Giovedì 20 Giugno 2019 | 11:05

NEWS DALLA SEZIONE

Dal 3 luglio
La Puglia approda a Times Square: il video promo sui maxi schermi di New York

La Puglia approda a Times Square: il video promo sui maxi schermi di New York

 
Cinema
Da Trani a Bari, i primi ciak per Sophia Loren

Da Trani a Bari, i primi ciak per Sophia Loren

 
Sport
Volley, nazionale femminile sorde è oro agli Europei: tra loro una tarantina

Volley, nazionale femminile sorde è oro agli Europei: tra loro una tarantina

 
I primi nomi
Battiti Live, nel cast anche Mahmood, Boomdabash, Maneskin, Amoroso

Battiti Live, nel cast anche Mahmood, Boomdabash, Maneskin, Amoroso

 
Musica
Il Volo: gran debutto a Matera, attese date a Barletta e Lecce

Il Volo: gran debutto a Matera, attese date a Barletta e Lecce

 
Dal geologo Dellisanti
Minervino Murge, scoperta nuova grotta carsica

Minervino Murge, scoperta nuova grotta carsica

 
Sprechi alimentari
«Noi non sprechiamo», ecco la campagna della Regione con Toti e Tata

«Noi non sprechiamo», ecco lo spot della Regione Puglia con Toti e Tata VD

 
Il ritrovamento
San Cesario, passanti trovano gatto senza testa: è caccia ai colpevoli

San Cesario, passanti trovano gatto senza testa: è caccia ai colpevoli

 
Ambiente
Oggi si celebra la Giornata mondiale delle tartarughe marine

Oggi si celebra la Giornata mondiale delle tartarughe marine

 
Amara sorpresa
Francavilla, morde la focaccia e ci trova dentro uno scarafaggio cotto

Francavilla, morde la focaccia e ci trova dentro uno scarafaggio

 
Dal 23 al 27/7
Richard Gere in Basilicata: superospite alle Giornate di Maratea

Richard Gere in Basilicata: superospite alle Giornate di Maratea

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Dazn e il Bari anche in serie CFunziona l'accordo in televisione

Dazn e il Bari anche in serie C: funziona l'accordo in televisione

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaLa nomina
Potenza, Mario Guarente si insedia ufficialmente come sindaco

Potenza, Mario Guarente si insedia ufficialmente come sindaco

 
TarantoIl caso
Rifiuti, società tratteneva indebitamente quote sindacali: condanna a Taranto

Rifiuti, società tratteneva indebitamente quote sindacali: condanna a Taranto

 
FoggiaAgricoltura
Il pelato «made in Foggia» rianima il mercato

Il pelato «made in Foggia» rianima il mercato

 
LecceFerrovie Sud Est
Trepuzzi, il climatizzatore in treno è rotto: malore per un disabile

Trepuzzi, il climatizzatore in treno è rotto: malore per un disabile

 
BatShock in città
Tragedia ad Andria, sedicenne leccese si impicca in comunità

Tragedia ad Andria, sedicenne leccese si impicca in comunità

 
BariIl caso
Casamassima, tenta di rapire bimbo dall’auto del padre: preso

Casamassima, tenta di rapire bimbo dall’auto del padre: arrestato 34enne

 
BrindisiMaxi sequestro
Brindisi, gdf sequestra 218 chili di marijuana: arrestato corriere

Brindisi, gdf sequestra 218 chili di marijuana: arrestato corriere

 
MateraL'operazione
Caporalato, sequestri per 7 milioni nel Materano

Caporalato, sequestri per 7 milioni nel Materano: 4 imprenditori indagati

 

i più letti

Gli affetti speciali del corriere

«The mule» di Eastwood: Clint dai fiori alla droga mito in viaggio

Il film è basato sulla storia vera di Leo Sharp, un veterano della seconda guerra mondiale che negli anni ottanta divenne uno spacciatore di droga e corriere per il cartello di Sinaloa

«The mule» di Eastwood: Clint dai fiori alla droga mito in viaggio

«Sono stato un pessimo padre, un pessimo marito. Pensavo fosse più importante essere qualcuno da un’altra parte, invece del fallimento che ero a casa mia». Earl Stone ha il fisico asciutto e l’età avanzata di Clint Eastwood, che il prossimo 31 maggio compirà 89 anni, sebbene la vicenda sia un po’ retrodatata, visto che comincia a Peoria, Illinois, nel 2005.
Il protagonista è un floricoltore dedito da sempre al suo lavoro e in particolare a una specie di giglio che vive soltanto un giorno (metafora in agguato?), a scapito della famiglia: la moglie lontana e ormai disillusa (la magnifica Dianne Wiest), la figlia di cui riesce a disertare persino il matrimonio (interpretata proprio da Alison Eastwood), e ora la nipote Ginny (Taissa Farmiga). Da un po’ il lupo solitario, pur sempre seduttivo nei convegni botanici dei quali frequenta soprattutto il bar, è nei guai economicamente. Gli hanno pignorato la casa, giacché le vendite online hanno stravolto le regole tradizionali del commercio dei fiori: «Internet, a chi serve?».

