Martedì 11 Dicembre 2018 | 14:02

NEWS DALLA SEZIONE

Parla il salentino Pasca
Tragedia Ancona, presidente associazione locali da ballo: «Linea dura, riorganizzare tutto»

Tragedia Ancona, presidente associazione locali da ballo: «Linea dura, riorganizzare tutto»

 
Sanità
Puglia, scandalo protesi: pagate più del doppio della media nazionale

Puglia, scandalo protesi: pagate più del doppio della media nazionale

 
Si sono difesi
Arresto pm a Lecce, interrogati i 4 ai domiciliari: «Mai chiesto favori»

Arresto pm a Lecce, interrogati i 4 ai domiciliari: «Mai chiesto favori»

 
A Galatina (Le)
Tentano di rubare carburante da azienda: due guardie giurate in servizio arrestate

Tentano di rubare carburante da azienda: due guardie giurate in servizio arrestate

 
Cinema
Red Carpet, a Monopoli arriva la multisala ipertecnologica

Red Carpet, a Monopoli arriva la multisala ipertecnologica

 
Nel tarantino
Palagiano, confiscati beni per 1,3 milioni di euro a un pregiudicato

Palagiano, confiscati beni per 1,3 milioni di euro a un pregiudicato

 
Patente mai conseguita
Fugge all'alt dei carabinieri, inseguito tenta di investirli: arrestato 30enne

Fugge all'alt dei carabinieri, inseguito tenta di investirli: arrestato 30enne

 
Nel Leccese
Surbo: ladri irrompono nella notte, rubate due pistole e munizioni

Surbo: ladri irrompono in comune nella notte, rubate due pistole e munizioni

 
Per il pm è stato riorganizzato il partito fascista
Aggressione al corteo antirazzista: sequestrata sede Casapound Bari

Aggressione al corteo antirazzista: sequestrata sede Casapound Bari VD

 
Lago di Varano
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il processo
Bari, clan Capriati controllava il Porto: chieste condanne fino a 26 anni

Bari, clan Capriati controllava il Porto: chieste condanne fino a 26 anni

 

Amministrative

Centrodestra, lanciate le primarie 2019 per Bari e Foggia

Fratelli d’Italia, noi con l’Italia e Lega auspicano una adesione successiva dei berlusconiani

Centrodestra, lanciate le primarie 2019 per Bari e Foggia

BARI - Il centrodestra pugliese con Fratelli d’Italia, noi con l’Italia e Lega - ma non con l’adesione di Forza Italia - ha lanciato oggi le primarie per le amministrative 2019 a Bari e Foggia, auspicando una adesione successiva dei berlusconiani e dimostrando apertura per esportare il metodo in altri comuni con oltre 15mila elettori al voto in primavera.

Il passaggio politico è stato presentato dai coordinatori regionali dei partiti conservatori e sovranisti Andrea Caroppo, Erio Congedo e Francesco Ventola nell'incontro non è stata esclusa la possibilità perchè alle primarie di Foggia possa partecipare il sindaco uscente Franco Landella (FI) mentre la modalità dei gazebo potrebbe essere applicata anche alla scelta dei candidati dei presidenti di municipio baresi. All'incontro erano presenti anche i parlamentari Marcello Gemmato e Rossano Sasso.

La «location non è casuale, ma simbolica: il fortino Sant'Antonio di Bari. Perché c'è un 'fortino' da espugnare e tornare a far vincere il centrodestra in Puglia. Come? Con le primarie, facendo scegliere alla base, ai cittadini, chi deve rappresentarli nelle urne». Questo l'annuncio fatto dai coordinatori regionali di Lega, Andrea Caroppo, Fratelli d’Italia, Erio Congedo, e NcI-Direzione Italia, Francesco Ventola, per la scelta del candidato sindaco di Bari e Foggia.
Quella di oggi viene definita, dai tre, una «giornata storica, di svolta: l’avvio di un percorso irreversibile dal quale non si torna indietro, ma aperto alle forze politiche del centrodestra, Forza Italia e Idea, ma anche a tutte quelle liste civiche e movimenti di area che sono chiamati non solo a partecipare alla campagna per le Primarie, ma anche ad esprimere il proprio candidato sindaco».

L’appello più forte viene lanciato al sindaco uscente di Foggia, Franco Landella, e al suo partito, proprio partendo dalla convinzione «che lì dove il centrodestra si presenta unito alle competizioni elettorali ha quasi la certezza delle vittoria finale». L’idea di «un centrodestra diviso nelle urne non sfiora minimamente i tre coordinatori regionali», certi - hanno ribadito - che quello di oggi «è solo l’avvio di un cammino di responsabilità al quale si aggregheranno anche tutti coloro che sono stanchi di governi locali e regionale guidati dal centrosinistra il pensiero va soprattutto alle Giunte Decaro ed Emiliano, intendono partecipare all’avvio di un nuovo percorso politico di un centrodestra che torni ad essere protagonista». Insomma, le primarie - è stato evidenziato - «non sono un ripiego per risolvere una querelle ma la volontà di ravvivare il proprio elettorato già in una fase iniziale, riavvicinare alla coalizione tutti coloro che si sono allontanati in questi anni. Il cronoprogramma è già fissato entro la metà del mese di dicembre si insedierà il Tavolo delle Regole per definire i dettagli della partecipazione. Entro la metà di gennaio la presentazione delle candidature a sindaco ed entro la metà di febbraio lo svolgimento delle primarie».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400