Giovedì 01 Ottobre 2020 | 21:42

NEWS DALLA SEZIONE

cinema
Totò a Cerignola: nel 1958 il suo unico film in Puglia

Totò a Cerignola: nel 1958 il suo unico film in Puglia

 
Nel Barese
Torre a Mare, spunta il ring sul set del film Upside Down

Torre a Mare, spunta il ring sul set del film Upside Down

 
Cinema
«Lucania», arriva su Sky il film, nuovo successo per Joe Capalbo

«Lucania», arriva su Sky il film, nuovo successo per Joe Capalbo

 
il film
Il Caravaggio di Placido è una rockstar col volto di Scamarcio

Il Caravaggio di Placido è una rockstar col volto di Scamarcio

 
l'appuntamento
Tributo a Paolo Villaggio e Fabrizio De Andrè

Tributo a Paolo Villaggio e Fabrizio De Andrè: domani a Torre Santa Susanna

 
Teatro
Bari, rinviata di un anno messa in scena «Il gallo d'oro»: artisti e maestranze in quarantena in Russia

Bari, rinviata di un anno messa in scena «Il gallo d'oro»: artisti e maestranze in quarantena in Russia

 
Lutto nel mondo del giornalismo
Addio a Peppino Caldarola, dirigente Pci e direttore dell'Unità

Addio a Peppino Caldarola, dirigente Pci e direttore dell'Unità. Il cordoglio di Decaro ed Emiliano

 
Il personaggio
Rutigliano, Pietro Masotti l'attor giovine star della fiction

Rutigliano, il giovane Pietro Masotti conquista il pubblico femminile di Raiuno

 
Cultura
Il Pirandello di Lavia in un film targato Bari

Il Pirandello di Lavia in un film targato Bari

 
La storia
Il ring stende i pregiudizi: ciak a Bari per «Upside Down» di Luca Tornatore

Il ring stende i pregiudizi: ciak a Bari per «Upside Down» di Luca Tornatore

 
l'iniziativa
Cinema: tutto pronto per la prima edizione del Matera Film Festival

Cinema: tutto pronto per la prima edizione del Matera Film Festival

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, la Coppa Italia finisce a Ferrara: 11 metri amari ma si torna a testa alta

Bari, la Coppa Italia finisce a Ferrara: 11 metri amari ma si torna a testa alta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIL processo
Omicidio Valente a Bisceglie, 30 anni al killer assolto il boss Capriati ritenuto mandante

Omicidio Valente a Bisceglie, 30 anni al killer assolto il boss Capriati ritenuto mandante

 
PotenzaI dati
Covid, la Basilicata supera il Veneto: in alcuni comuni tamponi al 40% della popolazione

Covid, la Basilicata supera il Veneto: in alcuni comuni tamponi al 40% della popolazione

 
TarantoTaranto
Ex Ilva, i sindacati dopo incontro al Mise: restano i nodi irrisolti

Ex Ilva, i sindacati dopo incontro al Mise: restano i nodi irrisolti

 
LecceNel Salento
Galatina, nasce l'albo delle baby-sitter: sospiro di sollievo per i genitori

Galatina, nasce l'albo delle baby-sitter: sospiro di sollievo per i genitori

 
BatIl virus
Coronavirus, contatto con un positivo: chiuso Tribunale Trani per sanificazione

Coronavirus, contatto con un positivo: chiuso Tribunale Trani per sanificazione

 
Foggiatra carapelle e orta nova
Frontale fra due auto nel Foggiano: 7 feriti, alcuni in gravi condizioni

Frontale fra due auto nel Foggiano: 8 feriti, alcuni in gravi condizioni

 
Materadalla polizia
Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

 
BrindisiLa vicenda
Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

 

i più letti

Cinema

«Semina il vento»: lotta e rinascita ai piedi dell’Ilva nell'opera del regista Danilo Caputo

La proiezione domani al Multisala Massimo di Lecce

Semina il vento : lotta e rinascita ai piedi dell’Ilva

Una storia di ribellione e rinascita, ambientata tra alberi d’olivo e scenari industriali del tarantino, di una giovane donna che lotta per salvare la sua terra dai parassiti, naturali e sociali. Proiezione domani alle 20.20, nella Multisala Massimo di Lecce, del film «Semina il vento», di Danilo Caputo. Il regista e l’attrice Feliciana Sibilano incontreranno il pubblico in sala; a presentare e moderare l’incontro sarà Mauro Marino del Fondo Verri.

Protagonista del film è Nica, una studentessa di agronomia, poco più che ventenne. Dopo tre anni d’assenza torna a casa, in un paesino vicino Taranto, e lì trova un padre sommerso dai debiti, una terra inquinata, gli ulivi devastati da un parassita. Tutti sembrano essersi arresi davanti alla vastità del disastro ecologico e suo padre aspetta solo di poter abbattere l’uliveto di famiglia per pura speculazione economica. Nica, forte di uno spirito battagliero ereditato dall’amata nonna, lotta con tutte le sue forze per salvare quegli alberi secolari. Ma l’inquinamento ormai è anche e soprattutto nella testa della gente e lei si troverà a dover affrontare ostacoli inaspettati. L’opera esplora il conflitto tra due modi di pensare e sentire la natura, quello di Nica, ereditato dalla nonna, e quello di Demetrio, figlio di un progresso industriale che ha disatteso le sue promesse.
Interpreti della vicenda sono gli attori Yile Yara Vianello (la giovane protagonista di «Corpo Celeste» di Alice Rohrwacher), Caterina Valente, Espedito Chionna e Feliciana Sibilano.

Spiega il regista tarantino Danilo Caputo, che ha ambientato la sua storia ai piedi dell’Ilva: «A dieci chilometri da casa mia c’è il più grande polo siderurgico d’Europa, una fabbrica che inquina da 60 anni e della quale però non riusciamo a fare a meno. Perché il vero problema è l’inquinamento mentale. Questa strana patologia moderna per cui chi è disposto ad avvelenare la propria terra, è disposto ad avvelenare se stesso».

Tarantino, classe ’84, Caputo ha scritto e diretto i corti «Polvere» (2008), «Banduryst» e «Il Posto Fisso» (2009), e il lungometraggio no-budget «La Mezza Stagione», presentato in anteprima nel 2014 a Karlovy Vary. «Semina il vento» ha avuto la sua premiere internazionale all’ultima Berlinale, nella sezione Panorama, ed è stato presentato in anteprima italiana all’ultimo Bif&st di Bari.

Il film è una produzione Jba Production e Okta Film con Rai Cinema in coproduzione con Graal Films, e con il contributo di Regione Puglia e il sostegno di Apulia Film Commission, con il sostegno del Fondo bilaterale per le coproduzioni cinematografiche italo-francesi del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo (Mibact) e del Centre national de la cinématographie (Cnc), con il contributo del Mibact, Direzione Generale Cinema per la produzione di opere di giovani autori, con il sostegno di Eurimages e del Greek Film Centre. È distribuito da I Wonder Pictures e Unipol Biografilm Collection. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie