Giovedì 22 Agosto 2019 | 15:17

NEWS DALLA SEZIONE

Bari, boss Montani torna in cella: sparò per vendicare morte del figlio

Bari, boss Montani torna in cella: sparò per vendicare morte del figlio

 
San Carlo
Potenza, medici malati e infortunati: chiuso reparto neonatale, disposta inchiesta

Potenza, medici malati e infortunati: chiuso reparto neonatale, disposta inchiesta

 
Operazione dei Cc
Poggiorsini, sfruttavano extracomunitari a 70 cent l'ora: arrestati due agricoltori

Poggiorsini, sfruttavano extracomunitari a 70 cent l'ora: arrestati due agricoltori

 
L'inchiesta
Bari e il turismo, viaggio fra info point chiusi o nascosti

Bari e il turismo, viaggio fra info point chiusi o nascosti

 
La condanna
Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

 
Il provvedimento
Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker

Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker
A Massafra in cella 46enne

 
Dai Cc
San Ferdinando, aveva una pistola con cartucce: arrestato 49enne

San Ferdinando, aveva una pistola con cartucce: arrestato 49enne

 
Un 21enne
Villa Castelli, non vuole lavorare e picchia i familiari per i soldi: arrestato

Villa Castelli, non vuole lavorare e picchia i familiari per i soldi: arrestato

 
L'allarme
Bari, il racket distrugge due tendoni dell'uva. «Mandate l'Esercito»

Bari, il racket distrugge due tendoni dell'uva. «Mandate l'Esercito»

 
L'inchiesta
Cerignolano ucciso a Lodi, dubbi del pm sul movente della gelosia

Cerignolano ucciso a Lodi, dubbi del pm sul movente della gelosia

 
ANTICIPI E POSTICIPI
Ecco tutte le date e gli orari della serie CBarion campo quasi sempre di domenica

Date e orari della serie C, Bari in campo quasi sempre di domenica

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaInquinamento
Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

 
Bari
Bari, boss Montani torna in cella: sparò per vendicare morte del figlio

Bari, boss Montani torna in cella: sparò per vendicare morte del figlio

 
TarantoUn 46enne
Massafra, perseguita la ex e il suo compagno: in cella

Massafra, perseguita la ex e il suo compagno: in cella

 
BatLa curiosità
Barletta, una Pizza «Art» per Fiorella Mannoia

Barletta, una Pizza «Art» per Fiorella Mannoia

 
FoggiaLa condanna
Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

 
BrindisiIl provvedimento
Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker

Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker
A Massafra in cella 46enne

 
LecceSalento e movida
Lecce, l'amarezza dei gestori delle discoteche dopo il blitz: noi estranei

Lecce, l'amarezza dei gestori delle discoteche dopo il blitz: noi estranei

 
MateraDalla Gdf
Matera, arrestato un uomo sulla 106: aveva 142 gramm di hashish

Matera, arrestato un uomo sulla 106: aveva 142 gramm di hashish

 

i più letti

Nucleare

Radiazioni, l’Europa striglia l’Italia: Puglia e Basilicata col fiato sospeso

La Commissione Ue chiede il recepimento della direttiva Euratom sulle norme fondamentali di sicurezza

Radiazioni, l’Europa striglia l’Italia: Puglia e Basilicata col fiato sospeso

BARI - Malgrado l’Italia sia costellata di impianti e depositi nucleari pericolosissimi – da molti lustri, ma tutti ufficialmente “temporanei” – come a Statte (in provincia di Taranto) e a Trisaia di Rotondella (in Basilicata), e malgrado ci siano numerose attività industriali, estrattive e medicali che coinvolgono fonti radioattive, da sei anni il nostro Paese “dimentica” sistematicamente di adeguarsi agli standard di sicurezza basilari a tutela della popolazione. Infatti è del 5 dicembre 2013, la direttiva Euratom numero 59 che stabilisce «norme fondamentali di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall’esposizione alle radiazioni». Ai governi europei furono dati ben cinque anni di tempo per adeguarsi. E il tempo è scaduto il 6 febbraio del 2018. Così, dopo essere stato deferito alla Corte di giustizia europea per carenze nella gestione sicura delle sostanze nucleari, ora il nostro Paese rischia un secondo «processo» giacché la Commissione europea ha inviato all’Italia un parere motivato - il secondo stadio della procedura di infrazione - per chiedere di trasporre nel proprio ordinamento le nuove norme.

La direttiva di cui parliamo è importante perché fissa regole a tutela della popolazione ma anche di lavoratori e pazienti, dai pericoli derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzanti, usate a scopi medici, ma anche industriali.
Chiariamo che le radiazioni ionizzanti possono causare gravissime conseguenze agli esseri umani. I danni sono noti e dipendono dal tipo di radiazioni, dalla dose, dall’esposizione, dall’organo che viene colpito. Per semplicità: si va dalla morte all’infertilità, dalla cataratta ai tumori, dalle leucemie alle mutazioni genetiche.
Oggi in Italia in fatto di esposizione alle radiazioni valgono i limiti previsti da una legge di ventiquattro anni fa (il D. Lgs. 230 del 1995). Quindi sono considerati «legali» alcuni limiti banditi da Euratom. Per esempio, nel caso del cristallino dell’occhio, per i lavoratori il limite vigente è di 150 milliSievert (il Sievert è l’unità di misura della «dose equivalente», la grandezza che misura i danni causati dalle radiazioni che assorbiamo; ndr). Il limite imposto dalla direttiva Euratom è di soli 20 milliSievert, cioè 7,5 volte di meno.

La direttiva regolamenta in modo serio le attività che coinvolgono materiali con presenza di radioisotopi naturali, sottraendo la materia alle decisioni arbitrarie del singolo Stato. Entra nel merito del Radon (l’assassino silenzioso). Definisce bene materiali, tecniche e autorizzazioni. Prevede preparativi di emergenza, rafforzati dopo l’incidente alla centrale nucleare di Fukushima, in Giappone. Si pretende trasparenza e che ogni Paese crei centri di responsabilità inequivocabili e indipendenti. In definitiva, sopra ogni cosa, questa Direttiva (in realtà una sorta di Testo unico) fa ordine. E in una materia tanto seria sarebbe ora che l’Italia facesse proprio questo.
Il nostro Paese ha ora 2 mesi per rispondere alla Commissione Ue. In caso contrario, potrebbe essere deferita alla Corte di Giustizia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie