Giovedì 06 Ottobre 2022 | 04:11

In Puglia e Basilicata

Trasporti

Crac Fse, Procura rinuncia a richiesta d'arresto per Fiorillo

Crac Fse, Procura rinuncia a richiesta d'arresto per Fiorillo

È imputato per bancarotta fraudolenta nel processo sul crac da 230 milioni di euro della società di trasporti pugliese

27 Giugno 2019

Redazione online

La Procura di Bari ha rinunciato alla richiesta di arresto per Luigi Fiorillo, già commissario governativo, ex legale rappresentante e amministratore unico di Ferrovie del Sud Est, imputato per bancarotta fraudolenta nel processo sul crac da 230 milioni di euro della società di trasporti pugliese. Fiorillo, agli arresti domiciliari dal gennaio 2018 fino a qualche mese fa, era tornato in libertà con obbligo di dimora su disposizione del Tribunale di Bari dinanzi al quale si sta celebrando il processo nei confronti di 15 persone. La Procura aveva inizialmente impugnato il provvedimento di revoca della misura cautelare facendo appello ai giudici del Riesame ma oggi, in udienza, ha rinunciato alla richiesta cautelare.

Il dibattimento proseguirà il 2 luglio. Oltre Fiorillo sono imputati funzionari e consulenti di Fse e imprenditori, accusati, a vario titolo, di bancarotta fraudolenta documentale, societaria e patrimoniale, dissipazione e distrazione di fondi. I fatti contestati si riferiscono agli anni 2001-2015, fino a quando la società è stata commissariata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725