Sennonché Earl Stone, quasi per caso, entra in contatto con una gang di narcotrafficanti. I giovanotti messicani pensano bene di sfruttare la passione del Nostro per la guida e la sua condotta irreprensibile lungo le strade degli States: «Mai presa una multa in tanti anni», si vanta. L’arzillo e disincantato vecchietto diventa dunque un corriere della droga, anzi, il corriere (The Mule). È vincente la sua imperturbabile perizia nel risolvere gli imprevisti, cui corrisponde un’impavida calma di fronte alle minacce a mano armata del criminale di turno, giacché, ricorda lo stesso Earl, lui ha fatto la guerra. E lì, scherzando ma non troppo, ti chiedi quale conflitto fosse. La Corea? La Seconda guerra mondiale? O, per assurdo, una delle guerre indiane con il generale Custer...

I viaggi verso il Messico per la consegna dei panetti di coca si susseguono a ritmo crescente e i compensi vengono talora investiti in opere di bene, finché non compare sulla scena un tenace agente speciale: Bradley Cooper, che era in American Sniper di Eastwood nel 2014, e sta vivendo una stagione d’oro dopo il successo di A Star is Born. Il segugio antidroga non molla la presa e The Mule si arricchisce di situazioni tipiche da gangster movie, per esempio nella tenuta di un boss (Andy Garcia) affollata di belle fanciulle seminude e su di giri, un po’ alla maniera di Spring Breakers. Due di loro «mettono a letto» Earl, il quale non si sottrae, però le invita a consultare il suo cardiologo! E via così, tra una «corsa» con la droga e un regolamento di conti, fino all’epilogo di tutt’altro tono, che naturalmente non sveleremo.
Tratto da una storia vera, il film è sceneggiato da Nick Schenk, che per Eastwood dieci anni fa scrisse il capolavoro Gran Torino (un’altra automobile-feticcio sul viale del tramonto), di cui qui ricorrono alcuni temi sottesi, come il rapporto controverso ma franco con l’Altro, si tratti dei «negri» o delle «lesbiche» cui Earl si rivolge senza curarsi del «politicamente corretto». E di Gran Torino riaffiora alla ribalta di The Mule anche una paradossale dimensione paterna non ligia alle convenzioni, perché la genitorialità e lo stesso amore coniugale sono all’opera in situazioni e modalità imprevedibili...
Più di tutto, conta lo stile rarefatto, l’afflato di questo film come dei tanti realizzati da Eastwood negli ultimi trent’anni o giù di lì, da Gli spietati in avanti. È un cinema classico, il suo, che punta agli affetti speciali invece che agli effetti digitali, con innesti meditabondi, quasi «orientali» o zen, nel corpo di una tradizione che è nomade per eccellenza, un lascito del western. Basta far caso alle inquadrature in primo piano del «muso» del pick-up nelle lande desertiche, alla maniera in cui John Ford riprendeva i cavalli, per avere sentore del lavoro di decostruzione culturale dei miti e dei riti americani. Fervet opus, a dispetto dell’età del regista.

«Lo sa che somiglia a James Stewart?», dice un poliziotto al corriere. In effetti, il «bravo ragazzo» Jimmy Stewart e il «texano dagli occhi di ghiaccio» Clint Eastwood sono due facce di una medaglia, il bene e il male inestricabili nella parola «America». Oggi l’America non pensa che sia «più importante essere qualcuno da un’altra parte» e vuole starsene cinta dai suoi muri o nelle villette a schiera al riparo dai fantasmi che chiama «stranieri», lungi da grane di qualunque tipo.
Il vecchio Clint, pur tante volte tacciato di razzismo, non ci sta e con Beckett - sì lui, Samuel Beckett - in fondo dice: «Ho provato, ho fallito. Non importa, riproverò. Fallirò meglio».

IL CORRIERE - THE MULE. Interpreti e personaggi: Clint Eastwood (Earl Stone), Bradley Cooper (agente speciale Colin Bates), Taissa Farmiga (Ginny), Michael Peña (agente DEA), Laurence Fishburne (agente speciale DEA), Alison Eastwood (Iris, figlia di Earl), Dianne Wiest (Mary), Andy Garcia (Laton). Drammatico, USA, 2018. Durata: 116 minuti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie