Martedì 21 Settembre 2021 | 01:46

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

botanica

«La scoperta»
Una rara pianta
a Punta Pizzo

Il territorio salentino e pugliese si arricchisce dunque di una nuova specie botanica

pianta rara scoperta a gallipoli

La centaurea rosa-purpurea

di GIUSEPPE PASCALI

GALLIPOLI - Spunta una rarità botanica nel Parco naturale regionale di Punta Pizzo di Gallipoli. Si chiama «Centaurea seridis subsp. Sonchifolia» la pianta scoperta da Roberto Gennaio, naturalista salentino di Taviano, tecnico prevenzione ambiente presso il Dipartimento Arpa di Lecce che da anni conduce studi sulla flora, la fauna e gli habitat naturali del Salento e della Puglia. La pianta, una centaurea dal fiore rosa-purpureo e dal calice costituito da brattee caratterizzate da spine irte e uncinate, è la prima segnalata in Puglia essendo finora nota soltanto in alcune località della Calabria e della Sicilia. Gennaio non è nuovo a queste scoperte, avendo già anni fa rinvenuto presso Ugento l’unica stazione in Italia della rara Fiordaliso di Creta (Centaurea pumilio) e una serie di nuovi ibridi di orchidee spontanee.

La scoperta è avvenuta durante un’erborizzazione tra gli habitat del Parco. «Con grande meraviglia ho osservato questa pianta in piena fioritura che non rientrava tra le mie conoscenze - spiega Gennaio - avevo identificato famiglia, “Asteraceae o Compositae”, e il genere botanico di appartenenza, “Centaurea”, ma la specie mi sfuggiva. Non era presente nella check list della flora del Salento e dell’intera Puglia. Ho portato a conoscenza della scoperta anche l’amico Piero Medagli, botanico presso l’Università del Salento e la pianta era nuova anche per lui. Dopo un attento studio bibliografico e dopo aver visionato centinaia di campioni di exsiccata presso l’Erbario centrale italico del museo di Storia naturale dell’Università di Firenze è stato accertato in questi giorni trattarsi della rarissima Centaurea seridis subsp. Sonchifolia».

Il territorio salentino e pugliese si arricchisce dunque di una nuova specie botanica che sarà prossimamente inserita nella lista rossa regionale, l’elenco delle specie vegetali rare ed in via di estinzione. «Ora ci auguriamo - conclude Roberto Gennaio - che queste nuove scoperte possano rafforzare il vincolo e l’importanza delle aree protette e dei parchi naturali oltre alla necessità di tutelare il territorio dalla cementificazione, dal suo sfruttamento irrazionale, dall’eradicazione degli olivi e da falsi progetti di riqualificazione ambientale». Non è la prima volta che Gennaio si avventura in questo tipo di scoperte: nell’aprile 2015, nel Parco naturale regionale bosco e paludi di Rauccio - Sorgenti Idume, Gennaio rinvenne il rarissimo ibrido di orchidea selvatica Serapicamptis x nouletii, segnalato per la prima volta nel 1889 nel nord della Francia e dedicato a Jean-Baptiste Noulet naturalista francese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie