Sabato 20 Aprile 2019 | 05:04

NEWS DALLA SEZIONE

È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 
I controlli
Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

 
La tragedia nel 2016
Scontro treni Ferrotramviaria, oggi via al processo a Trani: 18 imputati

Scontro treni Andria, via al processo a Trani: 19 imputati
«Regione sia responsabile civile»

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl caso
Cerignola, beccato mentre smontava delle auto: arrestato 41enne

Cerignola, beccato mentre smontava delle auto: arrestato 41enne

 
LecceLa decisione
Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

 
BrindisiIl batterio killer
Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

 
TarantoA grottaglie (Ta)
Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

 
Materavittima un materano
Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

 
PotenzaL'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
BatÈ incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 

fiori d’arancio a Trani

Un matrimonio «nato» sul campo

Apulia Trani, l’allenatore Mannatrizio alla capitana Spallucci: «Mi vuoi sposare?»

Un matrimonio «nato» sul campo

Proposta di matrimonio allo stadio di Trani

TRANI - Ha atteso la fine dell’ultima partita di campionato e poi, con la complicità di tutta la squadra, ha compiuto il gesto più romantico della sua vita: una proposta di matrimonio al capitano del gruppo che allena da ormai due anni.

Il protagonista di questa bella storia è Francesco Mannatrizio, tecnico dell’Apulia Trani (serie B femminile): dopo 14 anni di fidanzamento, rompendo ogni schema ed in barba a qualsiasi tattica, ha ufficialmente chiesto la mano della sua prediletta, Irene Spallucci, bandiera della squadra di calcio femminile della città.

Lo stadio Comunale è stato teatro del grande gesto. Finita la partita con la Virtus Partenope, l’allenatore ha chiesto alle sue giocatrici di indossare delle magliette speciali, delle divise fatte realizzare non più tardi di venerdì e consegnate in extremis alla vigilia del match. Quando si sono posizionate sul terreno di gioco, le giocatrici hanno composto la fatidica scritta che ha lasciato senza parole il capitano, ignaro di tutto. “Mi vuoi sposare?”: domanda che non ammette repliche e che ha fatto gol nel cuore della giocatrice. Tanta l’emozione, condivisa anche dal pubblico presente allo stadio.

Dopo l’abbraccio, Mannatrizio ha sorpreso ancora la sua compagna: si è inginocchiato come richiede il protocollo ed ha offerto alla promessa sposa un anello speciale, realizzato con una cannuccia dalla stessa ragazza la bellezza di 14 anni fa, durante uno dei primissimi appuntamenti. Mannatrizio, da allora, lo aveva custodito gelosamente: adesso è tornato sulla mano di chi lo aveva confezionato agli albori di questa storia tutta speciale, nata in una segreteria di partito e poi consolidata grazie anche alla passione comune per il calcio, seppur seguendo strade differenti (Mannatrizio guidava squadre maschili mentre Spallucci muoveva i primi passi con l’Oratorio Trani).

“Quando la vidi giocare la prima volta le dissi di cambiare sport”, ricorda sorridendo Mannatrizio. Il giudizio tecnico, col tempo, è mutato, quello estetico no. Un amore a prova di bomba, anche quando i due si sono ritrovati nello stesso spogliatoio. “Sul campo da calcio abbiamo messo da parte la natura speciale del nostro rapporto, come è giusto che sia in questi casi. Molte giocatrici della squadra neanche sapevano che fossimo fidanzati”. Fuori, ovviamente, è tutta un’altra storia: “Dopo 14 anni, avevamo fisiologicamente cominciato a pensare al matrimonio, ma non avevamo ancora stabilito nulla. E’ stato tutto improvvisato, ma alla fine ciò che conta è il risultato”. Storia a lieto fine, dunque, anche per chi continua a sostenere che calcio e romanticismo possano viaggiare sullo stesso binario.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400