Mercoledì 16 Ottobre 2019 | 09:15

NEWS DALLA SEZIONE

sanità
«Usiamo solo il 5% di farmaci generici», ecco perché la Puglia spende troppo

«Usiamo solo il 5% di farmaci generici», ecco perché la Puglia spende troppo

 
il match
Basket, esordio con sconfitta per il Brindisi in Champions League

Basket, esordio con sconfitta per il Brindisi in Champions League

 
nel tarantino
Castellaneta, infermiere aggredito fuori da ospedale da familiare di un paziente

Castellaneta, infermiere aggredito fuori da ospedale da familiare di un paziente

 
calcio
Febbre giallorossa: nasce il primo Lecce club di Londra

Febbre giallorossa: nasce il primo Lecce club di Londra

 
avviso di garanzia
Regione Puglia, assessore al Welfare indagato per nomina in azienda pubblica

Regione Puglia, assessore al Welfare indagato per nomina in azienda pubblica

 
Musica
Incontri d'autore: il vincitore di Amici Alberto Urso ospite nella redazione della «Gazzetta»

Incontri d'autore: Alberto Urso ospite nella redazione della «Gazzetta», biglietti in regalo a 10 fan

 
nel primo pomeriggio
Bari, anziano investito da moto mentre attraversa la strada, centauro fuggito

Bari, anziano investito da moto mentre attraversa la strada, centauro fuggito

 
morirono in 2
Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

 
Puglia
Consiglio regionale: approvata mozione su potenziamento linee ferroviarie

Consiglio regionale: approvata mozione su potenziamento linee ferroviarie

 
nel Brindisino
Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

 
tra cerignola e canosa
Commando assalta camion di sigarette sulla A14 nel Nordbarese: autista rilasciato illeso

Commando assalta camion di sigarette sulla A14 nel Nordbarese: autista rilasciato illeso

 

Il Biancorosso

Lega pro
Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivarini

Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivarini

 

NEWS DALLE PROVINCE

Batnel nordbarese
Bisceglie, spaccia cocaina sul lungomare: 28enne arrestato

Bisceglie, spaccia cocaina sul lungomare: 28enne arrestato

 
Barinel Barese
Casamassima, rapina, furti d'auto ed estorsioni al centro commerciale: 51enne in carcere

Casamassima, rapina, furti d'auto ed estorsioni al centro commerciale: 51enne in carcere

 
FoggiaLa decisione
Manfredonia, comune affidato a gestione straordinaria

Manfredonia, comune affidato a gestione straordinaria

 
Tarantonel tarantino
Castellaneta, infermiere aggredito fuori da ospedale da familiare di un paziente

Castellaneta, infermiere aggredito fuori da ospedale da familiare di un paziente

 
Materamorirono in 2
Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

 
Brindisinel Brindisino
Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

 
Leccenel Leccese
Maglie, piante di marijuana in un terreno e droga in casa: denunciato 32enne

Maglie, piante di marijuana in un terreno e droga in casa: denunciato 32enne

 
PotenzaI dati
Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

 

i più letti

L'editoriale sullo scontro fra treni

Costi, privilegi e disastri del localismo ferroviario

Costi, privilegi e disastridel localismo ferroviario

GIUSEPPE DE TOMASO

Incredibile. Ci sono i soldi da investire in sicurezza, ma non vengono spesi. Però, i soldi per investire in nuovi treni locali, bene o male, si trovano. In tal modo, paradossalmente, crescono i rischi e diminuiscono le garanzie di incolumità per i viaggiatori. Non solo. Più aumenta il numero dei treni, più, ovviamente, diminuisce l’intervallo tra una corsa e l’altra. Il che può creare problemi ed equivoci tra due stazioni abituate alla comunicazione telefonica, ma potrebbe creare difficoltà anche dopo l’installazione del più sofisticato controllo elettronico (Sistema Controllo Marcia Treno). Più prolungato è l’intervallo, più sicuro ed efficace è il funzionamento del paracadute digitale. Ma se i treni dovessero susseguirsi come ciclisti al Giro, anche il Sistema Controllo Marcia Treno andrebbe in tilt.

