Martedì 18 Giugno 2019 | 16:44

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Ex Ilva, operaio muore di tumore, un collega: «La fabbrica uccide»

Ex Ilva, operaio muore di tumore, lo sfogo di un collega: «La fabbrica uccide»

 
La provocazione
Foggia retrocesso, patron Sannella: «Cediamo società a 1 euro»

Foggia retrocesso, patron Sannella: «Cediamo società a 1 euro»

 
Salento
Abuso d'ufficio, indagato ex presidente Provincia di Lecce Gabellone

Abuso d'ufficio, indagato ex presidente Provincia di Lecce Gabellone

 
Il siderurgico
Ex Ilva, le vittime chiedono un nuovo giudizio alla Corte di Strasburgo

Ex Ilva, le vittime chiedono un nuovo giudizio alla Corte di Strasburgo

 
Economia
Mercatone Uno, Consiglio regionale Puglia chiede tavolo al Mise

Mercatone Uno, Consiglio regionale Puglia chiede tavolo al Mise

 
Emergenza casa
Foggia, sindaco protesta: «Da 20 anni senza case popolari»

Foggia, sindaco protesta: «Da 20 anni senza case popolari»

 
Il caso
Da 20 anni con un tubo nello stomaco, rimosso all'ospedale di Potenza

Da 20 anni con un tubo nello stomaco, rimosso all'ospedale di Potenza

 
Regione
Acquedotto Pugliese, concessione prorogata fino al 2023

Acquedotto Pugliese, concessione prorogata fino al 2023

 
L'AMICHEVOLE
In Trentino Bari-Fiorentina?Il club viola lanciano l'idea

In Trentino Bari-Fiorentina? Il club viola lancia l'idea

 
l'operazione
Bari, assalto al portavalori: 2 arresti. Scoperto il covo della banda, rubati 100mila euro

Bari, assalto al portavalori: 2 arresti
Scoperto il covo della banda a Noci FT

 
Nel brindisino
San Donaci, tenta di uccidere nipote con piccone dopo lite, arrestato 46enne

San Donaci, tenta di uccidere nipote con piccone dopo lite, arrestato 46enne

 

Il Biancorosso

LA CURIOSITA'
De Laurentiis e Simeri a MykonosTutto sulle vacanze del Bari

De Laurentiis e Simeri a Mykonos. Tutto sulle vacanze del Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariAll'Università di Bari
Migrazioni, a Bari convegno con 570 relatori da tutto il mondo

Migrazioni, a Bari convegno con 570 relatori da tutto il mondo

 
HomeIl caso
Ex Ilva, operaio muore di tumore, un collega: «La fabbrica uccide»

Ex Ilva, operaio muore di tumore, lo sfogo di un collega: «La fabbrica uccide»

 
LecceSalento
Abuso d'ufficio, indagato ex presidente Provincia di Lecce Gabellone

Abuso d'ufficio, indagato ex presidente Provincia di Lecce Gabellone

 
PotenzaIl caso
Da 20 anni con un tubo nello stomaco, rimosso all'ospedale di Potenza

Da 20 anni con un tubo nello stomaco, rimosso all'ospedale di Potenza

 
BrindisiMinacce e lesioni
Brindisi, litiga con la fidanzata e le rompe il naso: denunciato

Brindisi, litiga con la fidanzata e le rompe il naso: denunciato

 
Foggianel Foggiano
Poggio Imperiale, morta Nonna Peppa, la donna più anziana d'Europa

Poggio Imperiale, morta Nonna Peppa, la donna più anziana d'Europa

 
MateraNel Materano
Boom case vacanza nel Metapontino, terza località in Italia

Boom case vacanza nel Metapontino, terza località in Italia

 
BatDal geologo Dellisanti
Minervino Murge, scoperta nuova grotta carsica

Minervino Murge, scoperta nuova grotta carsica

 

i più letti

Nucleare

Radiazioni, l’Europa striglia l’Italia: Puglia e Basilicata col fiato sospeso

La Commissione Ue chiede il recepimento della direttiva Euratom sulle norme fondamentali di sicurezza

Radiazioni, l’Europa striglia l’Italia: Puglia e Basilicata col fiato sospeso

BARI - Malgrado l’Italia sia costellata di impianti e depositi nucleari pericolosissimi – da molti lustri, ma tutti ufficialmente “temporanei” – come a Statte (in provincia di Taranto) e a Trisaia di Rotondella (in Basilicata), e malgrado ci siano numerose attività industriali, estrattive e medicali che coinvolgono fonti radioattive, da sei anni il nostro Paese “dimentica” sistematicamente di adeguarsi agli standard di sicurezza basilari a tutela della popolazione. Infatti è del 5 dicembre 2013, la direttiva Euratom numero 59 che stabilisce «norme fondamentali di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall’esposizione alle radiazioni». Ai governi europei furono dati ben cinque anni di tempo per adeguarsi. E il tempo è scaduto il 6 febbraio del 2018. Così, dopo essere stato deferito alla Corte di giustizia europea per carenze nella gestione sicura delle sostanze nucleari, ora il nostro Paese rischia un secondo «processo» giacché la Commissione europea ha inviato all’Italia un parere motivato - il secondo stadio della procedura di infrazione - per chiedere di trasporre nel proprio ordinamento le nuove norme.

La direttiva di cui parliamo è importante perché fissa regole a tutela della popolazione ma anche di lavoratori e pazienti, dai pericoli derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzanti, usate a scopi medici, ma anche industriali.
Chiariamo che le radiazioni ionizzanti possono causare gravissime conseguenze agli esseri umani. I danni sono noti e dipendono dal tipo di radiazioni, dalla dose, dall’esposizione, dall’organo che viene colpito. Per semplicità: si va dalla morte all’infertilità, dalla cataratta ai tumori, dalle leucemie alle mutazioni genetiche.
Oggi in Italia in fatto di esposizione alle radiazioni valgono i limiti previsti da una legge di ventiquattro anni fa (il D. Lgs. 230 del 1995). Quindi sono considerati «legali» alcuni limiti banditi da Euratom. Per esempio, nel caso del cristallino dell’occhio, per i lavoratori il limite vigente è di 150 milliSievert (il Sievert è l’unità di misura della «dose equivalente», la grandezza che misura i danni causati dalle radiazioni che assorbiamo; ndr). Il limite imposto dalla direttiva Euratom è di soli 20 milliSievert, cioè 7,5 volte di meno.

La direttiva regolamenta in modo serio le attività che coinvolgono materiali con presenza di radioisotopi naturali, sottraendo la materia alle decisioni arbitrarie del singolo Stato. Entra nel merito del Radon (l’assassino silenzioso). Definisce bene materiali, tecniche e autorizzazioni. Prevede preparativi di emergenza, rafforzati dopo l’incidente alla centrale nucleare di Fukushima, in Giappone. Si pretende trasparenza e che ogni Paese crei centri di responsabilità inequivocabili e indipendenti. In definitiva, sopra ogni cosa, questa Direttiva (in realtà una sorta di Testo unico) fa ordine. E in una materia tanto seria sarebbe ora che l’Italia facesse proprio questo.
Il nostro Paese ha ora 2 mesi per rispondere alla Commissione Ue. In caso contrario, potrebbe essere deferita alla Corte di Giustizia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie