Giovedì 25 Aprile 2019 | 08:10

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

 
Verso il 26 maggio
Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

 
A Bari
Concessione spiaggia Torre Quetta: rinvio a giudizio per 3 indagati

Concessione spiaggia Torre Quetta: rinviati a giudizio 3 indagati

 
Serie C
Bari calcio, «San Nicola» boom boom: festa della resurrezione

Bari calcio, «San Nicola» boom boom: festa della resurrezione

 
Elezioni in vista
A Bari e a Lecce ecco i nomi dei «figli d'arte» nelle liste politiche

A Bari e a Lecce ecco i nomi dei «figli d'arte» nelle liste politiche

 
Primo caso a Sud
Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

 
Nel quartiere San Paolo
Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

 
Stalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
emergenza in puglia
Xylella nel Barese, Noci firma l'ordinanze per bloccare il batterio

Xylella nel Barese, Noci firma l'ordinanza per bloccare il batterio

 
La visita
Ex Ilva, Di Maio a Taranto: scatta il sit in oltre la zona rossa

Ex Ilva, Di Maio a Taranto: «Mai pensato di chiudere lo stabilimento» 
Associazioni vanno via: «È teatrino»

 
La festa non autorizzara
Taranto, si sballano a rave party: 17 denunciati, tra loro un minorenne

Taranto, si sballano a rave party: 17 denunciati, tra loro un minorenne

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
LecceTecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
BatLavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
FoggiaL'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 

La storia

Un pugliese tra i vigili del fuoco che hanno spento l'incendio di Notre Dame

Parla Di Miccolis, molfettese, da dieci anni nel Corpo dei vigili del fuoco francesi: «un miracolo che non ci siano state vittime»

Un pugliese tra i vigili del fuoco che hanno spento l'incendio di Notre Dame

BARI - «In quell’inferno c’ero anche io». Lo urla più volte al telefono Francesco Di Miccolis quando verso le 11 di ieri mattina proviamo a contattarlo telefonicamente. Lo urla quasi a squarciagola per ribadire un qualcosa a cui lui stesso stenta ancora a crederci. Francesco da oltre quindici anni è parigino a tutti gli effetti, ma il suo legame con la Puglia, Molfetta e le tradizioni è ancora molto vivo. Classe 1978 , ha madre molfettese e padre (deceduto soltanto qualche anno fa) di Barletta. Il suo sangue è “biancorosso” a tutti gli effetti, ma da oltre quindici anni Parigi e la Francia sono entrati prepotentemente nella sua vita. La sua è una storia molto simile a quella di mille altre, sebbene da lunedì sera ha qualcosa che lo differenzia. Dopo la laurea in ingegneria conseguita a Bari ha lavorato per due anni ad Ivrea, prima di trovare l’amore. «Non è stato un colpo di fulmine, ma un amore vissuto e costruito mattone dopo mattone». E’ così che Francesco inizia il suo racconto dai tratti romantici, ma dai successivi risvolti tragici. Lo fa parlando di Marine, la donna che poi è diventata sua moglie e le ha regalato due magnifici figli.

E’ lei l’ “artefice” di una vita a Parigi che ormai dura da quindici anni ed è sempre lei che lo ha spinto a sfruttare un insolito titolo conseguito in Italia per “arruolarsi” nel corpo dei Vigli del Fuoco di Parigi. «E’ da ormai 10 anni che faccio questo lavoro – prosegue nel suo racconto – che ho preso a cuore dal primo momento. In Italia ci definite angeli, succede anche qui in Francia, ma non mi sono mai sentito un angelo e nemmeno un eroe. La vita degli altri è la cosa a cui teniamo di più, ma ho cercato di operare sempre con concretezza, senza esagerare, perché a casa ogni sera voglio tornarci, per mia moglie e per i miei figli». Grazie al cielo è successo anche ieri notte dopo la tragedia che ha sconvolto la Francia e il mondo intero forse ancor di più degli ormai noti attacchi terroristici a cui Parigi e la stessa Francia non sono nuovi.

