Sabato 16 Febbraio 2019 | 08:11

NEWS DALLA SEZIONE

A gallarate
Facevano saltare bancomat in Lombardia con dispositivo rudimentale: 3 foggiani arrestati

Facevano saltare bancomat in Lombardia con dispositivo rudimentale: 3 foggiani arrestati

 
L'evento
San Valentino, Bari festeggia ballando in Largo Albicocca

San Valentino, Bari festeggia ballando in Largo Albicocca

 
La protesta a Roma
Centinaio annuncia: «Presto decreti su gelate e Xylella»

Gilet arancioni, Centinaio: «Presto decreti su gelate e Xylella»
Emiliano: «A marzo piano sviluppo»

 
Colti in flagrante
Foggia, rapinatori seriali arrestati in flagrante: incastrati da un buco sulla serranda di una tabaccheria

Un buco sulla serranda di una tabaccheria incastra rapinatori: 4 arresti a Foggia

 
La dinamica del delitto
«Non accettava la fine della relazione»: così la ex amante ha fatto uccidere il netturbino

«Non accettava la fine della relazione»: così la ex amante ha fatto uccidere il netturbino

 
L'operazione della Gdf
Andria, «zuccheraggio» del vino: sequestrati migliaia di ettolitri e stabilimento abusivo

Andria, «zuccheraggio» del vino: sequestrati migliaia di ettolitri e stabilimento abusivo VD

 
Il caso
Matera, rapina da film in gioielleria: uno degli autori incastrato dalle telecamere

Matera, rapina da film in gioielleria con kalashnikov: arrestato 25enne

 
Il video
Contrabbando a Bari, ultra 70enne alla guida di un'auto con 80 chili di sigarette: sequestrate

Contrabbando a Bari, ultra 70enne alla guida di un'auto con 80 kg di sigarette: sequestrate

 
Ieri sera
Due incidenti sulla SS16 a Foggia: 7 feriti in tutto

Due incidenti sulla SS16 a Foggia: 7 feriti in tutto

 
A Milano
Bit, la «gara» spot sulle orecchiette coinvolge una sarda

Bit, la «gara» spot sulle orecchiette coinvolge una donna sarda

 
Nel Tarantino
Talsano, la lite, gli schiaffi e la spedizione punitiva: il video

Talsano, la lite, gli schiaffi e la spedizione punitiva: il video

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl caso
«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

 
BariL'anniversario
Bari, 20 anni dalla morte Tatarella: un libro per ricordarlo

Bari, ricordato Tatarella a 20 anni dalla morte

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 
MateraNel 2009
Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

 
TarantoDenunce
Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

 
PotenzaNel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
BrindisiProvoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
LecceNuove accuse
Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

 

Coincidenze «atomiche»

Deposito scorie nucleari, nel video «appare» Martina Franca

Piazza, portici e fontana della bellissima città tarantina compaiono nel documentario pubblicato dalla Sogin

BARI - Sono anni che gli italiani aspettano di sapere dove il Governo vuol costruire il Deposito nazionale delle scorie a bassa e media attività e con annesso deposito «temporaneo» per quelle più pericolose, come le barre Uranio/Torio stipate in Basilicata. La lista dei siti idonei è pronta dai tempi dell’Esecutivo Renzi ma è ben chiusa nei cassetti del potere, oggi in gialloverde. Per questo lascia di stucco scorgere in un documentario ufficiale su questo fantomatico Deposito la bellissima Piazza Maria Immacolata di Martina Franca (Taranto), con i suoi inconfondibili Portici. Fa un certo effetto sia per la nitidezza del riferimento sia perché è firmato dai futuri “padroni” del Deposito, cioè la Società Gestione Impianti Nucleari (Sogin) che, per conto dello Stato e con i soldi versati dai contribuenti in bolletta elettrica, deve smantellare il nucleare italiano e costruire il “cimitero” atomico.

Per altro, nel video (liberamente consultabile su www.youtube.com/watch?v=3lb7FxcPjWE) i Portici compaiono proprio quando si parla del «territorio che lo vorrà ospitare», il Deposito. Disegni davvero ben fatti, realistici. L’unica nota di fantasia è che, a un certo punto, nel piazzale compare una fontana. Ma non una fontana qualunque: sembra proprio la Fontana dei Delfini, opera del maestro martinese, Francesco Corrente, e che si può ammirare in Piazza Roma, sempre a Martina Franca.
Parrebbe, insomma, un raffinato caso di comunicazione subliminale. Interpellata al riguardo, la Sogin afferma che è «un’immagine fittizia» e che «la volontà di questo video è di non rappresentare nessun paese nello specifico. È un disegno di fantasia, un fumetto con immagini a tratto». No, «non c’è un accordo col Comune di Martina Franca. Non c’è nessun retropensiero. L’accostamento non è voluto, è del tutto casuale».
L’Amministrazione comunale non ha voluto commentare.

Ad ogni modo, stando all’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra), la Puglia non ha di che stare allegra. Secondo gli scienziati, il Deposito dovrà essere costruito in un comune al di sotto dei 700 metri sul livello del mare (come Martina e come una novantina di comuni pugliesi e una cinquantina di comuni lucani); ad almeno 5 km dal mare, in un’area che non sia né sismica né vulcanica, fuori dai parchi nazionali. E poi, per evitare che un incidente con merci pericolose (gas, liquidi infiammabili, esplosivi) coinvolga le scorie nucleari, la struttura dovrà essere ad almeno «un chilometro - scrive Ispra - da autostrade e strade extraurbane principali e da linee ferroviarie fondamentali». Secondo Sogin il Deposito non sorgerà lì dove sono reattori e impianti nucleari (quindi non a Trisaia, in Basilicata). Per il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, non sorgerà né in Sardegna né in Sicilia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400