Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 10:45

NEWS DALLA SEZIONE

La denuncia
Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

 
L'iniziativa
Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

 
Per stalking
Picchiata perché russava e minacciata con video osé da pubblicare online: barese fa arrestare l'ex marito

Picchiata perché russava e minacciata con video osé da diffondere: barese fa arrestare ex marito

 
lA POLEMICA
Bari: Piccolo Teatro chiude, blitz con gli attori sul palco

Bari: Piccolo Teatro chiude, blitz con gli attori sul palco

 
Il concorso di idee
Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni

Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni
Sisto (FI): bufala storica

 
Operazione Pandora
Mafia a Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

 
Alle urne
Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

 
Denunciati due fasanesi
Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

 
In scooter sulla Statale 100
Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

 
L'incidente
Bari, traffico in tilt per colpa di un camion: trancia cavi della vecchia Filobus

Bari, traffico in tilt per colpa di un camion: trancia cavi del vecchio Filobus

 
Dopo 6 anni
Bari, restituito agli Antro il patrimonio sequestrato

Bari, restituito agli Antro il patrimonio sequestrato

 

Esami da avvocato col trucco Sorpresi a passare tracce Figlia di giudici con cellulare

BARI - Bloccati e denunciati dai carabinieri che hanno intercettato una busta contenente i compiti diretti a otto candidati. Un dipendente della Corte di Appello, con il compito di sorvegliante, avrebbe consegnato ad una funzionaria dell'Università la busta con le tracce. Beccate (e allontanate) anche tre ragazze che avevano nascosto cellulare: una è figlia di due magistrati. "La prova resta valida"
Esami da avvocato col trucco Sorpresi a passare tracce Figlia di giudici con cellulare
LUCA NATILE
BARI - La banda degli otto aspiranti azzeccagarbugli. Il piano per superare brillantemente la terza prova scritta dell’esame per l'iscrizione nell’albo degli avvocati presso la sede di Corte di appello di Bari, era semplice e ben congegnato. Fase uno: fare uscire dalla maxiaula d’esame, quartiere fieristico, attraverso una delle «sentinelle» deputate a vigilare sul regolare svolgimento della prova, la traccia proposta ai candidati che avevano 7 ore a disposizione, come tempo complessivo per la redazione di un atto giudiziario. Fase due: far giungere il quesito d’esame, attraverso una staffetta alla «mente», ovvero all’esperto che avrebbe sviluppato il tema e redatto l’atto a tempo di record. Fase tre, la più rischiosa: far entrare la risposta al quesito e distribuirla tra gli otto furbetti che avevano ideato, pianificato e preso parte al «complotto».

Tutto è sembrato andare per il verso giusto fino al momento in cui la sentinella, un dipendente della Corte di appello di Bari e la staffetta, una funzionaria dell’Università degli Studi di Bari, si sono incontrati per la consegna finale. Quando la busta con dentro l’atto è passato di mano, sono saltati fuori i carabinieri del Nucleo investigativo (guidati dal tenente colonnello Riccardo Barbera) che stavano controllando la donna sin dall’inizio della sessione d’esame. I due sono trasaliti, balbettando. Nella busta i carabinieri hanno trovato un bigliettino con i nomi di cinque esaminandi. Una manna piovuta dal cielo che avrebbe fatto la felicità anche di altri tre candidati sotto esame.

Il segretario e la donna che gli ha consegnato il plico sono indagati a piede libero per truffa e per la violazione della legge sugli esami di abilitazione professionale, che prevede la condanna da tre mesi a un anno di reclusione per chi copia. Una informativa con il racconto dettagliato di quanto fin qui accertato è finita ieri mattina, sul tavolo del pm Eugenia Pontassuglia. I militari sono sulle tracce dell’’esperto che ha scritto l’atto.

Erano 1.500 i dottori in legge che stavano sostenendo una prova che ora potrebbe essere annullata. Lo svolgimento dell’esame è stato turbato da un episodio che si è verificato nel corso della prima giornata. Tre aspiranti avvocatesse (una è figlia di due magistrati), sono entrate nell’aula tirandosi dietro il telefono cellulare che durante la prova hanno cercato di utilizzare dopo essersi rifugiate in bagno. Quando si sono rese conto che sarebbero state scoperte, sono tornate in aula. Pochi minuti dopo il presidente della commissione d’esame ha comunicato il ritrovamento in bagno dei due apparecchi ma solo una delle due candidate si è fatta avanti, subito espulsa. L’altra è rimasta in silenzio ma è stata identifica.

Il presidente della commissione, intanto, ha fatto sapere che la prova resta valida e che non verrà annullata.

«Quello che è accaduto - ha detto l’avvocato Manuel Virgintino, presidente dell’Ordine degli Avvocati - mi rende molto triste. Mi rattrista lo squallore di chi ricorre a sotterfugi, violando la legge e ogni principio etico. La stragrande maggioranza degli esaminandi ha lavorato con sacrificio e onestà. È una sconfitta per coloro che hanno cercato l’inganno e che giustamente andranno incontro a una punizione ma è anche una sconfitta del sistema. Da tempo sostengo che questa formula d’esame è sbagliata. È necessario e urgente creare un concorso unico per l’accesso a tutte le professioni legali».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400