Sabato 18 Settembre 2021 | 03:58

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Viaggio culinario

World Pasta Day 2018, Dubai capitale del consumo: +33% in 5 anni

Oggi si celebra negli Emirati Arabi la giornata internazionale del prodotto italiano più amato al mondo

pasta

Da Napoli fino a Dubai, prosegue il viaggio millenario ed inarrestabile della pasta. Saporita, salutare, economica e facile da cucinare (almeno per noi italiani) ha fatto il botto (come appunto si dice all’ombra del Vesuvio) pure sulla ricchissima tavola degli sceicchi. Tradotto in cifre, negli ultimi 5 anni a Dubai – cuore commerciale degli Emirati Arabi Uniti – il consumo di pasta è cresciuto del 33%. E allora, ecco spiegato perché l’International Pasta Organisation (IPO) oggi ha scelto proprio Dubai per celebrare l’edizione 2018 del World Pasta Day.

Perché ha tanto successo, travalicando ogni confine? «“La pasta è un cibo universale, ricco di storia e cultura, sempre più simbolo di una sana alimentazione, il cui consumo è in continuo sviluppo, grazie anche ai suoi valori nutrizionali riconosciuti a livello internazionale», risponde Raffaello Ragaglini, segretario Generale di IPO.

Negli States la pasta è già una superstar. Gli emigranti italiani, a New York, venivano soprannominati maccarroni o broccolini: un concentrato di cose buone in pentola. Alberto Sordi, nei panni di un «Americano a Roma» è una delle icone del cinema. Agli emiratini, sazi e alla ricerca di cose chic, il World Pasta Day darà l’opportunità di conoscere la pasta «come il cibo perfetto per tutte le culture, vero e proprio alimento del futuro, che unisce al gusto e convivialità nel segno del benessere e della sostenibilità», aggiunge Ragaglini.

Questa associazione, puntualmente ogni anno, propone di promuovere il consumo e la conoscenza della pasta nel mondo, rendendo il consumatore maggiormente edotto del valore nutrizionale e degli effetti benefici della pasta, anche con l’obiettivo di salvaguardare l’immagine dell’industria della pastificazione a livello internazionale. La prima edizione nel 1997, manco a dirlo, si tenne a Napoli.

All’IPO aderiscono 26 membri in rappresentanza di 18 Paesi (Argentina, Belgio, Brasile, Canada, Cile, Colombia, Costa Rica, Francia, Germania, Iran, Italia, Messico, Portogallo, Spagna, Turchia, Stati Uniti, Uruguay, Venezuela) e le due Federazioni europee degli industriali pastai (UNAFPA) e degli industriali semolieri (Semouliers). Col World Pasta Day si celebra l’importante ruolo svolto dalla pasta per nutrire il mondo e la sua capacità di adattarsi a ogni cucina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie