Venerdì 26 Aprile 2019 | 12:33

NEWS DALLA SEZIONE

A taranto
Ex Ilva: fumo nero da altoforno, foto virali sui social

Ex Ilva: fumo nero da altoforno, foto virali sui social

 
Turismo sportivo
Castellaneta Urban Trail: la corsa il 4 e 5 maggio alla scoperta del canyon di Puglia

Castellaneta Urban Trail: la corsa il 4 e 5 maggio alla scoperta del canyon di Puglia

 
Nessun ferito
Bisceglie, spara contro carabinieri durante un controllo: fermato

Bisceglie, spara contro carabinieri durante un controllo: preso ucraino

 
È ancora minorenne
Violentata per 9 anni dal papà e dal nonno: orrore nel Potentino

Violentata per 9 anni dal papà e dal nonno: orrore nel Potentino

 
Università
Appelli, tasse e orari di ricevimento: nasce l'app MyUniba, tutte le informazioni sul telefonino

Appelli, tasse e orari di ricevimento: nasce l'app MyUniba, tutte le informazioni sul telefonino

 
I festeggiamenti
San Nicola: anche 20 anni fa le Frecce Tricolori saltarono la festa

San Nicola: anche 20 anni fa le Frecce Tricolori saltarono la festa

 
Il festival
Bif&st, domani a Bari si parte con l'omaggio a Morricone

Bif&st, domani a Bari si parte con l'omaggio a Morricone

 
L'operazione
Lecce, la Dia sequestra un milione di euro di beni a due pregiudicati

Lecce, la Dia sequestra un milione di euro di beni a due pregiudicati

 
Nel foggiano
Incendio in baracca a Borgo Mezzanone: morto cittadino straniero

Incendio in baracca a Borgo Mezzanone: muore carbonizzato 26enne gambiano
Salvini: «Via grandi insediamenti»

 
Lega Pro
Bari, contro il Rotonda sarà festa promozione

Bari, contro il Rotonda sarà festa promozione

 
Il protocollo
Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa

Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa
Bagarre Sisto-Decaro

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoA taranto
Ex Ilva: fumo nero da altoforno, foto virali sui social

Ex Ilva: fumo nero da altoforno, foto virali sui social

 
BrindisiA francavilla fontana
In casa merce rubata e 2 pincher denutriti: denunciata coppia

In casa merce rubata e 2 pincher denutriti: denunciata coppia

 
GdM.TVNel barese
Scarafaggi in mulino ad Altamura, sequestrate 16 tonnellate di prodotti

Scarafaggi in mulino ad Altamura, sequestrate 16 tonnellate di prodotti

 
BatNessun ferito
Bisceglie, spara contro carabinieri durante un controllo: fermato

Bisceglie, spara contro carabinieri durante un controllo: preso ucraino

 
PotenzaÈ ancora minorenne
Violentata per 9 anni dal papà e dal nonno: orrore nel Potentino

Violentata per 9 anni dal papà e dal nonno: orrore nel Potentino

 
LecceIl provvedimento
Lecce, prime multe per rifiuti organici nei sacchi di plastica

Lecce, prime multe per rifiuti organici nei sacchi di plastica

 
FoggiaNel foggiano
Incendio in baracca a Borgo Mezzanone: morto cittadino straniero

Incendio in baracca a Borgo Mezzanone: muore carbonizzato 26enne gambiano
Salvini: «Via grandi insediamenti»

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 

La strage

Scontro treni in Puglia, per i dirigenti del MIT: «Rispettate norme sicurezza»

Nell’udienza di oggi ha parlato anche la difesa del capotreno Nicola Lorizzo, sopravvissuto all’incidente, che viaggiava sul convoglio partito da Andria, difendendosi dalle accuse e sostenendo che spettava ai capistazione verificare che la linea fosse libera.

Scontro treni, la Regione: ecco i documenti

Si sono difesi spiegando di aver rispettato tutte le normative vigenti in materia di sicurezza i dirigenti del Ministero delle Infrastrutture imputati nell’udienza preliminare sulla strage ferroviaria che il 12 luglio 2016 causò tra Andria e Corato la morte di 23 persone e il ferimento di altri 51 passeggeri.

In particolare, la difesa del direttore generale Virginio Di Giambattista ha sostenuto che era dell’Ustif, ufficio periferico del Ministero, il compito di controllare che le misure di sicurezza sulla tratta ferroviaria fossero idonee e che mai erano state segnalate al Ministero situazioni di pericolo. Gli stessi dirigenti dell’Ustif di Bari si sono difesi sostenendo che il blocco telefonico, seppur vetusto, era un sistema ancora consentito dalla normativa sulla sicurezza all’epoca in vigore.
Nell’udienza di oggi ha parlato anche la difesa del capotreno Nicola Lorizzo, sopravvissuto all’incidente, che viaggiava sul convoglio partito da Andria (il collega che era a bordo del treno da Corato è tra le vittime). Si è difeso dalle accuse sostenendo che spettava ai capistazione, e non al capotreno, verificare che la linea fosse libera.
Per tutti i difensori hanno chiesto il proscioglimento. Nella prossima udienza del 15 novembre toccherà ai legali dei dirigenti di Ferrotramviaria e della stessa azienda.

Per la strage rischiano il rinvio a giudizio 17 persone accusate, a vario titolo, di disastro ferroviario, omicidio colposo, lesioni gravi colpose, omissione dolosa di cautele, violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro e falso. Nel procedimento sono costituiti parti civili Regione Puglia, Comuni di Andria, Corato e Ruvo di Puglia, familiari delle vittime e diverse associazioni. Ferrotramviaria e Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sono invece costituiti come responsabili civili.(

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400