«Sono sempre stato scettico, alle fatalità credo poco – ci racconta il vigile del fuoco di Parigi – ma se quanto successo a me non è fatalità, poco ci manca. Ho lavorato sino a domenica sera e lunedì ero già in ferie o quasi. Ero passato in ufficio a completare e sottoscrivere il rapporto di un intervento che mi aveva visto impegnato la sera precedente. Questa pomeriggio (ndr ieri) con la mia famiglia dovevamo prendere un volo, diretto a Bari, per trascorrere le festività pasquali e far ammirare ai miei figli quelle favolose processioni che rendono Molfetta unica in questi giorni. Non sarà così o almeno non nell’immediato. Giunge una chiamata in ufficio, capisco subito che qualcosa di molto grave è in atto. A fuoco Notre Dame, servono uomini, tanto uomini, i più esperti. Questa è stata la comunicazione, diretta, abbastanza precisa. Non ero in servizio, ma è come se lo fossi. Ignorare l’accaduto era quasi impossibile soprattutto quando ogni giorno ti scontri con uno spirito di nazionalità che i francesi con orgoglio rivendicano in ogni momento. Arrivo sul posto con la mia squadra in 15 minuti, quasi un’eternità. Erano le 19.35. Almeno altre tre squadre di miei colleghi erano già a lavoro tra il caos generale e urla strazianti provenienti da ogni dove». Il racconto di Francesco è lucido, nonostante una notte insonne, ma spesso si interrompe per delle domande che lui stesso si pone. Come si è potuto verificare un disastro di simili proporzioni? «Qualcuno ha iniziato a parlare di disastro colposo – ha riferito il 41 enne di origini molfettesi – sebbene non ci sono riscontri al momento. Il cantiere aperto, ci riferivano, stava per essere chiuso o quantomeno sospeso in vista della festività pasquali e soprattutto per accogliere al meglio i numerosi turisti già in città da giorni. Sul caso sta lavorando una commissione d’inchiesta ed è per questo che ogni ipotesi è azzardata in questo momento». Diversi i focolai accesi già all’arrivo delle prime squadre dei vigili del fuoco. «Tra i problemi con i quali ci siamo scontrati – racconta Francesco Di Miccolis – è stato proprio quello di individuare dove e quanti fossero i focolai presenti. Un’ora abbondante l’abbiamo spesa proprio nell’ispezionare lo stabile nella sua interezza prima di coordinarci. Il mio è stato un lavoro di raccordo tra quanto accadeva in prima linea e quello che si stava verificando ai piedi della Cattedrale dove la situazione rischiava di degenerare. Il lavoro di messa in sicurezza di quel luogo è durato almeno tre ore e ha consentito il lavoro di centinaia di miei colleghi che dalle ore 19 si sono alternati». La guglia di Notre Dame che veniva giù paragonata alle Twin Towers di New York? «E’ un raffronto che è stato fatto anche dai media francesi – ha risposto – ma in realtà ha rappresentato il momento più drammatico della nostra attività a Notre Dame, in quanto sebbene erano giunte delle rassicurazioni sull’assenza o quasi di persone in quel luogo, la vera certezza è giunta soltanto a notte inoltrata. Parlare di tragedia in termini di simboli storici o di patrimonio artistico ci sta, ci mancherebbe, ma le vita umane vengono prima di tutto . E questo è un mezzo miracolo». A Parigi si parlava già di ricostruzione mentre le fiamme continuavano ad avvolgere uno dei simboli dell’Europa. «E’ nell’indole de francesi stessi – ha concluso il pompiere pugliese in servizio a Parigi – quello di essere concreti, senza quella burocrazie che regna sovrana in Italia. Quello che è chiaro a tutti è che nulla sarà mai più come prima. La situazione all’interno è critica, seppure non totalmente compromessa, ma a destare preoccupazioni potrebbero essere le strutture portanti». Legato da un certo segreto professionale, Francesco non si lascia sfuggire più nulla e ci congeda con un "a risentirci" mentre l'altro telefono, quello di servizio, riprende a squillare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400