Morale. Servono gli stessi standard di sicurezza ferroviaria sia per le linee primarie che per quelle secondarie.
Non si capisce perché l’affidabilità, anche in termini di sicurezza, della linea di RFI (Rete ferroviaria italiana) nel Belpaese raggiunga livelli eccellenti, riconosciuti da tutti anche all’estero, mentre l’affidabilità della rete locale lasci molto a desiderare (eufemismo). Non si capisce perché RFI (anche per merito del suo precedente amministratore delegato Michele Mario Elia) sia stata la prima al mondo ad adottare dappertutto l’ERTMS (European rail traffic management system) un raffinato sistema di gestione, controllo e protezione del traffico ferroviario, con relativo segnalamento a bordo, mentre sui binari locali si fa prevenzione e protezione col colloquio telefonico, col fonogramma. L’ERMTS, per spiegare, serve a sostituire i molteplici e incompatibili sistemi di circolazione e sicurezza delle varie Ferrovie Europee allo scopo di garantire l’interoperabilità dei treni soprattutto sulle reti ad alta velocità.

Perché allora non mettere anche le reti ferroviarie locali sotto il controllo di RFI, ossia della grande rete nazionale? Il buon senso suggerirebbe questa risposta: muoviamoci sùbito, anzi avremmo già dovuto convogliare le ferrovie locali sotto il mantello di RFI. Infatti. I vantaggi immediati si raddoppierebbero: più sicurezza, più risparmio. Maggiore protezione si otterrebbe grazie ai più rigorosi standard adottati sulla Rete nazionale e all’attività di controllo dell’Agenzia per la sicurezza delle Ferrovie (ANSF), che, però, non opera però sulle linee secondarie, assegnate all’Ufficio speciale trasporti a impianti fissi (USTIF), ente periferico del ministero organizzato in 7 divisioni interregionali, e dalla normativa, per così dire, più elastica. Di conseguenza, a voler stabilire una filiera di responsabilità nei controlli di sicurezza sulle linee regionali, al primo posto va collocata la struttura ministeriale e al secondo posto la struttura delle Regioni. Ora. Sarebbe utile che anche l’ANSF si occupasse della rete locale.

E veniamo ai costi del localismo ferroviario. Un cospicuo risparmio verrebbe assicurato dall’eliminazione di sigle e potentati aziendali locali, che spesso si distinguono per voracità di comando, gestioni predatorie, arricchimenti personali, salassi per i contribuenti, commistioni politiche. Roba che i protagonisti della Casta di Rizzo e Stella fanno la figura delle educande.
Affidare alla Rete nazionale le rotaie locali significherebbe tagliare i consigli di amministrazione con relativi gettoni, significherebbe fermare il giro di consulenze agli amici e alle amiche. Vorrebbe dire, anche, bloccare sul nascere la tentazione, per i vertici aziendali, di farsi assumere in pianta stabile per evitare, a fine mandato, il pericolo disoccupazione. Vorrebbe dire, in una parola, tentare di prosciugare il mare sporco della politica e della parapolitica. Significherebbe creare le premesse per più trasparenza e meno corruzione.

Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità Anti-Corruzione, ha perfettamente ragione: «Le infrastrutture sono ferme in Italia anche per colpa della corruzione». Purtroppo la classe politico-burocratica, con relativo sottobosco, non ha la minima intenzione di rinunciare ai vantaggi, ai benefit, ai simboli materiali e immateriali del potere. E così, in nome della lesa sovranità, del federalismo regionale e del territorio da tutelare, la nomenklatura locale si mette di traverso ad ogni ragionamento, ad ogni rasoio teso a tagliare poltrone, incarichi, appalti, sub-appalti, spese di rappresentanza, auto blu e orpelli vari. Del resto, federalismo dello spreco e federalismo della corruzione (frutti della riforma del Titolo Quinto della Costituzione) pari sono. Anzi, coincidono.
Se l’Europa sbanda e sperpera, apriti cielo. Ma se le Regioni fanno altrettanto, vanno capite e giusitificate in nome dell’autonomia, del federalismo, del sovranismo, e di altri sacri princìpi che su certe facce stonano come una minigonna durante un’udienza dal Papa. Di conseguenza, prevale la logica feudale: giù le mani dalle torte regionali, abbasso il centralismo di Stato. Ma si può ragionare così? Si può, si può, ripeteva sconsolata la buonanima di Franco Sorrentino (1923-2001).

A dire il vero Regioni come la Lombardia e l’Emilia Romagna hanno cominciato a semplificare la ragnatela del trasporto ferroviario locale. L’Emilia Romagna ha accorpato le sue cinque aziende in concessione. E il neonato gestore unico ha provveduto ad adeguarsi agli standard di sicurezza stabiliti dalla Rete ferroviaria italiana. Via d’uscita? Rete unica per le linee primarie e secondarie, con - si capisce - identici sistemi di sicurezza. Rete unica pubblica. Apertura al mercato, anche ai privati, per gli operatori, cioè per le aziende attive nella gestione del trasporto ferroviario di passeggeri e merci. È solo un sogno. E come tutti i sogni è destinato a morire all’alba.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie