Domenica 09 Dicembre 2018 | 23:15

NEWS DALLA SEZIONE

Dalla Polizia
Cerignola, maltrattava bambini a scuola: arrestato maestro 60enne

Cerignola, maltrattava bambini a scuola: arrestato maestro 60enne

 
La mobilitazione in Capitanata
Foggia, l'appello dei ricercatori: «Noi, precari a vita»

Foggia, l'appello dei ricercatori: «Noi, precari a vita»

 
Nel Foggiano
S. Giovanni Rotondo, infermiere violenta una paziente in ospedale: denunciato

S. Giovanni Rotondo, infermiere abusa di paziente operata: arrestato

 
A Foggia
Vicepreside rimprovera alunna, il padre lo prende a schiaffi

Vicepreside rimprovera alunna, il padre lo prende a schiaffi

 
La protesta
Rapina Grandapulia, Sarni: «Le immagini non dovevano girare»

Rapina Grandapulia, Sarni: «Le immagini non dovevano girare»

 
L'iniziativa
Margherita di Savoia, censimento dei fenicotteri rosa

Margherita di Savoia, censimento dei fenicotteri rosa

 
Ad Apricena e P.Imperiale
Corruzione appalti pubblici: controlli GdF nel Foggiano

Corruzione appalti pubblici: controlli GdF nel Foggiano

 
Il colpo
Attimi di panico al GrandApulia: il video della rapina nel centro commerciale

Attimi di panico al GrandApulia: il video della rapina nel centro commerciale

 
Sanità
Foggia, la Cittadella ospedaliera cambia faccia alla città

Foggia, la Cittadella ospedaliera cambia faccia alla città

 

«Il fatto non sussiste»

Lucera, bimbo morì soffocato da caramella: assolto medico 118

IL professionista era accusato di omicidio colposo: la tragedia avvenne nel 2015

Lecce, guasto al centralino: isolato 118

«Il fatto non sussiste»: Giuseppe Lorusso, il medico foggiano del 118 accusato di omicidio colposo per la morte un bambino di 8 anni deceduto perché soffocato da una caramella, è stato assolto con la formula più ampia dal Tribunale di Foggia. La sentenza è stata emessa dal gup Armando Dello Iacovo al termine di un processo celebrato con rito abbreviato.

I fatti risalgono al 7 marzo 2015, a Lucera, quando il bimbo morì soffocato da una caramella rimasta incastrata nelle vie respiratorie. Inutili furono i tentativi, prima della madre e poi dei sanitari del 118, tra cui Giuseppe Lorusso, di rianimare il piccolo, deceduto poco dopo al Pronto Soccorso dell’ospedale di Lucera.

La Procura di Foggia contestava al medico che «dopo la corretta esecuzione delle necessarie manovre di disostruzione delle vie aeree e di rianimazione polmonare», avrebbe omesso di eseguire l’intervento di tracheotomia sul minore. Questo - sempre secondo l’accusa - avrebbe cagionato la morte di Davide per arresto cardio-respiratorio secondario. Nel processo i genitori della vittima si erano costituito parte civile chiedendo un risarcimento di un milione di euro. «Siamo sempre stati convinti della estraneità di Giuseppe Lorusso all’ipotesi di reato contestatagli - hanno dichiarato i legale dell’uomo, Roberto De Rossi e Rosa Imperiale - posto che il medico ha eseguito, all’atto dell’intervento, tutte le manovre rianimatorie richieste dalle linee guida e dai protocolli vigenti in materia».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400