Sabato 17 Novembre 2018 | 10:21

NEWS DALLA SEZIONE

L'operazione
Taranto, sequestrati 4 quintali di cozze nocive

Taranto, sequestrati 4 quintali di cozze nocive

 
La riunione
Bonifica ex Ilva, i commissari: pagati oltre 100 milioni in un anno

Bonifica ex Ilva, i commissari: pagati oltre 100 milioni in un anno

 
Crisi in Comune
Taranto, il sindaco Melucci valuta il ritiro delle dimissioni

Taranto, il sindaco Melucci valuta il ritiro delle dimissioni

 
L'inchiesta
Taranto, morti sul lavoro il video in mano ai pm

Taranto, morti sul lavoro il video in mano ai pm

 
Crisi in Comune
Taranto, Si avvia lo scioglimento del Consiglio: già raccolte 13 firme

Taranto, Si avvia lo scioglimento del Consiglio: già raccolte 13 firme

 
A taranto
Centro autismo rischia chiusura, protestano famiglie

Centro autismo rischia chiusura, protestano famiglie

 
Incidente sul lavoro
Taranto, due operai cadono da impalcatura in quartiere Tamburi

Taranto: il cestello della gru si ribalta, precipitano e muoiono due operai

 
Ambiente
Taranto, spostati i fusti radioattivi da ex Cemerad a Roma

Taranto, spostati i fusti radioattivi da ex Cemerad a Roma

 
Furto
Rubano 720kg di olive a Palagiano, arrestati 4 stranieri

Rubano 720kg di olive a Palagiano, arrestati 4 stranieri

 
La vicenda
Taranto, vandali distruggono Piazza Bettolo nella notte

Taranto, vandali distruggono Piazza Bettolo nella notte

 
La tragedia in Francia
Marsiglia, ultimo saluto a Simona Carpignano: le sue ceneri sparse in mare

Marsiglia, ultimo saluto a Simona Carpignano: il corpo sarà cremato

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Il fisco comunale

Taranto, tasse locali non pagate: 40mila avvisi in arrivo

Il municipio stringe la morsa. La direzione Tributi ha affidato ad una società l’incarico di stanare gli evasori

Quei dubbi sui 40 milioniil sindaco replica al Mef

TARANTO - Se è vero che parlare di lotta all’evasione fiscale, diventa più difficile in un periodo in cui si confezionano condoni di una certa rilevanza, il Comune di Taranto ci prova ugualmente. E ci prova ancor una volta così come, del resto, fa ogni anno. A novembre, infatti, gli uffici della direzione Tributi del Comune di Taranto fanno spedire da una società incaricata gli avvisi per intercettare quei contribuenti che... non hanno contribuito. Si tratta di cittadini di Taranto, famiglie ma anche commercianti e lavoratori autonomi, che hanno evaso il pagamento delle tasse municipali oppure che hanno versato solo in parte quanto dovuto.

Del resto, nel provvedimento adottato dal Comune (in gergo, nella determina dirigenziale) si legge che «a seguito dell’attività di verifica e controllo è emerso che alcuni contribuenti - si riporta testualmente - hanno omesso il versamento dei tributi Imu (imposta municipale sulla casa, ndr) e Tares - Tari (tassa sui rifiuti, ndr) nei termini previsti e, pertanto, a norma dei regolamenti comunali per la disciplina dei tributi, si rende necessario procedere alla notifica di apposito avviso di pagamento, per il recupero del credito entro il 31 dicembre 2018 (ovvero di quest’anno, ndr)».

Ed ancora: Ritenuto, pertanto, necessario ed urgente procedere alla stampa ed imbustamento di circa 40mila avvisi di accertamento di Tares - Tari - Imu; è stato affidato direttamente alla società DDManagement di Bari ri». Che percepirà, Iva compresa, 23mila euro.

In particolare, il tandem uffici comunali e società privata porterà a termine il servizio di processing flussi degli avvisi di sollecito o accertamento per omesso o parziale pagamento della Tares 2013, di accertamento Imu 2013, l’accertamento per omessa o infedele dichiarazione Tares - Tari 2013; la bonifica dati Imu 2013, la scansione ottica e indicizzazione cartoline di ritorno atti 2017 e le dichiarazioni Imu 2013 - 2018.

Ancora non è noto, quale sia l’importo corrispondente dei 40mila «avvisi» che, nelle prossime settimane, termineranno nelle cassette postali dei contribuenti tarantini. Ma, di certo, è preferibile non farsi illusioni rispetto alle risorse che effettivamente verranno incassate dall’Amministrazione comunale. In genere, almeno questo è avvenuto in passato, materialmente sul conto corrente della tesoreria comunale rispetto ad un importo accertato (e quindi evaso) di 35 - 40 milioni di euro, in cassa, finiva solo qualche milione di euro. Il resto? Non veniva mai riscosso, anche a causa delle difficoltà nella fase della riscossione coattiva. Che adesso, dovrebbe migliorare. Almeno, questo è nelle speranze dell’ufficio Tributi e dell’intera Amministrazione comunale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400