Sabato 19 Giugno 2021 | 02:29

NEWS DALLA SEZIONE

Mobilità
Potenza, verifiche sul Ponte Musmeci, traffico deviato

Potenza, verifiche sul Ponte Musmeci, traffico deviato

 
L'emergenza
Basilicata zona bianca: Speranza telefona a Bardi

Basilicata zona bianca: Speranza telefona a Bardi

 
Il Bollettino
Potenza, 14 positivi su 660 tamponi esaminati

Basilicata da lunedì in zona bianca

 
Il fatto
Potenza, Bosco Piccolo, al via i lavori per completare l’area della parrocchia

Potenza, Bosco Piccolo, al via i lavori per completare l’area della parrocchia

 
ambiente e territorio
Potenza, Da Lavello al Materano il deserto avanza pure qui

Potenza, da Lavello al Materano il deserto avanza pure qui

 
Il caso
Potenza, il grido dei giovani diabetici

Potenza, il grido dei giovani diabetici

 
La denuncia
Potenza, «la Basilicata sempre più povera»

Potenza, «la Basilicata sempre più povera»

 
Serie C
Calcio, Gallo confermato sulla panchina del Potenza

Calcio, Gallo confermato sulla panchina del Potenza

 
L'intervista
Potenza, l’incubo Covid ci cambia la testa

Potenza, l’incubo Covid ci cambia la testa

 
Il progetto
Potenza, una scuola per «coltivare boschi»

Potenza, una scuola per «coltivare boschi»

 

Il Biancorosso

verso il futuro
Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeCovid
Puglia, riunione d'urgenza per fronteggiare la variante indiana

Puglia, riunione d'urgenza per fronteggiare la variante indiana

 
LecceIl blitz
Carmiano, Faider fiuta la droga e scattano due arresti

Carmiano, Faider fiuta la droga e scattano due arresti

 
PotenzaMobilità
Potenza, verifiche sul Ponte Musmeci, traffico deviato

Potenza, verifiche sul Ponte Musmeci, traffico deviato

 
BariL'iniziativa
Bari, al via i lavori per il parchetto dei cani

Bari, al via i lavori per il parchetto dei cani

 
PotenzaL'emergenza
Basilicata zona bianca: Speranza telefona a Bardi

Basilicata zona bianca: Speranza telefona a Bardi

 
Foggiail processo
Ucciso durante una rapina: Regione Puglia e associazione Panunzio parti civili

Ucciso durante una rapina: Regione Puglia e associazione Panunzio parti civili - Il 17enne confessa: «Non volevo ucciderlo»

 
BatGiustizia svenduta
Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione.

Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione

 
TarantoMonitoraggio
Taranto, in carcere 34 positivi ma uno solo è ricoverato

Taranto, in carcere 34 positivi ma uno solo è ricoverato

 

i più letti

Il punto

Stellantis, su Melfi equivoci e silenzi

In ballo ci sono oltre 5 miliardi di euro del maxi finanziamento ottenuto da Fca nel 2020, di cui Roma si è fatta garante per l'80 per cento

Stellantis, oggi Tavares in Basilicata

foto Tony Vece

Riecheggiano nel pianeta Stellantis le parole del ministro Giorgetti che nell'ultimo “question time” ha ribadito la volontà di far rispettare ai vertici societari gli impegni assunti con il Governo italiano. In ballo ci sono oltre 5 miliardi di euro del maxi finanziamento ottenuto da Fca nel 2020, di cui Roma si è fatta garante per l'80 per cento. Ma, soprattutto, il destino di migliaia di lavoratori, a cominciare da quelli dello stabilimento di Melfi (Potenza), alle prese con lunghi periodi di cassa integrazione.

Da una parte la voce di Roma che arriva a Parigi come un sussurro, dall'altra le rassicurazioni dell'amministratore delegato Tavares sulla centralità di Melfi: nel mezzo una situazione che preoccupa, inquieta, mette ansia, la cui evoluzione traduce ogni impegno verbale in discorsi dalla vacuità "pneumatica”, per restare in tema automobilistico. I fatti stanno andando nella direzione diametralmente opposta agli annunci. Non solo a Melfi si continuano ad inanellare settimane di Cig, ma da lunedì scatterà anche una fermata collettiva sul terzo turno, quello notturno. L'azienda giustifica il provvedimento segnalando ancora una volta le difficoltà legate alla situazione di mercato, alla mancanza di semiconduttori a livello globale per tutti i costruttori automobilistici in Europa, America e Asia. La decisione di spegnere le luci dello stabilimento fino al 24 maggio (sperando che non ci siano proroghe) impatterà sulle buste paga dei dipendenti, già alleggerite da mesi di “stop and go” della produzione. Invano i sindacati avevano più volte proposto all'azienda delle soluzioni alternative per cercare di non intaccare ulteriormente il salario, ma quello delle decurtazioni è un pozzo di San Patrizio a cui ogni azienda, che dice di essere in difficoltà, attinge senza soffermarsi troppo sui riverberi fuori dai propri confini d'interesse.

Sacrifici su sacrifici chiesti ai lavoratori che stridono di fronte alle performance di vendita del gruppo registrati nel primo trimestre 2021: con una quota complessiva di mercato del 23,6 per cento, infatti, Stellantis ha conquistato il vertice delle vendite globali europee che comprendono le autovetture e i veicoli commerciali leggeri. Un segnale di tenuta rispetto all'onda d'urto dell'emergenza sanitaria, ma che, evidentemente, non produce benefici sul personale di Melfi, spettatore di una programmazione che conferma la produzione della Jeep Compass e di tutti i modelli ibridi e utilizza la mannaia sulle motorizzazioni tradizionali di 500X e Renegade. Entrambe subiranno una sostanziale flessione.

Segnali contrastanti disegnano traiettorie indecifrabili sul destino dello stabilimento lucano che sta assistendo a una “migrazione” di operai verso la fabbrica di Poissy: un trasferimento volontario e temporaneo, di tre mesi, dietro la promessa di incentivi economici. Proposta allettante per i lavoratori, soprattutto in questo periodo di magra. Ma il dislivello produttivo tra stabilimenti dello stesso gruppo genera dubbi, sospetti: perché Melfi continua a fermarsi e siti Oltralpe producono così tanto da richiedere rinforzi? L'ennesimo interrogativo che avviluppa il futuro di Stellantis su cui occorre fare chiarezza andando al di là delle frasi di circostanza e di impegni fumosi.

Sull'intera questione la Regione Basilicata promuoverà un tavolo di confronto mercoledì prossimo. Ma è bene essere chiari fin dall'inizio, sgombrando il campo da aspettative illusorie: Stellantis, quarto gruppo industriale del mondo, ragiona con logiche globali. Interloquire alla pari non è facile per nessuno. Neppure Obama ebbe vita facile per convincere Marchionne all'epoca dell'accordo Chrysler. Chi governa il territorio dove Agnelli nel 1991 calò la sua astronave può fare ben poco. E' Roma che deve intervenire, costringendo Parigi e i vertici societari a uscire dall'alveo degli equivoci e a indicare numeri certi e vincoli precisi che riguardano gli interessi italiani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie