - mette in chiaro - nessuno ha perso il lavoro. Ma una piccola parte, parliamo di una ventina di lavoratori laureati è andata via dopo aver trovato un’occupazione più congeniale al proprio percorso di studi». «A Melfi - interviene il segretario regionale della Uilm-Uil, Marco Lomio - la situazione è tranquilla, almeno per quel che riguarda i suv. I 1800 assunti del 2015 ormai fanno parte a pieno titolo della Fca e quindi non devono avere alcun timore. Quello che ci preoccupa, invece, è la situazione della linea Punto».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400