Giovedì 06 Agosto 2020 | 09:13

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
In due sul monopattino a Bari: filmati e multati dalla Polizia 

In due sul monopattino a Bari: filmati e multati dalla Polizia

 
L'evento
Bari, Ordine Avvocati e Fratres per un pomeriggio di donazione straordinaria di sangue

Bari, Ordine Avvocati e Fratres per un pomeriggio di donazione straordinaria di sangue

 
QUARTIERI
Smog e rumori: San Cataldo così è invivibile

Smog e rumori: San Cataldo così è invivibile

 
cinema
Bif&st: a Bari arriva Benigni, 150 eventi dal 22 al 30 agosto

Bif&st: a Bari arriva Benigni, 150 eventi dal 22 al 30 agosto

 
TURISMO
Bari, al turismo non basta il solo Bonus vacanze

Bonus vacanze: nel Barese l'iniziativa è un flop

 
la decisione
Patrick Zaky, il Comune di Bari concederà cittadinanza onoraria al ricercatore rapito

Patrick Zaky, il Comune di Bari concederà cittadinanza onoraria al ricercatore rapito

 
estate
Addio pesce fresco: il fermo fino al 20 agosto

Bari, addio pesce fresco: il fermo biologico fino al 20 agosto

 
in libano
Beirut, militare di Bitonto ferito in esplosioni: il messaggio del sindaco

Beirut, militare di Bitonto ferito in esplosioni: il messaggio del sindaco

 
coronavirus
Bari, sindacati denunciano: «Sui bus senza mascherina»

Bari, sindacati denunciano: «Sui bus senza mascherina»

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLe nuove professioni
Taranto, firmato protocollo per formare i «manager» del turismo del mare

Taranto, firmato protocollo per formare i «manager» del turismo del mare

 
MateraAllarme covid 19
Ferrandina, altri 10 migranti in fuga dal centro di accoglienza: hanno violato la quarantena

Ferrandina, altri 10 migranti in fuga dal centro di accoglienza: hanno violato la quarantena

 
BariIl caso
In due sul monopattino a Bari: filmati e multati dalla Polizia 

In due sul monopattino a Bari: filmati e multati dalla Polizia

 
PotenzaL'ufficialità
Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

 
LecceIl caso
È ufficiale: l'animale che si aggirava sulle spiagge del Salento è un lupo

È ufficiale: l'animale che si aggirava sulle spiagge del Salento è un lupo

 
FoggiaL'iniziativa
Braccianti morti a Foggia: un'opera per ricordare le vittime del caporalato

Braccianti morti a Foggia: un'opera per ricordare le vittime del caporalato

 
BatIl caso
Covid 19, anziana torna positiva in Rsa di Andria: tutti negativi i dipendenti

Covid 19, anziana torna positiva in Rsa di Andria: tutti negativi i dipendenti

 
BrindisiAMBIENTE
Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

 

i più letti

Il caso

Bari, personale all’osso e in pericolo: Anagrafe sul piede di guerra

Aggressioni e disservizi, i sindacati chiedono un tavolo al Comune

Comune di Bari - Palazzo di Città

Comune di Bari - Palazzo di Città

BARI - Riprende, ma è già in affanno, l'ufficio anagrafe. Dopo i giorni duri della quarantena, quando gli uffici sono rimasti aperti solo per i certificati di nascita e di morte, l'amministrazione comunale ha deciso di riaprire al pubblico, già dalla scorsa settimana, tutti gli sportelli della ripartizione anagrafe. Ci sono da rinnovare più di 20mila carte d'identità e da smaltire tutto l'arretrato accumulato nei mesi di chiusura ma, fra la cronica carenza di personale e le norme anti-contagio, c'è il concreto rischio di lunghe file e ingestibili assembramenti. E i sindacati sono sul piede di guerra.

Alcune segnalazioni sono già arrivate per l'ufficio anagrafe centrale: i cittadini, che non possono più fare sala d'attesa all'interno degli uffici, si accalcano fuori, per strada, mentre aspettano il proprio turno. «Con il contingente di dipendenti ridotto all'osso a causa delle gravi carenze di personale e con un arretrato dovuto al blocco causato dal lockdown per contenere la pandemia da Covid 19, si rischia, con una apertura degli sportelli non programmata, di assistere a continui assembramenti e a episodi di intolleranza che potrebbero sfociare anche in alterchi e atti di violenza», denuncia a riguardo Michele Favia, coordinatore aziendale della Funzione Pubblica della Cgil al comune.

Carenze nell’organico e nell’organizzazione e sicurezza sui luoghi di lavoro sono i temi all’ordine del giorno dell’assemblea del personale della ripartizione Servizi demografici, elettorali e statistici, convocata lunedì dalle segreterie regionale e dell’Area metropolitana della Uil, anche per discutere sulle possibili azioni di lotta sindacali da mettere in campo. «Alla notevole carenza di organico della Ripartizione (circa il 35% in meno nell’ultimo triennio) si sono aggiunti negli ultimi anni una moltitudine di servizi compresi quelli non competenti agli ufficiali d’anagrafe - afferma il segretario Emanuele Valerio -. È una situazione assurda che costringe direzione e dipendenti ad assicurare i relativi servizi con affanno a causa di carichi di lavoro non più sostenibili, col risultato di procurare disagi ai cittadini utenti, che finiscono per scaricare irritazione e rabbia nei confronti di chi è al front office».

Già in passato, il personale dell'ufficio anagrafe è stato vittima di aggressioni verbali e fisiche di utenti esasperati per le lunghe attese e l'insopportabile burocrazia. Qualche giorno fa poi, un agente di polizia locale, in servizio presso la sede centrale in largo Fraccacreta è stato aggredito da parte di un cittadino esasperato dall’attesa, mentre c’è stato chi ha tentato di entrare negli uffici attraverso le finestra, lasciate aperte a causa del malfunzionamento dell’aria condizionata. La situazione, spiegano dal sindacato, impone ancora la massima prudenza. Da marzo a maggio, causa coronavirus, gli uffici sono rimasti aperti al pubblico solo per registrare nascite e decessi. Tutti gli altri servizi sono stati garantiti via web o via telefono, con la maggior parte del personale a lavoro da casa. Si è passati quindi all'apertura su prenotazione, così da evitare assembramenti e da gestire, nel modo più ordinato possibile, il lavoro del personale rientrato in ufficio.

Dal 29 giugno, poi, riapertura per tutti anche se, per alcune delegazioni, gli sportelli sono rimasti chiusi: è il caso di Torre a Mare e Carbonara, ancora out per carenza di personale. A Santo Spirito sono ad oggi aperti tre sportelli su quattro. La mole di lavoro è tale per cui l'amministrazione comunale avrebbe optato per prorogare di 6 mesi la validità di oltre 20mila carte d'identità in scadenza a giugno. «Sicuramente vanno garantiti i servizi all'utenza – riprende Favia - come siamo certi che i servizi devono essere erogati assicurando la massima sicurezza per lavoratori e cittadini baresi».

Dunque ripristino della riapertura programmata, e su prenotazione, degli sportelli, massimo rispetto dei protocolli e delle misure di prevenzione anti-contagio, utilizzo di mascherine e degli altri dispositivi di protezione individuale, ferreo distanziamento fisico. Ma soprattutto: «Chiediamo al Comune un tavolo di confronto per la riorganizzazione dei servizi e l'assegnazione di altro personale, proprio per soddisfare al meglio le esigenze dei cittadini», conclude Luigi Lonigro, segretario generale della Funzione Pubblica Cgil di Bari, in sintonia con i colleghi Uil Valerio e Barnabà.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie