Domenica 26 Maggio 2019 | 23:01

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
In piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
La sentenza
Xylella, sì del Tar alla zona-cuscinetto «Una scelta basata sui dati scientifici»

Xylella, sì del Tar alla zona-cuscinetto «Una scelta basata sui dati scientifici»

 
Curiosità
Bari, «le donne ora non possono entrare»: code e proteste in un seggio

Bari, «Le donne per ora devono aspettare»: proteste al seggio

 
Mala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 
Ricerca
Fisica, i ricercatori dell’Università di Bari tornano al Polo Nord

Fisica, i ricercatori dell’Università di Bari tornano al Polo Nord

 
Gli arresti
Ferrandina, pestato a sangue con pietre e bastone da ex moglie ed ex suocero

Ferrandina, pestato a sangue con pietre e bastone da ex moglie ed ex suocero

 
La lettera
Cucchi, minacce a Brindisi: altri 9 carabinieri devono morire

Cucchi, minacce a Brindisi: altri 9 carabinieri devono morire

 
Giustizia svenduta
Trani, la Procura di Lecce indaga su un quarto magistrato

Corruzione a Trani, Procura Lecce indaga su un quarto magistrato

 
Il caso
Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

 
Educazione civica
Bari, la giudice Sciarra porta a scuola la Costituzione

Bari, la giudice Sciarra porta a scuola la Costituzione

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
BariLa gara
Focaccia barese la più buona d'Italia: premiata al Fico di Bologna

Focaccia barese la più buona d'Italia: premiata al Fico di Bologna

 
MateraAlcuni disagi
Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

 
BatIn piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
BrindisiMala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 
TarantoIl caso
Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

 
FoggiaIn largo Risorgimento
Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 

i più letti

Raid vandalico

Nardò, petardi contro associazione persone down: identificata babygang

I minori sono stati denunciati: avevano lasciato cumuli di spazzatura davanti la porta dell'associazione

Nardò, lanciano petardi contro sede persone down: identificata babygang

LECCE - Una serie di raid vandalici in particolare contro la sede dell’associazione persone Down di Nardò è stata messa in atto da una banda composta da minorenni che avrebbero ammucchiato spazzatura all’ingresso e lanciato sassi e petardi contro l’edificio provocando ansia e paura tra le persone che erano dentro. L’associazione si trova nella zona 167 nei pressi dell’area mercatale. I ripetuti episodi sono stati denunciati alla polizia dalla responsabile dell’ associazione e gli agenti sono riusciti ad identificare alcuni dei componenti della gang. In tutto sarebbero almeno cinque le persone coinvolte: due diciassettenni e un sedicenne che sono stati denunciati alla procura per i minorenni di Lecce, altri due non ancora identificati. Sono accusati di danneggiamento aggravato in concorso.

Tra gli episodi contestati l’aver ammucchiato una volta della spazzatura vicino alla porta d’ingresso del'associazione per darle fuoco. In un’altra circostanza la banda ha preso a calci e divelto il box contenente il contatore del gas; in un’altra ancora erano stati fatti esplodere petardi in un bocchettone di areazione, e lanciate pietre e bottiglie contro le finestre, danneggiando le telecamere dell’impianto di video sorveglianza.
Gli episodi, che avvenivano soprattutto di sera, generavano un forte stato di «psicosi e di preoccupazione» negli ospiti del centro e nelle loro famiglie.

Secondo quanto accertato dagli investigatori, come covo la baby gang utilizzava un vecchio chiosco bar comunale in disuso nella zona che è particolarmente degradata per la presenza di carcasse di auto e ciclomotori in disuso, bombole di gas, ferraglie e spazzatura varia, tant'è che gli stessi agenti per poter indagare in tempi brevi, hanno dovuto rimuovere le carcasse delle auto.
La notizia di quanto accaduto è stata diffusa oggi dalla Questura di Lecce dopo che la situazione da un mese è ritornata alla normalità grazie anche ad una serie di interventi mirati da parte del Comune.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400